La scorsa settimana nel nostro articolo – Il mondo “sommerso” dei Collaboratori Sportivi – abbiamo affrontato il difficile argomento dei Collaboratori Sportivi e del loro inquadramento professionale. Nel farlo abbiamo deciso di coinvolgere persone del Settore per dare una voce il più vicino possibile alla realtà, anzi a una delle tante realtà che regola il mondo di ASD e SSD.

Inutile negare che la maggior parte delle persone che lavorano nel mondo delle Sport è inquadrata con contratti di Collaborazione Sportiva, spesso semplicemente perchè non esiste una valida alternativa per regolarizzare la loro posizione lavorativa. Speriamo come tanti che ci possa essere un risvolto positivo da tutta questa situazione.

Oggi diamo voce ai pensieri di Giulia, Federica e agli istruttori dell’Impianto Sportivo di Lago Figoi di Genova.

Sono le 2:30 e ancora non riesco a prendere sonno, nonostante ieri sia stato il gran giorno del decreto Cura Italia [Art. 96 decreto-legge 17 marzo 2020, n.18 – NdR], dedicato a noi lavoratori del mondo sportivo “dilettantistico”.

La nostra versione del “Click Day” – negli ultimi giorni se n’è sentito talmente parlare che più che a un click day, ci stiamo preparando per un “Indipendence Day”, di cui non si sa bene cosa aspettarci.

Nei giorni di attesa ci siamo procurati una serie di documenti, ma ogni giorno cambiavano modalità e fondi destinati al settore. Il tutto sembra esser stato gestito bene, anche se le richieste, alle ore 14.00 del giorno X sono state innumerevoli. Come cavallette affamate durante una delle piaghe d’Egitto, una competizione per arrivare tra i primi che potranno beneficiare del tanto atteso contributo, perché non è definitivamente chiaro se sarà per tutti o se, come si suole dire, “chi prima arriva meglio alloggia”.

Il tutto per ben 600 euro, perché di questo stiamo parlando. Ma non è solo questo che mi preoccupa: lavoriamo tutto l’anno per uno stipendio a mio avviso non all’altezza delle responsabilità (fisiche, penali, educative), senza nessuna garanzia, né sicurezza per il futuro, senza contributi versati, né malattia, né ferie, né maternità – insomma, se lavori guadagni, se no ti arrangi – spinti da un’enorme passione che ci fa andare avanti, con la speranza che, prima o poi, la nostra professione venga riconosciuta come tale da chi di dovere.

Il nostro lavoro, infatti, non consiste semplicemente nell’insegnare a nuotare, come molti pensano. Dietro si cela molto altro, ma solo noi e chi lo vive può capirlo – ed è per questo che nessuno si è mai preoccupato della nostra condizione (senza parlare del fatto che, ogni anno, se vogliamo lavorare dobbiamo obbligatoriamente rinnovare i brevetti in nostro possesso di tasca nostra).

Come ha detto qualcuno “è assurdo pensare che insegnare a nuotare sia qualcosa di puramente personale, premiato con ‘l’appagamento della propria passione’, in un paese come il nostro, quasi interamente circondato da acqua”.

La fase 2 dei Nuotatori: ricominciamo

Dodici settimane: tanto è durata l’impossibilità di entrare in vasca. La sera del 9 marzo ho preso la sacca del nuoto e sono partita alla volta della piscina, appena prima dell’inizio della storica diretta televisiva che ha dichiarato il lockdown; sono andata all’...

Super Olimpiadi 2020, dominio Peaty. Sjöström porta la Svezia in vetta nel day3

Alla vigilia della terza giornata, ci sono ancora molti chiaroscuri che aleggiano sulle Superolimpiadi. Se oramai abbiamo capito che si tratta di una sfida tra i migliori interpreti all-time di ogni specialità, meno semplice è afferrarne la natura reale e lo scopo. La...

Intervista a Luca Baldini Direttore delle piscine Albaro di Genova

Luca Baldini da sempre è stato abituato a grandi sfide. La sua carriera parla per lui ed oggi, insieme a tutto l’Italia che vuole tornare in vasca, è pronto ad affrontarne un’altra. Genova, piscine di Albaro. Qui il nuoto è ripreso e si è fatto un piccolo passo verso...

Le 10 gare più “alla Phelps” di Michael Phelps

In una recente intervista, Swimming World ha chiesto a Bob Bowman di classificare le 20 migliori gare del suo allievo prediletto, Michael Phelps. Va da sé che l’opinione della persona che sportivamente - ma anche umanamente - conosce Phelps meglio di chiunque altro è...

“Sono orgogliosa di chi sono” il messaggio di Rikako Ikee

Questa sono io Mostrando i suoi capelli corti per la prima volta al pubblico da quando le è stata diagnosticata la leucemia nel febbraio 2019, la 19enne nuotatrice giapponese Rikako Ikee ha parlato dal profondo del suo cuore durante un videomessaggio in collaborazione...

Super Olimpiadi 2020, strabiliante Milák nel day2. Primo oro USA

Negli ultimi 7 giorni, il mio telefono è diventato rovente. Forse non era chiaro dalla conferenza stampa inaugurale, che effettivamente era sembrata piuttosto vaga e fantasiosa, ma la prima giornata delle SuperOlimpiadi ha fugato ogni tipo di dubbio. Siamo entrati...

Saper nuotare è una cosa fondamentale per la sopravvivenza – certo, non tutti possono seguire le nostre orme, diventare grandi campioni o anche solo nuotatori appassionati – ed è proprio per questo che ci battiamo con tutte le forze per veder riconosciuto il nostro ruolo (che con gli adolescenti è anche educativo e formativo).

Tutto questo discorso, infatti, non è una lamentela verso i 600 euro di bonus, perché, seppur minimo, è pur sempre un contributo. Ma, passato questo duro periodo, spero e mi auguro che qualcuno si accorga delle condizioni in cui lavoriamo – e la Federazione, sotto la guida di Barelli sembra aver puntato l’attenzione sul focus – e, soprattutto, delle migliaia di richieste arrivate, che non potranno essere esaudite fino in fondo.

Oppure ancora del fatto che siamo lavoratori seri, ma purtroppo tra i primi a essere stati lasciati a casa per l’emergenza Coronavirus e tra gli ultimi a poter riprendere la nostra attività senza aver avuto nemmeno il “privilegio” di continuare a lavorare da casa.

Chiediamo che la nostra professione sia riconosciuta come tale: in maniera più seria, a livello istituzionale, come lavoro a tutti gli effetti e non più solo e pura passione.

In questo momento siamo tutti a casa, attanagliati da ansie e preoccupazioni, nell’attesa e con il desiderio di poter tornare al lavoro (di cui andiamo estremamente fieri), ma, soprattutto, con la speranza di veder cambiare qualcosa, per un futuro migliore.

Foto: Lago Figoi | Facebook