Select Page

Advertisement

Settecolli tra le star, Zokfova e Toniato pass europei

di Elisa Bellardi

Photo credit: gianmattiadalberto@lapresse.it

Il maltempo manda tutti a casa in anticipo. Si conclude così, per la prima volta, la 51esima edizione del Trofeo Internazionale Settecolli di Roma, svoltosi al Foro Italico da venerdì 13 a domenica 15 giugno. Prima che tuoni, però, c’è ancora tempo per due finali: quella degli 800 stile libero vinta un’Aurora Ponsolé in gran forma, che con 8’25”86 lascia indietro l’ungherese Boglarka Kapas e Isabella Sinisi. I 200 dorso maschili, invece, sono vinti da Peter Bernek in 1’57”80, davanti a Luca Mencarini e Cristopher Ciccarese, mentre le gare vengono interrotte prima dei 200 dorso femminili. Verso le 18, tornato il sereno, c’è stata però la sfida che non ti aspetti: quella “informale” tra due delle protagoniste del meeting, Federica Pellegrini e Katinka Hosszu nei 200 dorso, vinta dalla Hosszu che compresa questa è scesa in acqua per dodici competizioni.

I due giorni precedenti, invece, regalano emozioni (a partire dai 50 rana vinti dalla sempre straordinaria lituana Ruta Meilutyte in 29”90) e qualche nuovo pass per gli Europei di Berlino. Stiamo parlando, prima di tutto, di Carlotta Zofkova, che conquista i 100 con 1’00”44, centrando l’agognato minimo e finendo davanti a Simona Baumrtova e Federica Pellegrini (1’00”94). Grande soddisfazione per un’atleta che per un solo decimo aveva mancato la qualificazione per Londra 2012, e i complimenti anche dalla Fede nazionale.

Bravissimo anche Andrea Toniato, che realizza in batteria pass per Berlino e miglior tempo della manifestazione nei 50 rana (27”25), che il pomeriggio vince in 27”46. Solo sesto Fabio Scozzoli (28”24), che dopo l’infortunio al ginocchio che l’ha tenuto fermo buona parte della stagione conferma di non essere ancora in condizione ottimale e di dover recuperare uno stato di forma.

Per finire, si conferma in ottima forma la campana Stefania Pirozzi, che vince i 400 misti in 4’38”06, secondo tempo mai nuotato in carriera dopo il 4’36″75 degli ultimi campionati primaverili e ottimo crono in una fase di pieno carico, davanti a Katinka Hosszu e Luisa Trombetti.

Ecco alcuni frame della sfida tra Ketinka e la Fede Nazionale

About The Author

Ultimi Tweet

?>