La squadra azzurra di nuoto in acque gelide, coordinata da IISA Italy, ha partecipato ai Campionati del Mondo organizzati da IWSAInternational Winter Swimming Association – in quel di Bled (Slovenia) dal 3 al 9 febbraio 2020.

Il Lago di Bled è stato giustamente definito “uno dei laghi più belli al mondo”, uno scenario magnifico per gli sport d’acqua, ed ha già ospitato diverse comptizioni open water esitve, oltre ai Campionati Mondiali di canottaggio.

Le gare del Mondiale di Ice Swimming si sono tenute presso il Rowing Centre, per le distanze minori in una piscina delimitata da pontili provvisori nell’acqua del lago, mentre le distanze più lunghe, i 450 ed i 1000 metri, nelle acque del lago con la formula “Open Water”.

Nella spedizione azzurra, alcuni gelidisti “storici” come Thomas Kofler, Vittorio Zanoni, Sandra Fanzeca, Enzo Favoino e Gianfranco Boccia, ed alcuni recenti acquisti di qualità allo sport dello Ice Swimming, come Federico Miot (al suo debutto l’anno scorso ai Mondiali IISA a Murmansk) e Walter D’Angelo.

La spedizione azzurra è iniziata con il botto, nella distanza “regina” dello Ice Swimming, i 1000 metri, disputati nel magnifico scenario del lago con la formula Open Water: due giri da 500 m in un percorso a triangolo addossato alla riva per evidenti motivi di sicurezza.

I 1000 metri sono considerati prova “estrema” dello Ice Swimming, e richiedono allenamento specifico per conseguire gli adattamenti fisiologici alle condizioni probanti (la permanenza in acqua gelida per tempi prolungati) ed imparare a gestire la delicata fase del recupero post-nuotata, che può durare anche diverse decine di minuti. In ragione delle condizioni estreme, l’ammissione alla gara prevede poi un rigido protocollo di controllo medico, e la presenza di un “secondo” per ogni nuotatore, che assista il nuotatore nella fase pregara, ne osservi le condizioni della nuotata (efficacia della bracciata) durante la competizione, richiamando l’attenzione della sicurezza in caso di difficoltà, e soprattutto accolga il nuotatore all’arrivo, aiutandolo nelle fasi immediatamente successive e osservandone le condizioni lungo tutto il recupero.

I tre nuotatori azzurri che hanno partecipato alla prova, Gianfranco Boccia (23’10″40), Enzo Favoino (23’55″0) e Federico Miot (20’15″60), hanno tutti portato a termine con successo la prova. Per Miot, si trattava addirittura del debutto sulla distanza, il che aumenta la gioia sua personale e di tutto il team, che vede aumentare il numero dei “millisti” della nostra squadra nazionale. I nostri nuotatori hanno saputo gestire bene le difficoltà della prova, grazie agli allenamenti costanti nelle scorse settimane su distanze analoghe, ma soprattutto grazie al magnifico sostegno dei loro “secondi“: Sandra Fanzeca, Vittorio Zanoni e Walter D’Angelo, per un giorno in modalità assistenti in attesa di dare il via alle proprie competizioni.

Anche il recupero è avvenuto linearmente e senza inconvenienti, grazie alla preparazione specifica che aiuta a governare le difficoltà fisiologiche di tale fase (spesso, ancora più impegnativa della gara stessa).

L’acqua del lago aveva una temperatura di 5,5°C, il che in senso stretto non la fa classificare come “acqua gelida” (la codifica internazionale IISA prevede temperature sotto i 5°C) ma soprattutto, costituisce una ulteriore evidenze di una annata meteo particolarmente anomala in tutta Europa, ed un segno dell’incipiente cambiamento climatico.

Proprio per questo, da tempo la squadra dei nostri gelidisti ha voluto e saputo abbinare la sensibilizzazione ai temi del riscaldamento globale e della sostenibilità ambientale in senso generale, alle proprie scorribande in acque fredde e gelide (oltre alle competizioni del circuito internazionale, anche le “econuotate” che svolgono autonomamente in varie località dei nostri laghi e mari).

Anche a Bled, il loro striscione sul tema, da tempo conosciuto nel circuito delle acque gelide, ha raccolto sostegno e simpatia.
Un appello che idealmente si estende a tutti i nuotatori, che si tratti di acque gelide, fredde, tiepide o calde.

Super Olimpiadi 2020, strabiliante Milák nel day2. Primo oro USA

Negli ultimi 7 giorni, il mio telefono è diventato rovente. Forse non era chiaro dalla conferenza stampa inaugurale, che effettivamente era sembrata piuttosto vaga e fantasiosa, ma la prima giornata delle SuperOlimpiadi ha fugato ogni tipo di dubbio. Siamo entrati...
Leggi

Il ritorno in vasca del Team MP Michael Phelps: Carini, Pizzini e Scalia

Il Team MP, composto da Luca Pizzini, Giacomo Carini e Silvia Scalia, torna ad allenarsi in piscina sempre supportato dal brand MP Michael Phelps Un ritorno graduale alle attività, grazie alle concessioni della fase 2, dove alcune piscine hanno potuto riaprire le...
Leggi

Storie di Nuoto, Phelps vs Lochte: la Sfida Infinita

La carriera di un atleta viene solitamente valutata a seconda dei risultati sportivi ottenuti, delle medaglie conquistate e dei record battuti. Ma oltre ai puri numeri, i grandi atleti si ricordano anche per le grandi sfide, le lotte combattute con i loro avversari,...
Leggi

Super Olimpiadi 2020, subito una medaglia per gli azzurri nel day1

Come annunciato durante la Conferenza Stampa di ieri, il nuoto è stato rivoluzionato. Cercherò attraverso le parole di descrivervi al meglio quanto ho appena visto con i miei occhi ed ascoltato con le mie orecchie, ma so già che fallirò. Quindi prima di iniziare vi...
Leggi

Cronache delle Super Olimpiadi 2020, la Conferenza Stampa

Da quasi ormai due mesi lo sport si è fermato in tutto il mondo, ogni evento cancellato. Il lockdown globale non ha fatto distinzioni, imponendo lo stop a qualsiasi competizione, dall’ultima delle gare di paese ai più importanti ed imponenti tornei mondiali. Solo in...
Leggi

Training Lab, L’affaticamento Neuromuscolare nella nuotata a Rana

La maggior parte degli studi fisiologici e biomeccanici sulle diverse prestazioni natatorie si concentrano spesso su aspetti bioenergetici e biomeccanici. Ovvero vertono la loro attenzione sui diversi serbatoi energetici utilizzati durante la disciplina in esame e su...
Leggi

Horton, una protesta che vale la medaglia

Con il passare del tempo, la vicenda che ha per protagonista Sun Yang continua ad arricchirsi di particolari che, pur non essendo centrali, scoprono gradualmente i fatti e ci danno una visione sempre più ampia della situazione. Stando a quanto riportato da Swimming...
Leggi

Gregorio Paltrinieri cambia guida tecnica

La virata più coraggiosa della carriera. Gregorio Paltrinieri sfonda gli argini di timori e riserve e sposta al centro del progetto tecnico anche la 10 chilometri di nuoto in acque libere, finora mai prevalente su 800 e 1500 in cui ha vinto il titolo olimpico, tre...
Leggi

Storie di Nuoto, Specialità Olimpiche perdute

Le Olimpiadi sono un evento globale atteso e seguito in tutto il mondo, al quale partecipano perlopiù atleti professionisti che vivono dello sport da loro praticato e ne ricevono spesso fama e notorietà. In origine, tuttavia, gli sportivi olimpici non erano dei...
Leggi

Europei rinviati al 2021, il nuovo calendario con Olimpiadi e Mondiali

Il calendario internazionale degli eventi del nuoto è stato completamente ridefinito con la decisione di ieri della LEN di spostare i Campionati Europei di Budapest al 2021, che si aggiunge a quella della FINA che ha posticipato al 2022 i Campionati Mondiali di...
Leggi

Seconda giornata intensa di gare nella piscina ricavata nell’acqua del lago. Tre dei gelidisti azzurri impegnati sui 25 delfino, due sui 100 rana, e in quattro hanno poi affrontato i 200 stile libero.

Walter D’Angelo – 25 delfino 17″14
Federico Miot – 25 delfino 16″75, 100 rana 1’37″17, – 200 stile libero 2’46″14
Sandra Fanzeca – 25 delfino 30″74, 100 rana 2’21″05
Vittorio Zanoni – 200 stile libero 3’33″47
Gianfranco Boccia – 200 stile libero 3’30″28
Enzo Favoino – 200 stile libero 3’54″47

Ottimi i risultati, la squadra azzurra per festeggiare si è poi spostata più in alto nella stessa valle, per cercare acqua ancora più fredda nel magnifico scenario del Lago di Bohinj, sferzato dalla bora per rendere la situazione ancora più suggestiva e probante.

Nella terza giornata l’Italia raccoglie metallo prezioso!

La spedizione azzurra coronata da un argento nel 100 stile libero con Walter D’angelo (1’10″25), ed un oro nei 50 rana con Gerrit Curcio (36″0) anche quarto nei 25 stile in 13″81 a un solo centesimo dal podio.

I nostri atleti hanno gareggiato tutta la giornata su varie distanze, si è distinta Sandra Fanzeca, per essere ancora una volta l’unica in tutto il lotto delle concorrenti a sfidare l’acqua gelida in bikini.

Tre nostri atleti hanno poi completato la giornata con i 450 stile libero informula open water, nelle acque del Lago di Bled, sempre più suggestive: Gianfranco Boccia (7’08″27), Enzo Favoino (10’37″28) e Federico Miot (8’05″07).

La giornata ha anche registrato il ritorno in acque gelide del gelidista “storico” italiano, Thomas Kofler, che già nel 2010 aveva partecipato alla prima edizione dei Campionati del Mondo nella stessa località (25 sl 18″67, 50 sl 42″23, 100 sl 1’38″92).

Segnaliamo infine l’incredibile risultato del veterano delle acque gelide Christof Wandratsch, il tedesco ha conquistato ben 11 medaglie di cui otto d’oro, due d’argento e un bronzo.