Select Page

Advertisement

EuroLondra 2016 number three: time is over, the bell is playing, people are happy

EuroLondra 2016 number three: time is over, the bell is playing, people are happy

Per chi suona la campana londinese, segno di inizio delle disfide nella pancia della balena? Non per Giona, che nella pancia della balena ci stava benissimo, ma per tutti quelli che vogliono riscattare l’orgoglio del tricolore.

Oggi lo sciamano vede bagliori dorati, mentre Mecasacchi vede tutto lo staff al completo in tribuna, non manca nessuno, ci sono perfino i due liocorni.

E allora ecco che i gemelli diversi tentano la gamba gigia, versione più cattiva della vecchia sul polpaccio, inventata da Topo Gigio nel 1967. Tutto ciò manda in delirio la Caporale che da qui in poi non si riprende e non riesce a tenere il controllo sugli atleti: non piange più nessuno, la felicità pervade il piano vasca e  il futuro è tutto rose.

Iniziano proprio i due allievi moriniani, che vanno a prendersi due mitili d’oro e argento; e continua una scatenata De Memme, felicissima essendo finalmente sfuggita dal buco del culo della Turchia dove si era rintanata a preparare queste gare sgasando col suo motore diesel a doppia carburazione.

 

Per MecaSacchi la “situation is under control” ma non si direbbe: si scatena anche Barelli che va di citazioni televisive. “Attenti a quei due”, esclama il presidentissimo LEN, FIN, GNAM ecc e infatti se non sta attento Romančuk finirà in pasto a Razza the Razza, usato come arma impropria dal gemello diverso più grosso.

 

Fatti e Misfatti, le notizie dal mondo del nuoto: la nuova stagione ai nastri di partenza

Il meteo ci conferma che l'estate è agli sgoccioli, ripartiamo in maniera soft con una versione compatta dei nostri “Fatti e Misfatti” di questo settembre caratterizzato dal nuoto mercato, da partenze illustri e con gli Stati Uniti che hanno selezionato già i loro...
Read More

Europei Lifesaving day 6: il ritorno

Chi lo dice che il 17 porta male? In una nazione che di scaramanzie se ne intende, gli Azzurri si sono dimostrati refrattari: la fortuna non esiste. ... ma la sfiga? L’Italia torna sul tetto d’Europa lifesaving resistendo al ritorno della Germania forte quasi come noi...
Read More

Europei Lifesaving day 5: chiamo l’uragano col tuo nome, spero tanto mi risponda.

Gare sospese per maltempo. STOP. Tutto spazzato via. STOP Sistema informatico in tilt. STOP Ci riproviamo … Pioggia e temperatura esterna di 15 gradi con il vento che rendeva il tutto fastidiosissimo, hanno costretto organizzazione e giudici ad alzare bandiera bianca...
Read More

Europei Lifesaving day 4: travolti e stravolgenti

Ogni giorno almeno una novità. La prima, ma prevedibile, era la carenza video dalla spiaggia La seconda, ma sospettabile, i risultati. Praticamente non si è saputo e non c'è nulla di ufficiale. Whatsapp è risultato più efficace dell’organizzazione belga. La terza ed...
Read More

Europei Lifesaving day 3: “I ask you again, are you ready?”

La prima specialità di giornata tira fuori dall'armadio l'unica coperta corta che abbiamo e presenta la vera novità del giorno: primi podi senza azzurri. In realtà non ci sarebbe motivo per stupirsi, anche gli avversari sono qui per la stessa cosa, ma con questi...
Read More

Europei Lifesaving day 2: “Incredibile job, well done!”

In Belgio nonostante la grande comunità italiana, non credo si sia mai ascoltato così tante volte l’Inno di Mameli quanto ne ho avuto modo in questi primi 2 giorni. Se non fosse che l’estate sta finendo, sarebbe il tormentone delle vacanze. Non so se da spiaggia ma...
Read More

Europei Lifesaving day 1: grande tris

Con la cerimonia di apertura di ieri sera, è ufficialmente aperto il Campionato Europeo di Lifesaving 2017. Brugge con il bellissimo centro, i suoi canali e la strepitosa piazza che mi hanno già ospitato per uno start di una manifestazione decisamente alternativa al...
Read More

Mondiali di Nuoto Junior Indianapolis 2017: Martinenghi RULES, ottima spedizione azzurra

Tantissimi temi anche nell'ultima giornata di gare. Partiamo dall'Italia. Strepitoso Pinzuti che nuota un 27.19 nella finale dei 50 rana arrivando a soli 9 centesimi da Martinenghi. Già segnalato di come si fosse migliorato anche nei 100 rana, Pinzuti è l'esempio...
Read More

Mondiali di Nuoto Junior Indianapolis 2017 Martinenghi vs Andrew

Indianapolis - Semifinali dei 50 rana. Nicolò Martinenghi vuole far capire ad Andrew che non c’è spazio per l’oro e stampa un gran 27.02, record dei Campionati, Michael Andrew (27.61) deve piuttosto guardarsi le spalle da Alessandro Pinzuti (27.65). Ottavo crono per...
Read More

Mondiali di Nuoto Junior Indianapolis 2017 con Deplano si vola

“Sottovoce, piano piano” una citazione che vale anche per il medagliere. Il cognome sembra onomatopeico o con una parte finale che richiama immediatamente a un mezzo destinato a produrre velocità. Per volare. Anche sull’acqua quindi. Lo IU Natatorium at IUPUI ha...
Read More

I different twins fanno quello che vogliono qui dai metri 800 in su, e dai 200 in giù ci pensa Luca… da Detti a Dotto, e il gioco è fatto. Prima manda in delirio le fans londinesi, che abituate a Harry Potter non possono che andare in visibilio per il barbuto sprinter italiota, poi stacca il biglietto per il podio, infine saluta mamma papà zii e anche Carlo Alberto, il figlio del cugino di terzo grado erede del casato Dotto Savoia Odescalchi.

Dotto

Il tempo di essere un filo tristi per il felice Mencarini – suvvia c’è di peggio – ma soprattutto per le finte bandiere del podio – pessima idea, seconda solo alla bruttezza delle medaglie e pari a Razza the Razza – e arriva la perla della serata: no, non è il bronzo della Bianchi, è l’intervista del re delle pippe (non quelle che pensate voi) Ciccarese. E daje, annamo superpower!

Alla prossima, don’t worry, be happy!

About The Author

Mauro Romanenghi

Ricercatore per professione, scrittore per passione, allenatore per caso, ma tutto con la massima professionalita'. Nato in Brianza nel 1973, Mauro Romanenghi come il whisky invecchiando migliora ma va preso a piccole dosi. Allenatore dal 1994, dopo la laurea in Scienze Biologiche lavora allo IEO di Milano nel campo della ricerca contro le leucemie e i tumori, e allena nella sua terra di origine quando e come puo' nuoto e salvamento. Collabora col forum di Corsia4 dal 2007, ed e' coautore e pseudoconduttore delle trasmissioni in podcast. Vive ad Arcore (ma non se ne vanta) con la moglie e un cane labrador, i veri angeli ispiratori delle sue cronache.

Ultimi Tweet

?>