Cate e Bronte Campbell, campionesse olimpiche specializzate nelle gare veloci saranno nei prossimi giorni in visita nelle Marche. Arriveranno martedì 12 novembre e visiteranno l’head quarter di arena, azienda leader internazionale nel waterwear e partner tecnico delle campionesse.

In azienda le campionesse australiane si confronteranno con il reparto Ricerca e Sviluppo del brand dai tre diamanti, per effettuare dei test di prodotto e dare feedback su design e prestazioni. Affinché ogni nuovo prodotto contenga in sé le migliori qualità oltre che un giusto mix di expertise e innovazione, arena si avvale da sempre del contributo dei suoi atleti, come nel caso delle sorelle Campbell, che nel soggiorno marchigiano rivestiranno il ruolo di tester d’eccellenza.

Nella tarda serata del 12 novembre si appresteranno a una sessione di allenamento nella nuova piscina comunale “Giancarlo Caporicci” di Tolentino e resteranno poi con il pubblico presente per una breve sessione di fotografie e autografi.

Il 13 novembre continueranno il tour marchigiano e visiteranno la piscina comunale Acquarium di Porto Sant’ Elpidio, dove, oltre ad allenarsi, saranno le protagoniste di un servizio fotografico per arena.

Nell’ occasione le ragazze incontreranno i giovani nuotatori del centro natatorio per autografare cartoline e scattare foto ricordo.

Le Campbell sono in Europa per prendere parte ad una serie di gare internazionali, tra cui l’imminente match di Londra della ISL – International Swimming League – in programma il 23 e il 24 novembre.

SwimStats | I numeri della International Swimming League 2020

Il nuoto è uno sport che, per sua stessa natura, si basa sui numeri, in particolare su quelli che appaiono sul cronometro. Dalle lunghe sedute di allenamenti quotidiani fino alla gara più importante della stagione, atleti e tecnici sono abituati a leggere ed...

Open 2020, in vasca a Riccione non solo per i titoli Assoluti

Sarà un Assoluto decisamente particolare quello che si disputerà da giovedì 17 dicembre fino a sabato 19 presso lo Stadio del Nuoto di Riccione. La formula, simile a quella adottata questa estate per il Trofeo Sette Colli nel pieno rispetto delle norme...

Nuotare senza la linea nera: intervista a Carlotta Gilli, Alessia Berra e Salvatore Urso

Siamo ancora tutti ammaliati dalle meraviglie dell’International Swimming League, quest’anno più che mai ancora di salvezza per noi appassionati di nuoto. Gare, duelli, tempi mozzafiato ci hanno fatto divertire e staccare per qualche ora la spina in questi giorni...

Campionati Australiani in corta: tempi da record dai dolphins

Regali di Natale in anticipo in arrivo dalla terra di canguri! In Australia si gareggia, con i 2020 Hancock Prospecting Australian Virtual Short Course ovvero i Campionati Nazionali in vasca corta, che si sono disputati virtualmente, con cinque sedi differenti -...

Cosa resta di questa ISL2020? 5 lati positivi per ricordarla

Si può dire tutto della International Swimming League 2020 tranne che ci abbia lasciato totalmente indifferenti. Grazie anche al fatto che la pandemia ci ha tolto qualsiasi alternativa, nel mondo del nuoto abbiamo di fatto parlato per due mesi solo di ISL, sia nel...

Un po’ di (punti) FINA nella ISL2020: la TOP10 della Finale di Budapest

Avete ancora gli occhi dilatati e il battito accelerato per le luci psichedeliche della finale ISL? Siete pronti a partire e virare come Dressel, non appena la vostra piscina riaprirà? Niente di meglio che un po' di punteggi FINA, per riabituarsi alla grigia...

Bronte:

Competere alla fine dell’anno alle tappe della ISL e della World Cup rappresenta per me un buon banco di prova, per capire il mio stato di forma e i tempi a cui puntare. Poi tornerò in Australia per allenarmi e prepararmi alle Olimpiadi. I Campionati australiani si disputeranno a giugno, dove punterò a qualificarmi nelle mie gare di punta, i 50 e i 100 stile. Tokyo sarà per me la mia terza olimpiade e sarà un onore parteciparvi come membro del Dolphins Swim Team.

Sono davvero felice di poter visitare la sede di arena durante la mia presenza in Europa, non capita spesso di avere l’opportunità di entrare nel vivo dell’azienda che realizza prodotti che uso tutti i giorni. È semplicemente fantastico!

Cate:

Sono davvero entusiasta di affrontare 6 settimane di gare, tra ISL e World Cup, per partecipare a gare di allenamento veloci. Al termine, ritornerò in Australia per iniziare la prossima fase di preparazione per le Olimpiadi 2020. Il prossimo grande evento a cui parteciperò saranno i Trials Olimpici, che si terranno a giugno, dove spero di qualificarmi per i 50 e i 100 stile libero. Tokyo sarà la mia quarta Olimpiade e sono davvero entusiasta di iniziare i miei preparativi con qualche competizione europea. Sono contenta di partecipare a gare diverse da quelle a cui sono più abituata, molto stimolanti e partecipative.

Le due sorelle, specialiste nelle stesse distanze e discipline, vantano entrambe dei curricula internazionali brillanti, che segnano positivamente il loro cammino verso le Olimpiadi di Tokyo 2020 in programma dal 24 luglio al 9 agosto.

Cate Campbell, classe 1992, partecipa alla sua prima Olimpiade, Pechino 2008, a soli 16 anni conquistando un bronzo nei 50 stile e nella staffetta 4x100 stile libero. Quattro anni dopo, alle Olimpiadi di Londra conquisterà un oro proprio nella medesima staffetta, bissando il successo anche ai Giochi olimpici di Rio 2016, dove oltre a salire sul gradino più alto del podio insieme ai componenti della squadra, conquista un argento nella 4x100 misti. Numerose sono anche le medaglie appese al collo durante i campionati Mondiali (nello specifico, due bronzi e un argento nei 50 sl; un oro, un argento e un bronzo nei 100 sl, tre ori nella 4x100 sl; un oro e un argento nella 4x100 misti; un oro nella 4x100 misti mista), benché abbia avuto una battuta d’arresto nel 2017, quando ha rinunciato a partecipare all’evento di Budapest. Ai Mondiali di Kazan 2015, reduce anche da un’operazione alla spalla, fu infatti scavalcata dalla sorella Bronte e dalla svedese Sarah Sjöström, alle Olimpiadi di Rio 2016 mancò il podio da primatista mondiale in carica, finché nel mese di ottobre 2017 risorge con un record che segna clamorosamente il suo ritorno in scena: nel corso dei campionati australiani ad Adelaide si riprende infatti il record del mondo dei 100 stile (vasca da 25), strappandolo alla Sjöström col tempo di 50″25, per tornare in vasca con più grinta di sempre.

Cate è anche fresca di un prestigioso titolo internazionale: proprio ieri, infatti, è stata decretata regina della FINA Swimming World Cup 2019, dopo una lunga corsa di sette tappe intercontinentali. Cate ha vinto la classifica overall femminile, scalzando con 357 punti l’ungherese Katinka Hosszú, che chiude con 312 punti, e la svedese Michelle Coleman, terza a 174 punti, l’unica che ha interrotto l’ondata di vittorie di Cate nei 100 stile libero, vincendo la tappa di Singapore.

Bronte Campbell, la sorella minore di Cate, fa il suo debutto a livello internazionale a 17 anni, partecipando ai Mondiali Giovanili del 2011, dove vince un oro nei 50 stile oltre che un bronzo nei 100. Due anni dopo, nel 2013, stacca il pass per il suo primo Mondiale seniores di Barcellona, che le permette di vincere un argento nella 4x100 stile. Da lì si susseguono le sue presenze in camera di chiamata alle tappe successive dei Campionati Mondiali, ovvero Kazan, Budapest e, da ultimo, la sua recente partecipazione a Gwangju, in Corea del Sud, Campionati che le permettono di migliorare i suoi ranking e di arricchire il suo bottino di medaglie (un oro nei 50 e nei 100 sl; due ori e un argento nella 4x100 sl; due bronzi nella 4x100 misti; un oro ed un argento nella 4x100 misti mista; un argento nella 4x100 sl mista). L’oro nella staffetta 4x100 stile vinto alle Olimpiadi di Rio 2016 firma un passo importante della sua carriera che suggella definitivamente la sua ascesa tra gli atleti di punta del panorama internazionale. Ora la preparazione è interamente focalizzata sulla sua partecipazione alle Olimpiadi di Tokyo, dove cercherà di ottenere i migliori risultati nelle gare regine al femminile dei 50 e dei 100 stile.

about arena

Costituita nel 1973, arena da oltre 45 anni si pone all’avanguardia nella tecnologia dei costumi waterwear, realizzando prodotti rivoluzionari nel segmento pool per aiutare gli atleti nel performare al meglio. Con una competenza di base negli sport ad alte prestazioni, arena fa leva sulla sua esperienza di body-conscious nella idrodinamica e nella forma attiva del corpo per creare una “second skin” che fornisca ad ogni individuo la sicurezza di soddisfare le proprie aspirazioni.

Applicando i valori del marchio di innovazione, autenticità e passione, i team di ricerca e sviluppo dell’azienda lavorano a stretto contatto con professionisti cosi come appassionati per progettare gamme end-to-end di prodotti tecnologicamente avanzati da utilizzare sia dentro che fuori dall’acqua, rivolgendosi al contempo all’intera categoria dei nuotatori, dalle persone attente alla salute e appassionate di fitness, a quelle che si allenano e competono ai massimi livelli dello sport. L’attenzione della società sull’eccellenza del prodotto si riflette nei risultati delle competizioni più importanti al mondo, ove gli atleti che indossano prodotti arena salgono sul podio più di qualsiasi altro brand.

Comunicato: arena

Foto: La Presse ph. Gian Mattia D’Alberto