Select Page

Advertisement

Il NUOTO, un gioco da ragazze

Il NUOTO, un gioco da ragazze

Questa è la storia di Elena Saboori, 25 anni, studia Economia e vorrebbe imparare a nuotare.

Beh che ci vuole?

Un po’ di impegno, magari non andrà alle Olimpiadi ma può farcela, sì…

di Elena Rigon

Ah… Aspetta, dimenticavo…

Riformulo: Elena Saboori ha 25 anni, studia Economia e vorrebbe imparare a nuotare per partecipare alle prossime Olimpiadi di Tokyo 2020.

Ah ah ah… impossibile! Non ce la può fare… Invece io scommetto di sì, voglio credere che ce la farà!

Alla presentazione di Elena manca un dettaglio: vive in Afghanistan.

In tutto il paese si contano 30 piscine (circa il numero di impianti che si trova in una provincia italiana di medie dimensioni) e solo una di queste consente l’accesso alle donne.

Per poter competere Elena deve prima imparare a nuotare, ma chi glielo può insegnare?

Le leggi talebane vietano alle donne di praticare sport, non esiste un’insegnante donna che le possa trasmettere i rudimenti.

Niente paura, su YouTube si trova tutto, ci sarà pure un qualche tutorial che spiega come si fa, basterà aprire Google e digitare ‘Aranzulla & crawl‘ no?

Corsia Master, gli Amici del Nuoto raddoppiano alla loro 4ª edizione

La piscina Bellariva di Firenze vi aspetta per la 4ª edizione del Trofeo Amici del Nuoto, organizzato dall'omonima società fiorentina nel primo fine settimana di novembre. Riparte il Circuito Supermaster per l'edizione 2017-2018 e Corsia4 non può mancare, con la sua...

36 – Dummy… notizie sul salvamento – Ed infine gli Europei furono azzurri!

  Commentiamo con il conduttore titolare, la spalla (non di prosciutto) ideale e il tecnico di salvamento (???) gli Europei appena terminati. Siccome non siamo gentili, la donzella la andiamo a pescare appena finiti gli allenamenti e la intervistiamo ancora coi...

Training Lab, nel nuoto le donne dovrebbero allenarsi in modo differente dagli uomini? – Parte III

Sempre nel caso in cui le femmine si allenano in maniera differente rispetto ai maschi: nella prima puntata di questa serie è stata analizzata la differenza per quanto riguarda la fisiologia dell’esercizio. L’ipotesi che è emersa da questa discussione è da ricercare...

Podcast: 54 – Salottino con Lorenzo Zazzeri

  Iniziamo la nuova stagione con l'intervista all'atleta artista! Perchè il nuoto non è tutto nella vita: ci sono gli studi, il lavoro, le passioni. E allora ascoltiamo Lorenzo Zazzeri, nuotatore, studente di Scienze Motorie, pittore. Alla faccia che l'attività...

Training Lab, nel nuoto le donne dovrebbero allenarsi in modo differente dagli uomini? – Parte II

La scorsa settimana sono state discusse le differenze di allenamento tra maschi e femmine per quanto riguarda la fase post-puberale. Questa settimana esploreremo tali differenze negli atleti ancora più giovani. Siamo tutti d'accordo che l'adolescenza è una fase della...

Alimentazione e Sport, proteggiamo la nostra pelle e i capelli con i giusti nutrienti

Diciamocelo: la piscina è casa nostra. Nulla ci fa sentire più a nostro agio che l'odore del cloro, l'umidità che ti penetra nelle ossa, quel caldino rassicurante che ci accoglie non appena arriviamo sul piano vasca. Peccato però che lo stretto contatto con il cloro...

Elena non si perde d’animo e si guarda qualche video. Poi cerca di mettere in pratica ma si accorge che non è così semplice: una cosa è vedere i fotogrammi, un’altra è fare i conti con galleggiamento, spinta, propulsione, respirazione. Allora Elena aggiusta il tiro: non vuole più semplicemente imparare a nuotare ed andare alle Olimpiadi, ma vuole anche insegnare a nuotare alle altre donne, capisce che saper nuotare è anche una questione di sopravvivenza.

I rischi aumentano, gli attacchi terroristici si fanno più probabili, la sfida diventa incredibile. Anche perché, come se non bastassero le difficoltà descritte fino a qui, queste donne mica possono andare a nuotare con semplici costumi, no: devono essere coperte da testa a piedi, braccia-schiena-gambe comprese.

Ihsan Taheri, Presidente della Federazione natatoria afghana, loda il coraggio di Elena e sta dalla sua parte.

Hanno contattato un’azienda brasiliana per creare dei costumi adatti, nel frattempo le nuotatrici devono indossare calze nere e un top a maniche lunghe in lycra, sotto un normale costume intero.

A questo punto la mission impossible non mi pare più ‘andare alle Olimpiadi’, mi sembra che le difficoltà siano ben altre.

Se ce la farà, Elena sarà la prima nuotatrice nazionale afghana.

Io tifo per lei, non fosse altro che perché è mia omonima!

Foto copertina: Radio Padova

About The Author

Ultimi Tweet

?>