A dieci giorni di distanza dalla tappa macedone del lago Ohrid, la FINA Marathon Swim World Series si trasferisce a Nantu (Taipei) per la prima gara organizzata dalla Chinese Taipei Swimming Association. Campo gara allestito presso il Sun Moon Lake, il lago più grande del paese, 25° C la temperatura dell’acqua, percorso allestito su un circuito di circa 2 km da compiere per 5 giri.

Decisamente più nutrita la partecipazione rispetto all’ultima tappa con 43 atleti al via – 21 uomini e 22 donne – in rappresentanza di 11 nazioni: Italia ancora una volta protagonista con la conquista di tre podi. Posizioni invertite rispetto a Ohrid per Arianna Bridi che si prende l’argento davanti a Rachele Bruni, bronzo che si ripete anche nella gara maschile con Matteo Furlan.

Fra le donne successo per la fuoriclasse brasiliana Ana Marcela Cunha alla quarta vittoria nel circuito, mentre fra gli uomini è l’australiano Nicholas Sloman a prendersi il suo primo oro dopo l’argento delle Seychelles.

Nelle gara femminile ritmo alto impostato subito nei primi due giri dalla nostra Bridi che ha spezzato il gruppo con solo cinque atlete in gradi di tenere il passo: l’azzurra Bruni, la brasiliana Cunha, la tedesca Spiwoks e l’australiana Lee che ha preso il comando nel terzo giro.

Nel quinto giro la Cunha cambia il ritmo e si invola verso il traguardo toccando prima in 2h02’37″6, argento per Bridi con un distacco di 2″4, mentre Bruni vinci la battaglia per il terzo posto (+2″6) per un decimo sulla Lee.

Prima della tappa conclusiva cinese di Chun’An la classifica generale vede Rachele Bruni rimanere al comando con 5050 punti tallonata dalla brasiliana Cunha con 4700 punti e terza Arianna Bridi con 4500 punti.

Training Lab, Ottimizzazione della Tecnica Quinto Stile

Le quattro nuotate riconosciute da tutte le federazioni mondiali hanno un po’ come punto in comune l’idea di dominare l’acqua, nel senso che l’obiettivo di ogni nuotatore è riposto nel ricercare una posizione che gli permetta un avanzamento ottimale. Tale situazione...

Allenamento indoor e alimentazione ai tempi del coronavirus

Per gli atleti è un momento strano. L’allenamento all’aperto è “congelato”. Piscine e palestre chiuse. In questo periodo anomalo ci vengono in soccorso Ivan Risti e Elena Casiraghi. Marito e moglie, Ivan è triatleta Aqua Sphere e coach, mentre Elena è specialista in...

Il Nuotatore Master ai tempi della quarantena

Non esiste pesce fuor d’acqua più fuor d’acqua del nuotatore master al tempo della quarantena. La chiusura delle piscine penalizza significativamente un pubblico vasto e variegato: i teneri infanti dei corsi di avviamento all’acquaticità, gli scalpitanti ragazzini...

Tokyo 2020ne, parlano i CT di nuoto e atletica Butini e La Torre

Il coronavirus ha cambiato la vita di ognuno di noi. Da più di un mese ci troviamo alle prese con piccoli e grandi problemi di riorganizzazione, di riadattamento, di ricalcolo delle nostre esistenze. Il lavoro, la scuola, lo sport, le relazioni, non sono - e...

L’International Swimming League avvia un programma di Solidarietà

L'International Swimming League ha scritto a tutte le società e atleti ISL in merito all'avvio del suo programma di solidarietà. Saranno previsti per tutti gli atleti ISL - o che firmeranno un contratto con essa - degli aiuti economici al fine di aiutare i nuotatori a...

SwimStats Tokyo2020 Special | i 400 Misti

Stesso posto, stesse date, ma nel 2021! I Giochi della XXXII Olimpiade di Tokyo2020 - si esatto si continueranno a chiamare così! - si terranno un anno dopo quanto precedentemente schedulato cioè dal 23 luglio all'8 agosto 2021. L'edizione speciale della nostra...

Nella gara maschile tattica completamente diversa con l’australiano Sloman a dettare il ritmo, non particolarmente sostentuto, per i primi giri, al terzo lap l’olandese Schouten si è spostato in testa al gruppo per provare ad alzare il passo, mentre al quarto giro è stato l’atleta di casa Cho a trovarsi in testa al gruppo.

Nell’ultimo split Sloman ha ripreso le redini della gara sino al tocco finale in 1h56’31″2 lasciando a +5″6 il connazionale Hayden Cotter, mentre il nostro Matteo Furlan conquista un altro podio (+7″2) vincendo la concorrenza del tedesco Meissner (+8″).

Buona prova per Dario Verani che conclude al 5° posto con un ritardo di 9 secondi e 7 decimi.

La classifica generale vede saldamente al comando l’ungherese Kristóf Rasovszky (4250 pti) che ha optato per saltare questo evento, Matteo Furlan, consolida la seconda posizione con 2810 punti e il tedesco Andreas Waschburger la terza con 2620 punti.

Le sedi delle nove tappe previste per le World Series 2019:

16.02 #1 Doha (QAT) – leggi il REPORT
12.05 #2 Seychelles (SEY) – leggi il REPORT
08.06 #3 Setubal (POR) – leggi il REPORT
15.06 #4 Balatonfured (HUN) – leggi il REPORT

21.07 #5 Lac St. Jean (CAN) – leggi il REPORT
03.08 #6 Lac Mégantic (CAN)
28.08 #7 Ohrid (MKD) – leggi il REPORT

07.09 #8 Chinese Taipei (TPE)

29.09 #9 Chun’An (CHN)