Mentre i riflettori del nuoto – in vasca – e pallanuoto erano puntati sui Campionati del Mondo di Gwangju il circuito delle acque libere si è spostato verso altri lidi. Dopo un mese di sosta nel programma della FINA Marathon Swim World Series si ritorna a gareggiare con la quinta tappa del Lago St-Jean in Canada.

Alcuni dei partecipanti hanno raggiunto il campo gara direttamente dalla Corea: un viaggio di 10.500 km a 13 fusi orari di distanza!

Fra questi atleti i vincitori della prova canadese: l’azzurra Rachele Bruni argento sia nella 10 km iridata – con pass per le Olimpiadi di Tokyo 2020 – che nella staffetta 4×1.250 mixed e l’ungherese Kristóf Rasovszky.

Se non ci sono state sorprese per le medaglie d’oro, una svolta nella carriera agonistica è arrivata per chi è salito sul podio.

Nella gara femminile la 25enne ungherese Anna Olasz, ha ottenuto il suo miglior risultato salendo sul secondo gfradino del podio nonostante abbia partecipato alla 25 km di Gwangju due giorni e sia arrivata in Canada alle 3 del mattino della gara.

Terzo posto per la francese Caroline Jouisse per la prima volta a medaglia nella sua prima stagione di competizione nelle World Series.

Una gara d’attesa, dovuta anche alla stanchezza delle favorite che si èdecisa negli ultimi metri, così Rachele: “Ho percorso quattro giri facili e gli ultimi due un po’ più veloce. Volevo stare con il gruppo e non scappare fino a 500 metri dalla fine”.

1. Rachele Bruni (ITA) 2:03:56.4
2. Anna Olasz (HUN) +3″9
3. Caroline Jouisse (FRA) +6″8

7. Alice Franco (ITA) +3’05″10

Super Olimpiadi 2020, Codia sfiora la finale. Dominio USA nel day9

Un testimonial dal passato. L’indizio dato la settimana scorsa dal Commissioner è tanto succulento quanto vago, perché se è vero che con la tecnologia NASA le SuperOlimpiadi ci hanno già fatto parlare con diversi miti del nuoto degli anni che furono, è altresì vero...

Benvenuti in PHELPS, l’evoluzione del marchio MP Michael Phelps

Phelps offre gli stessi fantastici prodotti e le tecnologie leader del mercato con un nuovo look and feel Quando minimalismo e tecnicismo si uniscono per rinnovare un brand premium per il mondo del nuoto che prende il nome di: PHELPS. Il marchio Phelps è l’evoluzione...

Training Lab, Fluidodinamica computazionale applicata allo studio della bracciata

In tutte le tecniche di nuotata è di fondamentale importanza il ruolo svolto dalla componente mano-avambraccio per la sua notevole interazione con l’elemento fluido. Il come avviene tale interazione è oggetto di studio ormai da oltre mezzo secolo, e ha vissuto alcuni...

Ariarne “Arnie” Titmus, la nuova stella australiana

È difficile trovare un’altra nazione al mondo che straveda per il nuoto come l’Australia. In Italia, nonostante il movimento di utenti ed appassionati possa contare su numeri enormi, lo sport in sé trova spazio (sempre di più, va detto) solo in occasione dei...

Super Olimpiadi 2020, doppietta USA nel dorso del day8

Nonostante ci sia assolutamente vietato fare domande fuori dai canali standard, in settimana ho provato a contattare qualche collega estero per chiedere quale fosse l’anticipazione che il Commissioner ha rivelato prima del termine della scorsa giornata. Totalmente...

5 Consigli per Nuotatori principianti

Dopo un lungo di tempo di stop è tempo di rimettersi in forma, siete pronti a tornare in piscina o a iniziare una nuova avventura fra le corsie? Proviamo a darvi qualche consiglio, una mini guida per il nuoto e l'etichetta della piscina nel "nuoto libero", un buon...

Nella gara maschile le sorprese riguardano anche l’Italia.

Primo podio alle World Series per il ventenne francese Fares Zitouni che chiude a soli 12″5 da Rasovszky , mentre il’azzurro Dario Verani ha conquistato il terzo posto nel suo debutto nel Lac St-Jean dopo aver superato due nuotatori negli ultimi 500 metri.

Gara “tranquilla” anche quella degli uomini, fino all’inizio dell’ultimo giro dove l’ungherese salta il rifornimento e alza il ritmo andando in fuga con altri cinque atleti. A meno di un chilometro dall’arrivo il gruppo recupera alcune atlete (la gara femminile era partita 15 minuti prima) c’è un po’ di confusione, ma si ingaggia il finale a 5.

Negli utlimi 500 metri Verani supera Matteo Furlan e Marcel Schouten e chiude con il bronzo.

1. Kristóf Rasovszky (HUN) 1:53:28.80
2. Fares Zitouni (FRA) +12″5
3. Dario Verani (ITA) +15″79
4. Matteo Furlan (ITA) +18″20
5. Marcel Schouten (NED) +18″21

Le sedi delle nove tappe previste per le World Series 2019:

16.02 #1 Doha (QAT) – leggi il REPORT
12.05 #2 Seychelles (SEY) – leggi il REPORT
08.06 #3 Setubal (POR) – leggi il REPORT
15.06 #4 Balatonfured (HUN) – leggi il REPORT

21.07 #5 Lac St. Jean (CAN)

03.08 #6 Lac Mégantic (CAN)
07.09 #7 Chinese Taipei (TPE)
28.08 #8 Ohrid (MKD)
29.09 #9 Chun’An (CHN)