La storica gara di nuoto lungo il Naviglio Grande è in programma a Milano il 7 settembre 2019 e sostiene per il quarto anno l’Associazione CAF

Giunge alla ottava edizione la storica gara di nuoto milanese non agonistica GRAN FONDO del NAVIGLIO che avrà luogo il prossimo 7 settembre lungo il Naviglio Grande e promossa dall’Associazione Terre dei Navigli Sport e Natura con il supporto operativo dell’Associazione Nazionale Marinai d’Italia – 1° Gruppo Milano “M.O.V.M. A. Carabelli.

La competizione, nata nel lontano 1895 e ripresa dal 2011, da sempre riscuote grande successo e attira la curiosità e l’interesse di partecipanti e pubblico di Milano e non solo. Saranno 169 i partcipanti a questa edizione 2019.

Anche quest’anno la manifestazione milanese sposa una causa sociale importante scegliendo come Charity Partner l’Associazione CAF ONLUS – Centro Aiuto Minori e Famiglie – e invitando gli atleti “Nuotare per Bene”, scegliendo di abbinare alla sfida sportiva una sfida solidale. Storicamente, in occasione di questa manifestazione sportiva, sono stati raccolti i fondi per sostenere i corsi di nuoto frequentati dai bambini e dai ragazzi ospiti nelle strutture dell’associazione.

Quest’anno, però, tutte le spese per le attività sportive dei minori accolti saranno coperte dalla donazione eccezionale di un privato, quindi abbiamo è stato scelto di aiutare l’associazione CAF a raccogliere fondi per sostenere il cuore del suo intervento sui minori: la cura psicologica del trauma subito dai bambini vittime di abusi e maltrattamenti accolti in comunità.

Per permettere a tutti i nuotatori, dai più atletici agli amatori, di partecipare alla manifestazione e cimentarsi con le acque del Naviglio, la gara si sviluppa lungo tre percorsi tutti a favore di corrente e con diversi chilometraggi:

  • LUNGO 24,5 km Cassinetta di Lugagnano – Milano/Darsena – partenza ore 13.30
  • MEDIO 14 km Gaggiano – Milano/Darsena – partenza ore 14.30/15.00
  • BREVE 2,5 km Milano (Sede Canottieri Milano) – Milano/Darsena – partenza ore 15.30

SwimStats | Olimpiadi: 35 eventi di nuoto, sono troppi?

A Tokyo 2020one faranno il loro debutto nel programma olimpico del nuoto gli 800 maschili, i 1500 femminili e la staffetta 4x100 mista mista, portando il totale di gare in vasca a 35 - alle quali vanno aggiunte le 10 km in acque libere. Secondo Jessica Danielle,...

La stagione agonistica dei Master al tempo del coronavirus

  Ci eravamo lasciati a inizio estate, con il superamento del lockdown e le piscine che coraggiosamente riaprivano i battenti, consentendo alla nostra più o meno attempata comunità di irriducibili delle corsie di riprendere confidenza con l’elemento liquido e con...

Sydney2000 Special, la 4×100 stile e il Rock ‘n’ Roll Australiano

Meno di un mese prima dell’inizio delle Olimpiadi di Sydney, la nazionale australiana di nuoto si trova in collegiale a Melbourne. Ci sono tutti, da Michael Klim a Grant Hackett, da Ian Thorpe a Kieren Perkins. È una nazionale piena di stelle che si sta preparando per...

Training Lab, Errori biomeccanici nello stile libero come causa di infortunio nei nuotatori

In uno sport ciclico come il nuoto, l’elevata ripetitività di alcuni gesti tecnici pone inevitabilmente i nuotatori ad affrontare l’argomento infortuni. Proprio per evitare di fasciarsi la testa con assunzioni approssimative e non veritiere occorre analizzare meglio...

ISL2020 | Scopriamo i team della seconda edizione

Tramite una videoconferenza stampa in diretta da Parigi - leggi QUI l'articolo di presentazione - il Presidente Konstantin Grigorishin ed i suoi collaboratori hanno formalizzato il ritorno della International Swimming League, annunciando l’organizzazione della seconda...

Swim Stats | La storia dei 200 stile libero: Federica Pellegrini

Nel mondo del nuoto, sono pochissimi i binomi gara-atleta che si connettono automaticamente come i 200 stile libero e Federica Pellegrini. Negli ultimi 15 anni di competizioni, Fede ha vinto tutto quello che c’è da vincere, battuto record ed avversarie, rivoluzionato...

Al termine della manifestazione saranno premiati per ogni categoria i primi tre nuotatori uomini, le prime tre nuotatrici donne e verrà assegnato un premio speciale al nuotatore più “grande” e più “giovane” di ogni singola categoria.

Novità di quest’anno sarà la presenza degli atleti della Special Olympics che saranno ospiti della manifestazione e gareggeranno sul percorso dei 2 km.

Special Olympics è un programma internazionale di allenamenti e competizioni atletiche per persone con disabilità intellettiva. Le attività sportive, praticate insieme a chi possiede pari abilità, consentono di migliorare la qualità della vita, creando le condizioni per raggiungere il massimo dell’autonomia possibile. Lo sport, offrendo continue opportunità di dimostrare coraggio e capacità, diventa un efficace strumento di riconoscimento sociale e di gratificazione.

Per sostenere il progetto dell’Associazione CAF “Nuotare fa bene ai bambini” è sufficiente collegarsi al sito e seguire pochi semplici passi per dare il via alla propria colletta online su Rete del Dono.

Decidere di “NUOTARE PER BENE” significa contribuire personalmente alla realizzazione di questo importante progetto, attribuendo così ad ogni bracciata un valore davvero speciale.

L’ASSOCIAZIONE CAF nasce nel 1979 come primo Centro in Italia dedicato all’accoglienza, alla terapia e allo studio del maltrattamento infantile e dell’abuso.

Nell’intento della sua fondatrice, Ida Borletti, l’Associazione CAF doveva essere un luogo innovativo nel quale accogliere e curare in maniera specifica e professionale bambini con ferite relazionali profonde legate alla sfera famigliare, con l’obiettivo di spezzare la catena che troppo spesso trasforma i minori vittime di violenza in adulti violenti.

In 35 anni di attività, grazie alla generosità di tante persone che hanno creduto in questo concreto progetto di solidarietà, l’Associazione CAF ha potuto aiutare circa 1000 bambini allontanati dal proprio nucleo famigliare e offrire un importante sostegno alle loro famiglie.