arena annuncia la firma dell’eroe olimpico americano Mark Spitz come ambasciatore del brand, 46 anni dopo la sua prima collaborazione con la società nei giorni pionieristici della sponsorizzazione sportiva.

Spitz divenne una figura iconica alle Olimpiadi del 1972 a Monaco, vincendo 7 medaglie d’oro, tutte siglate con record mondiale, e contribuì a spingere gli sforzi dell’imprenditore Horst Dassler nel lancio del marchio nel 1973.

Vincendo tutti le sue gare a Monaco di Baviera – 100m e 200m stile libero, 100m e 200m farfalla, staffetta 4x100m e 4x200m stile libero e staffetta mista 4x100m – Spitz ha stabilito un record durato per 36 anni, fin quando Michael Phelps lo ha infranto con 8 medaglie d’oro alle Olimpiadi di Pechino 2008.

Resta dunque il secondo olimpionico più decorato della storia – in termini di medaglie d’oro: 9 – dietro Phelps. Negli anni ’70, la sua immagine con le 7 medaglie d’oro e i baffi – cresciuti come un atto di ribellione in un’epoca in cui altri nuotatori si rasavano i peli del corpo – lo hanno tramutato da eroe olimpico a icona culturale in tutto il mondo.

Spitz ha dimostrato di essere un pioniere non solo attraverso le sue prestazioni in piscina, ma anche sotto il profilo della sponsorizzazione degli atleti. Non molto dopo il suo sforzo erculeo a Monaco, alla giovane età di 22 anni, Spitz si ritirò dal nuoto – ancora uno sport amatoriale al tempo – per diventare il primo atleta sponsorizzato di arena. Successivamente fu affiancato da altre icone del nuoto, tra cui Shane Gould, Don Shollander, Shirley Babashoff e David Wilkie.

Non c’è dubbio che il nuoto sia cambiato dai miei giorni negli anni ’70. È più tecnico, più professionale e i migliori atleti del mondo devono essere molto più consapevoli del loro comportamento, poiché si prevede che saranno modelli di riferimento per le giovani generazioni.

Ma ci sono anche alcuni aspetti fondamentali che restano sempre gli stessi: cosa significa diventare un campione, cosa significa essere un marchio leader; questi sono elementi del DNA e non cambiano. È qui che penso che possiamo lavorare davvero bene insieme e sono molto entusiasta della nostra nuova collaborazione. Per me, fino ad oggi, arena è ancora il migliore brand che esista.

Il reclutamento di Spitz e altri atleti da parte di Dassler negli anni ’70 segnò la nascita della professionalità. Da allora, la sponsorizzazione è la pietra miliare del successo nel nuoto professionale, dal nuotatore a livello individuale, fino ad una delle federazioni nazionali di maggior prestigio al mondo, USA Swimming, di cui arena è oggi sponsor ufficiale.

Quarant’anni fa, le linee guida proibitive di sponsorizzazione, le risorse limitate e le realtà economiche hanno costretto molti nuotatori d’élite a ritirarsi nel pieno delle loro capacità atletiche. Oggi, invece, il ruolo della sponsorizzazione ha permesso alle carriere atletiche di prosperare, fornendo agli atleti il tempo e le risorse adeguate da dedicare all’allenamento e alla competizione.

Sydney2000 Special, la 4×100 stile e il Rock ‘n’ Roll Australiano

Meno di un mese prima dell’inizio delle Olimpiadi di Sydney, la nazionale australiana di nuoto si trova in collegiale a Melbourne. Ci sono tutti, da Michael Klim a Grant Hackett, da Ian Thorpe a Kieren Perkins. È una nazionale piena di stelle che si sta preparando per...

Training Lab, Errori biomeccanici nello stile libero come causa di infortunio nei nuotatori

In uno sport ciclico come il nuoto, l’elevata ripetitività di alcuni gesti tecnici pone inevitabilmente i nuotatori ad affrontare l’argomento infortuni. Proprio per evitare di fasciarsi la testa con assunzioni approssimative e non veritiere occorre analizzare meglio...

ISL2020 | Scopriamo i team della seconda edizione

Tramite una videoconferenza stampa in diretta da Parigi - leggi QUI l'articolo di presentazione - il Presidente Konstantin Grigorishin ed i suoi collaboratori hanno formalizzato il ritorno della International Swimming League, annunciando l’organizzazione della seconda...

Swim Stats | La storia dei 200 stile libero: Federica Pellegrini

Nel mondo del nuoto, sono pochissimi i binomi gara-atleta che si connettono automaticamente come i 200 stile libero e Federica Pellegrini. Negli ultimi 15 anni di competizioni, Fede ha vinto tutto quello che c’è da vincere, battuto record ed avversarie, rivoluzionato...

ISL2020 | l’International Swimming League ai blocchi di partenza

In un anno maledetto, che ci ha privato purtroppo ma giustamente, di tutto il meglio che c’era da aspettare acquaticamente parlando (Giochi, vi aspettiamo l’anno prossimo, niente scherzi) un lampo di speranza arriva dalla nuova lega del nuoto di Konstantin...

L’Appello dei ragazzi della piscina Marimisti di Brindisi: “vogliamo nuotare!”

Settembre è iniziato, tante sono le realtà sportive che volenti o nolenti si trovano a fare i conti con un panorama decisamente cambiato, principalmente a causa della pandemia, che ha rotto molti equilibri, in alcuni casi già putroppo precari. Oggi diamo spazio a una...

Oltre ad essere un pioniere nel marketing sportivo, gli esordi in arena lo hanno designato come un innovatore e da allora ha sviluppato una reputazione per essere all’avanguardia nell’innovazione tecnologica del nuoto. La storia dell’azienda comprende decenni di prodotti rivoluzionari, tra cui l’X-Glide nel nuovo millennio – definito come una delle 50 migliori invenzioni dal Time Magazine del 2009 – e più recentemente la gamma di costumi racing in carbonio, che hanno condotto il brand fino ai Campionati Mondiali FINA 2019 a Gwangju, Corea del Sud.

Il mondo del nuoto è davvero cambiato negli ultimi 47 anni, e sia Mark Spitz che arena hanno giocato un ruolo importante nel dare avvio ai cambiamenti che ultimamente hanno portato lo sport nell’attuale era hi-tech e professionale. in vista delle Olimpiadi del 2020 a Tokyo, ora saldamente nel mirino di tutti gli aspiranti campioni, è in qualche modo appropriato che queste due icone della piscina lavoreranno ancora una volta nella stessa squadra.

Siamo molto entusiasti del potenziale della nostra nuova collaborazione con Mark. È il primo super-olimpionico del dopoguerra ed è anche un uomo d’affari di successo oltre che un bravo presentatore e speaker televisivo. Poi c’è un lato leggermente ribelle che aggiunge al mix qualche nota più frizzante.

Non vediamo l’ora di lavorare con lui, esplorare idee insieme e far leva sulla sponsorship per portare arena in primo piano nonché al centro delle menti del mondo del nuoto in Nord America.

ha dichiarato Mark Pinger, direttore generale di arena North America.

Mark Spitz - Biografia

Nascita: 10 Febbraio 1950 a Modesto, California

Migliori risultati:

1972 Olimpiadi Monaco

  • 7 ori: 100m e 200m stile libero, 100m e 200m farfalla, staffetta 4×100 e 4x200m stile libero, staffetta mista 4x100m

1968 Olimpiadi Messico

  • 2 ori: 4x100m e 4x200m stile libero
  • 1 argento 100m farfalla
  • 1 bronzo 100m stile libero

1967 Giochi Panamericani, Winnipeg

  • 5 ori: 100m e 200m farfalla, staffetta 4x100m e 4x200m stile libero, staffetta 4x100m mista
about arena

Dal 1973, arena crea e commercializza prodotti waterwear per nuotatori professionisti e per appassionati di nuoto ed è riconosciuto come brand di altissima qualità nel mondo dei costumi e degli accessori. Nei suoi 45 anni di attività, l’azienda ha maturato una forte competenza nello sviluppo di prodotti “best in class” con particolare attenzione al segmento Pool e una progressiva espansione nel segmento Leisure/Beach. Oggi arena è presente in 116 paesi al mondo.

Con un accordo storico siglato nei primi mesi del 2014, arena è divenuta sponsor principale e partner tecnico della FINA (Fédération Internationale de Natation), organo direttivo del nuoto mondiale.

arena sponsorizza 57 atleti individuali e 29 federazioni nazionali, tra cui USA Swimming, nonché i programmi di nuoto della divisione 1 della NCAA per Stanford, University of Texas (Women), Auburn, NC State e University of Virginia.

Foto copertina: Co Rentmeester/The LIFE Picture Collection via Getty Images | arena