Select Page

Advertisement

Pellegrini 4×4: 4° oro azzurro e 4 titoli europei. La 4×200 è tornata: bronzo da brivido!

Pellegrini 4×4: 4° oro azzurro e 4 titoli europei. La 4×200 è tornata: bronzo da brivido!

Tu chiamale se vuoi… Emozioni!

E non sono poche, bensì tante nella penultima giornata di gare grazie alla staffetta 4×200 stile libero, una qualificazione olimpica che la nazionale italiana cercava e ha trovato con grande determinazione, un risultato che non era assolutamente scontato anche se regala un bronzo, poco importa, perché l’obiettivo era Rio!

Ma il 4 “is the magic number” oggi, perché se lo affianchiamo accanto al nome di Federica Pellegrini prende tutto un altro valore, quello di campionessa europea per la 4ª volta nella gara dei 200 stile libero!

Partiamo però dalla staffetta, ancora sono con la bottiglia di birra in mano che esulto per questa bellissima prestazione! 4 sono i cavalieri azzurri che sono gli artefici della qualificazione olimpica: D’Arrigo (1.47.57), Magnini (1.47.82), Dotto (1.47.52) e Detti 3ª posizione nuotata con cattiveria (7.08.30, mai così veloci nell’era non gommata), subito dietro ai belgi (7.08.28) e ai vincitori olandesi (7.07.82).

Gabriele Detti è stato in assoluto il frazionista più veloce di questa finale e il migliore italiano di sempre in tessuto con il tempo di 1.45.39, un recupero nell’ultima vasca da brividi, Filippo Magnini riconferma il suo scatto felino dal blocchetto (0.07) meglio di lui solo l’inglese James Guy (0.06), che dire di questi ragazzi… impeccabili!

Non è semplice vedere Federica Pellegrini fortemente emozionata sul podio, ma quando continui a essere ai suoi livelli dopo ben 12 anni di onorata carriera, dopo aver vinto praticamente tutto quello che c’era da vincere, beh… signori l’emozione e la voglia di gridare a tutti i“o ci sono” è grande!
Sì, perché oggi Federica c’è e chi non c’è stata in vasca nei 200 stile è fortemente avvertita: “Sarah, ci vediamo a Rio!”. La veneta mette la mano davanti a tutte con il tempo di 1.55.93, Bonnet (1.56.51) e Heemskerk (1.55.97) hanno potuto solo chinare la testa alla più forte. Si è detta gasata dalle staffette e sarebbe stata felice anche se non avesse vinto la gara, con queste parole e un bel sorriso si è presentata in zona Caporale. Anche il coach Giunta era visibilmente emozionato dalla rossa Elisabetta affermando: “non ha fatto la gara come abbiamo impostato stamani, mi aspettavo il risultato, ma così com’è uscito è molto più bello! da cardiopalma!”.

Ancora tanta Ungheria in questo europeo, la Kapás nuota un 1500 da paura (15.50.22), praticamente in solitaria dando 10” alla Belmonte (16.00.20) e 12” alla Vilas Vidal (16.01.22), una ragazza che è in grande ascesa, sarà l’aria di casa, ma tanta qualità questi magiari!

Quadarella si classifica in 5ª posizione (16.22.64), Simona è giovane e ha tanta strada da fare… non mollare!

Castiglioni e Carraro non sono riuscite ad entrare in finale nei 50 rana, la prima uscita direttamente (31.16) e la seconda è dovuta andare allo swim-off con la russa Ivaneeva (31.14), dove la sovietica ha avuto la meglio su Martina, nonostante l’azzurra abbia migliorato il tempo nuotato in semifinale (31.00 contro il 30.95). Peccato!

Quando un nuotatore ha collezionato ben 67 medaglie in carriera ha sicuramente il desiderio di fare cifra tonda ed è forse quello che ha pensato László Cseh portando a quota numero 68 i suoi cimeli nella finale dei 100 farfalla (50.86, primato europeo in tessuto)! Il buon Codia (51.82) ha tentato di fare il colpo chiudendo la prima frazione di gara davanti a tutti (23.92) ma dopo la virata l’ungherese ha aperto il gas e arrivederci! Rivolta chiude quinto in 51.96.

Fatti e Misfatti, le notizie dal mondo del nuoto: la nuova stagione ai nastri di partenza

Il meteo ci conferma che l'estate è agli sgoccioli, ripartiamo in maniera soft con una versione compatta dei nostri “Fatti e Misfatti” di questo settembre caratterizzato dal nuoto mercato, da partenze illustri e con gli Stati Uniti che hanno selezionato già i loro...
Read More

Mondiali di Nuoto Junior Indianapolis 2017: Martinenghi RULES, ottima spedizione azzurra

Tantissimi temi anche nell'ultima giornata di gare. Partiamo dall'Italia. Strepitoso Pinzuti che nuota un 27.19 nella finale dei 50 rana arrivando a soli 9 centesimi da Martinenghi. Già segnalato di come si fosse migliorato anche nei 100 rana, Pinzuti è l'esempio...
Read More

Mondiali di Nuoto Junior Indianapolis 2017 Martinenghi vs Andrew

Indianapolis - Semifinali dei 50 rana. Nicolò Martinenghi vuole far capire ad Andrew che non c’è spazio per l’oro e stampa un gran 27.02, record dei Campionati, Michael Andrew (27.61) deve piuttosto guardarsi le spalle da Alessandro Pinzuti (27.65). Ottavo crono per...
Read More

Mondiali di Nuoto Junior Indianapolis 2017 con Deplano si vola

“Sottovoce, piano piano” una citazione che vale anche per il medagliere. Il cognome sembra onomatopeico o con una parte finale che richiama immediatamente a un mezzo destinato a produrre velocità. Per volare. Anche sull’acqua quindi. Lo IU Natatorium at IUPUI ha...
Read More

Universiadi, Taipei, day 7: ancora medaglie! Paltrinieri oro, Gabrielleschi argento e Staffetta di bronzo

Spedizione azzurra da incorniciare, una chiusura di questa stagione per i ragazzi impegnati alle Universiadi di Taipei decisamente positiva. Gregorio Paltrinieri conferma il campione quale è, trionfa nella 10 km in acque libere salendo sul gradino più alto del podio....
Read More

Mondiali di Nuoto Junior Indianapolis 2017: Johannes Calloni presenza azzurra

ASSENTI - PRESENTI Notizia fondamentale della terza giornata la mancanza nelle finali serali degli azzurri. O quasi. Praticamente sì. Salgono sulla ribalta del podio alcuni nomi che oramai sconosciuti non sono e che si candidano ad outsiders tra gli assoluti nei...
Read More

Universiadi, Taipei, day 6: bis di oro e record per Simona Quadarella

Il rammarico più grosso di questa Universiade?? Non poter sentire l’inno di Mameli! Già, perché se ci avete fatto caso, ogni oro viene omaggiato con quella musichetta “montanara” che a quanto pare è l’inno delle Universiadi! Peccato, perché mai come in questa...
Read More

Mondiali di Nuoto Junior Indianapolis 2017: MAR-TI-NEN-GHI

Alcune nazioni, ripeto, hanno portato qui dei veri squadroni veramente competitivi a livello assoluto, e non solo femmine. Tra chi era presente ai Mondiali assoluti, chi era agli Euro junior o tra chi era a casa, sono scelte programmate prima, ma non è sempre detto...
Read More

Universiadi, Taipei, day 5: Paltrinieri d’oro e Di Liddo d’argento

Tripudio azzurro nella quinta giornata di Universiadi a Taipei. Se dall’altra parte del mondo impazzano i Mondiali Juniores con un Martinenghi campione e mai così veloce, in Taiwan fioccano medaglie per la spedizione azzurra. Se la media fino a ieri era di un podio al...
Read More

Mondiali di Nuoto Junior Indianapolis 2017: Martinenghi la star del primo giorno

Ammazza che States! Non importa che siano a fine stagione, fuori stagione o fuori di testa... sono campionati che si svolgono in casa e cascasse il mondo vogliono essere stra-protagonisti. Avversari permettendo. Indianapolis USA – Non supera le semifinali Tania...
Read More

Dotto e Bocchia si presentano davanti ai rispettivi blocchetti per cercare l’ingresso nella finale dei 50 stile libero, orfana del Bomber Marco Orsi, Federico in batteria con Manaudou (21.64) e Luca con l’inglese Proud (21.84). Non sono semifinali facili, tutt’altro, e per The King Shark l’esperienza europea finisce (22.31), mentre Dotto (22.17) riesce ad accedere alla finale. Solo in 5 riescono a scendere sotto la soglia dei 22”, non sarà facile trovare un podio, ci sarà da volare! Avanti tutta!

Nessuna italiana nella finale dei 50 dorso (Elena Gemo non è riuscita a passare il turno), ma che velocità la britannica Halsall (27.57 CR) nonostante una brutta partenza recupera la danese Nielsen (27.77) e la compagna di squadra Davies (27.87)

Ciccarese (1.59.45) e Mencarini (2.02.04) si sono classificati rispettivamente 7° e 8° durante la finale dei 2oo dorso, Luca delusissimo che appare un cucciolo abbattuto in zona mista e Christopher lascia che la sua enorme simpatia riempia la sua prestazione “me la sono fatta sotto!”: tanta umiltà per il romano che è cosciente che perdere delle occasioni come quella di oggi è un gran peccato, ma se questa è l’approccio, forse, di treni ne arriveranno di nuovi. DAJE!

Si porta a casa l’oro il polacco Radosław Kawęcki con 1.55.98.

Quanto è bello vedere una ragazza o, meglio, una giovane atleta sorridere di gioia e rimanere senza parole come è successo alla Polieri dopo la sua bellissima gara nei 200 farfalla: 1° tempo (2.07.49) e qualificazione per Rio! evvai con il samba!

Tutta altra storia per Stefania Pirozzi che, nonostante si sia qualificata alla finale assieme alla compagna, esce delusa e ai microfoni della RAI si lascia andare ad un bruttissimo sfogo “ho cannato tutta la gara come stamani” la Caporale tenta di confortarla ma viene brutalmente stoppata e accusa in modo irriverente il suo staff: “sono 6 mesi che non mi viene analizzata una gara”. Come ha commentato il buon Luca Sacchi: “i panni sporchi si lavano in casa”. Più che vederne delle belle, ne abbiamo sentite!

Adam Peaty… beh che possiamo dire sul giovane britannico? Vedere la sua progressione in acqua durante i 50 rana è veramente da pelle d’oca, la partenza è il suo tallone d’Achille e Cameron Van Der Burgh lo sa molto bene, ma un 26.66 è veramente uno spettacolo. Toniato spreca e non realizza, chiude ultimo con 27.79.

Dalla rana al maschile allo stile femminile, Di Pietro e Ferraioli, una dentro l’altra fuori dalla finale (25.09 – 25.21), Erika esce scura in volta e quasi smarrita dalla delusione, Silvia si concede ai microfoni dichiarando che ha sbagliato l’arrivo e durante le batterie ha fatto una partenza da esordienti, domani speriamo che sia perfetta!

La Halsall brucia la Kromowidjojo all’arrivo (24.21 e 24.37) ma oggi erano ancora le semifinali… vedremo domani chi la spunterà!

Domani l’ultima giornata, ne vedremo ancora delle belle!

(foto copertina: Giorgio Scala | Deepbluemedia)

[ranking_table data1=”  Boglárka Kapás | HUN | 15:50.22″ data2=” Mireia Belmonte García | ESP| 16:00.20″ data3=” Maria Vilas Vidal | ESP | 16:01.25″]1500 stile libero donne[/ranking_table]
[ranking_table data1=”László Cseh | HUN | 50.86″ data2=”Konrad Czerniak | POL | 51.22″ data3=”Mehdy Metella| FRA | 51.70″]100 farfalla uomini[/ranking_table]
[ranking_table data1=”Federica Pellegrini | ITA | 1:55.93″ data2=”Femke Heemskerk | NED | 1:55.97″ data3=”Charlotte Bonnet  | FRA | 1:56.51″]200 stile libero donne[/ranking_table]
[ranking_table data1=”Francesca Halsall| GBR | 27.57″ data2=” Mie Nielsen| DEN| 27.77″ data3=”Georgia Davies | GBR| 27.87″]50 dorso donne[/ranking_table]
[ranking_table data1=”Radosław Kawęcki| POL| 1:55.98″ data2=”Yakov Yan Toumarkin| ISR | 1:56.97″ data3=”Danas Rapšys | LTU | 1:57.22″]200 dorso uomini[/ranking_table]
[ranking_table data1=”Adam Peaty | GBR | 26.66″ data2=”Peter John Stevens | SLO| 27.09″ data3=”Ross Murdoch | GBR | 27.31″]50 rana uomini[/ranking_table]
[ranking_table data1=”Olanda | NED | 7:07.82″ data2=”Belgio | BEL | 7:08.28″ data3=”Italia | ITA | 7:08.30″]4x200 stile libero uomin[/ranking_table]

Campionato Europeo vasca lunga 2016 – Londra 16-22 maggio

Segui e commenta l’evento sul Forum di Corsia 4

apri il THREAD

About The Author

Ultimi Tweet

?>