Ranghi ridotti per la settima tappa della FINA Marathon Swim World Series che dopo le due tappe canadesi post-mondiale si sposta in Macedonia nel lago Ohrid, uno dei maggiori della penisola balcanica.

Solo 16 atleti partecipanti – 10 uomini e 6 donne – con l’Italia protagonista sia al femminile col doppio podio di Rachele Bruni argento e Arianna Bridi bronzo che al maschile con Matteo Furlan terzo.

Fra le donne vince la fuoriclasse brasiliana Ana Marcela Cunha mentre fra gli uomini è il russo Kirill Abrosimov a prendersi la vittoria con Kristóf Rasovszky a sopresa fuori dal podio.

Solo sei partecipanti nella prova femminile che vede la quarta vittoria di coppa per la brasiliana Cunha dopo Doha, Setubal e Balaton (non ha partecipato alle tappe canadesi perchè impegnata ai Giochi Panamericani di Lima).

Non molto soddisfatta della sua prova la vicnitrice: “Mi piace vincere, ma non sono soddisfatta per come è andata. Soprattutto il ritmo iniziale era troppo lento. Non sono riuscita a trovare il ritmo giusto”.

Gara a quattro che ha visto le tre medagliate insieme all’ungherese Anna Olasz presentarsi insieme all’ultima boa, nello sprint finale la Cunha precede tutte mentre la Bridi lascia fuori dal podio l’ungherese (+4″4).

1. Ana Marcela Cunha BRA 2h11’38″4
2. Rachele Bruni ITA +2″5
3. Arianna Bridi ITA +2″9

Rachele Bruni si conferma al comando della classifica con 4450 punti a due prove dal termine, Ana Marcela Cunha sale al secondo posto con 3900 scavalcando la Bridi ora terza con 3800 punti.

Super Olimpiadi 2020, Codia sfiora la finale. Dominio USA nel day9

Un testimonial dal passato. L’indizio dato la settimana scorsa dal Commissioner è tanto succulento quanto vago, perché se è vero che con la tecnologia NASA le SuperOlimpiadi ci hanno già fatto parlare con diversi miti del nuoto degli anni che furono, è altresì vero...

Benvenuti in PHELPS, l’evoluzione del marchio MP Michael Phelps

Phelps offre gli stessi fantastici prodotti e le tecnologie leader del mercato con un nuovo look and feel Quando minimalismo e tecnicismo si uniscono per rinnovare un brand premium per il mondo del nuoto che prende il nome di: PHELPS. Il marchio Phelps è l’evoluzione...

Training Lab, Fluidodinamica computazionale applicata allo studio della bracciata

In tutte le tecniche di nuotata è di fondamentale importanza il ruolo svolto dalla componente mano-avambraccio per la sua notevole interazione con l’elemento fluido. Il come avviene tale interazione è oggetto di studio ormai da oltre mezzo secolo, e ha vissuto alcuni...

Ariarne “Arnie” Titmus, la nuova stella australiana

È difficile trovare un’altra nazione al mondo che straveda per il nuoto come l’Australia. In Italia, nonostante il movimento di utenti ed appassionati possa contare su numeri enormi, lo sport in sé trova spazio (sempre di più, va detto) solo in occasione dei...

Super Olimpiadi 2020, doppietta USA nel dorso del day8

Nonostante ci sia assolutamente vietato fare domande fuori dai canali standard, in settimana ho provato a contattare qualche collega estero per chiedere quale fosse l’anticipazione che il Commissioner ha rivelato prima del termine della scorsa giornata. Totalmente...

5 Consigli per Nuotatori principianti

Dopo un lungo di tempo di stop è tempo di rimettersi in forma, siete pronti a tornare in piscina o a iniziare una nuova avventura fra le corsie? Proviamo a darvi qualche consiglio, una mini guida per il nuoto e l'etichetta della piscina nel "nuoto libero", un buon...

Nella gara maschile vittoria per il russo Kirill Ambrosimov che precede per un solo decimo il francese campione del mondo della 25 km a Gwangju Axel Reymond. Il favorito Kristóf Rasovszky nuota per buona parte della gara in seconda posizione ma nel finale viene superato anche dall’azzurro Matteo Furlan che lo fa scivolare fuori dal podio.

Gara deludente anche per l’atleta di casa Evgenji Pop Acev vincitore della tappa in coppa LEN della scorsa settimana che rimane fuori dalla testa della gara e chiude a oltre 10 minuti dalla testa.

1. Kirill Ambrosimov RUS 2h00’21″8
2. Axel Reymond FRA +0″1
3. Matteo Furlan ITA +1″5

5. Andrea Bianchi ITA +7″5
7. Dario Verani ITA + 20″1

Nella classifica generale rimane saldamente al comando Rasovszky, (4250 pti), mentre sale al secondo posto il nostro Furlan (2210 pti) che scavalca il tedesco Waschburger (2170 pti).

Le sedi delle nove tappe previste per le World Series 2019:

16.02 #1 Doha (QAT) – leggi il REPORT
12.05 #2 Seychelles (SEY) – leggi il REPORT
08.06 #3 Setubal (POR) – leggi il REPORT
15.06 #4 Balatonfured (HUN) – leggi il REPORT

21.07 #5 Lac St. Jean (CAN) – leggi il REPORT
03.08 #6 Lac Mégantic (CAN)

07.09 #7 Chinese Taipei (TPE)
28.08 #8 Ohrid (MKD)
29.09 #9 Chun’An (CHN)