Ultima tappa prima dell’appuntamento mondiale – la numero quattro per la FINA Marathon Swim World Series che dal Portogallo si sposta in Ungheria a Balatonfüred per gareggiare nelle acque del Lago Balaton, in gara per l’Italia le “solite” Arianna Bridi e Rachele Bruni e Mario Sanzullo.

Grande successo di partecipazione con 94 atleti al via – 44 donne e 50 uomini – che hanno gareggiato sullo stesso percorso utilizzato durante i Mondiali del 2017 composto da un circuito di circa 2.5 km da ripetere per 4 giri.

Nella gara femminile la brasiliana Marcela Cunha vince ancora una volta allo sprint su un’azzurra questa volta è Arianna Bridi a salire sul podio, mentre al maschile l’idolo di casa Kristóf Rasovszky soprannominato The Balaton Shark centra la vittoria.

 

Gara femminile compatta con il gruppo di testa di 14 atlete che si “accompagnano” fino al traguardo. Ancora una volta vince allo sprint la brasiliana Ana Marcela Cunha che chiude in 1h58’45″40 lasciando a otto decimi la nostra Arianna Bridi, terzo gradino del podio per la tedesca Leonie Beck con un distacco di 1″4.

Rachele Bruni ssciolva al settimo posto con un distacco di soli 7″7 dall’oro della brasiliana, che la scorsa settimana l’aveva “bruciata” allo sprint nella tappa di Setubal, consolidando la sua posizione ai vertici della World series.

Il commento dela nostra Bridi [fonte FINA.org]:

Ho cercato di tenere il passo di Ana Marcela e questa è stata una buona gara, un mese prima dei Campionati del Mondo.

Super Olimpiadi 2020, Codia sfiora la finale. Dominio USA nel day9

Un testimonial dal passato. L’indizio dato la settimana scorsa dal Commissioner è tanto succulento quanto vago, perché se è vero che con la tecnologia NASA le SuperOlimpiadi ci hanno già fatto parlare con diversi miti del nuoto degli anni che furono, è altresì vero...

Benvenuti in PHELPS, l’evoluzione del marchio MP Michael Phelps

Phelps offre gli stessi fantastici prodotti e le tecnologie leader del mercato con un nuovo look and feel Quando minimalismo e tecnicismo si uniscono per rinnovare un brand premium per il mondo del nuoto che prende il nome di: PHELPS. Il marchio Phelps è l’evoluzione...

Training Lab, Fluidodinamica computazionale applicata allo studio della bracciata

In tutte le tecniche di nuotata è di fondamentale importanza il ruolo svolto dalla componente mano-avambraccio per la sua notevole interazione con l’elemento fluido. Il come avviene tale interazione è oggetto di studio ormai da oltre mezzo secolo, e ha vissuto alcuni...

Ariarne “Arnie” Titmus, la nuova stella australiana

È difficile trovare un’altra nazione al mondo che straveda per il nuoto come l’Australia. In Italia, nonostante il movimento di utenti ed appassionati possa contare su numeri enormi, lo sport in sé trova spazio (sempre di più, va detto) solo in occasione dei...

Super Olimpiadi 2020, doppietta USA nel dorso del day8

Nonostante ci sia assolutamente vietato fare domande fuori dai canali standard, in settimana ho provato a contattare qualche collega estero per chiedere quale fosse l’anticipazione che il Commissioner ha rivelato prima del termine della scorsa giornata. Totalmente...

5 Consigli per Nuotatori principianti

Dopo un lungo di tempo di stop è tempo di rimettersi in forma, siete pronti a tornare in piscina o a iniziare una nuova avventura fra le corsie? Proviamo a darvi qualche consiglio, una mini guida per il nuoto e l'etichetta della piscina nel "nuoto libero", un buon...

“Tutto è andato secondo i miei piani, anche gli altri ragazzi mi hanno aiutato un po'” ha dichiarato nel post gara il vincitore Rasovszky che ha sfoggiato un nuovo look a base di baffi portafortuna.

Ha nuotato sin dall’inzio in testa al gruppo per impostare il ritmo e gli altri lo anno seguito favorendo la sua condotta di gara. Nel terzo giro ha tirato un po’ il fiato rimanendo sempre a ridosso delle posizioni di testa per poi mettere in atto il suo finale incontenibile nell’ultimo giro. Nemmeno il campione olimpico Ferry Weertman è riuscito a tenere il passo di Rasovsky che conquista l’oro in 1h50’12″00 rifilando 7 secondi all’olandese, bronzo nuovamente alla Germania con Soeren Meissner a +10″ dalla vittoria.

Buona prova per l’azzurro Mario Sanzullo che chiude sesto a soli 13 secondi dall’ungherese.

Le sedi delle nove tappe previste per le World Series 2019:

16.02 #1 Doha (QAT) – leggi il REPORT
12.05 #2 Seychelles (SEY) – leggi il REPORT
08.06 #3 Setubal (POR) – leggi il REPORT
15.06 #4 Balatonfured (HUN)

21.07 #5 Lac St. Jean (CAN)
03.08 #6 Lac Mégantic (CAN)
07.09 #7 Chinese Taipei (TPE)
28.08 #8 Ohrid (MKD)
29.09 #9 Chun’An (CHN)