Select Page

Advertisement

Autore: Alessandro Demaria

Preparazione atletica e Nuoto Master: quello che devi sapere

Proviamo a fare un po’ di luce nel buio che ancora avvolge la preparazione atletica del nuotatore master medio. L’obiettivo dell’articolo è sfatare qualche falso mito, e dare gli strumenti per poter decidere cosa è più utile per te per migliorare le tue performance in acqua. Alessandro Demaria | swimout.it Incominciamo con un po’ di numeri: Oltre l’80% dei nuotatori master NON ha una preparazione atletica Il restante 20% ha ancora molta confusione in testa Meglio la Pesistica? Meglio il corpo libero? Meglio le macchine? Cosa devo fare prima di entrare in acqua? Cosa dopo? Quali sono gli esercizi specifici per i vari stili?...

Read More

Guida pratica in 7 Step per migliorare la Subacquea a Delfino con l’allenamento a secco

Negli ultimi anni è stata ribattezza il quinto stile, di cosa stiamo parlando? Della Subacquea. Se eseguita in maniera corretta, la subacquea può essere il momento più veloce della gara dopo il tuffo. Questa guida pratica propone sette esercizi per imparare e migliorare la subacquea a delfino con l’allenamento a secco. Alessandro Demaria | swimout.it La guida pratica in 7 step… a secco Esiste una formula precisa in 7 step a secco per imparare la subacquea a delfino, che consiste in:  Consapevolezza della biomeccanica del bacino Mobilità e Forza per il bacino Impara l’Estensione toracica Apertura delle spalle – Flessione delle spalle...

Read More

Guida pratica per migliorare la VIRATA a stile libero con la preparazione atletica

Quante volte ti è capitato di sbagliare la virata in gara? Di esclamare: “Ho fatto un buon tempo, peccato per la virata!” Questa guida pratica ha proprio lo scopo di aiutarti a risolvere i problemi nascosti che ti impediscono di fare una virata SEMPRE efficace. Alessandro Demaria | swimout.it Come migliorare la virata? L’approccio standard per migliorare la virata è lavorare in acqua, esistono decine di esercizi che probabilmente hai già testato per provare e riprovare il gesto tecnico. Questo approccio va benissimo e a volte basta per costruire una virata molto efficace. Altre volte risulta NON completo perché non tiene...

Read More

Guida pratica per migliorare la PARTENZA con la preparazione atletica

Uno degli aspetti più interessanti della preparazione atletica per il nuoto è la possibilità di curare a fondo i dettagli di gara.  Nei prossimi articoli analizzeremo come partenza, virata e subacquea possono essere migliorati – a volte rivoluzionati – grazie all’allenamento a secco. Alessandro Demaria | swimout.it Il tuffo di partenza Oggi trattiamo il tuffo di partenza. Per prima cosa dividiamo le tre fasi della partenza: Assetto sul blocco Spinta dal blocco Fase area e ingresso in acqua Che tu faccia la partenza old school o grab start (a piedi uniti) o la track start (piedi sfalsati) le fasi sono le medesime e i muscoli/articolazioni...

Read More

Stretching per il nuotatore, come strutturare un programma

Se vuoi aumentare la forza ⇒ fai un programma di forza. Se vuoi aumentare la velocità ⇒ fai un programma di potenza. Se vuoi aumentare la resistenza ⇒ fai un programma di resistenza. Ma se vuoi aumentare la Flessibilità? In questo articolo ti spiego perché è importante fare stretching per il nuotatore e come strutturare un primo programma efficace. Alessandro Demaria | swimout.it Alleniamo la flessibilità! La flessibilità – riconosciuta sotto il nome di stretching – è una abilità da allenare proprio come tutte le altre, anche essa ha bisogno di un vero e proprio programma di allenamento a secco con numeri precisi. Nel mondo del nuoto l’allenamento della flessibilità nel 99% dei casi viene ridotto a qualche esercizio al termine dell’allenamento in acqua o completamente dimenticata. Ma questo non basta. Ogni singolo muscolo del nostro corpo ha una sua lunghezza ottimale Se il muscolo sarà troppo rigido e corto non potrà esprimere il suo massimo grado di forza, così come se sarà troppo allungato e il tabellone a fine gara non segnerà mai il tuo vero potenziale. La flessibilità quindi è importante in primis per mantenere i muscoli nel loro corretto grado di lunghezza. Il secondo motivo è prevenire gli infortuni, infatti quando i muscoli sono rigidi possono incorrere più facilmente in infortuni e/o influenzare negativamente le articolazioni che andranno incontro ad infiammazioni nel migliore dei casi. Il terzo motivo non meno...

Read More
  • 1
  • 2

Ultimi Tweet