In attesa di diventare sport olimpico, un altro grande riconoscimento da Guinness World Records ™ al Nuoto in Acque Gelide ed alle prestazioni certificate dalla International Ice Swimming Association – IISA (dai 500 metri al miglio).

Ricordiamo che la specialità del nuoto in acque gelide prevede di nuotare in acque con temperatura inferiore a 5°C, con abbigliamento standard da nuoto: costume, occhialini, cuffia.

La pratica è considerata un vero e proprio sport estremo, in particolare per le distanze dai 500 metri in su, ed il percorso di riconoscimento della specialità come sport olimpico è in corso, con prove dimostrative che potrebbero già essere incluse nel programma delle prossime Olimpiadi Invernali.

Diversi campioni di nuoto in acque libere si sono recentemente dedicati all’ Ice Swimming – ad esempio Christof Wandratsch e Petăr Stojčev, più volte Campioni del Mondo – ed anche in Italia c’è da tempo un gruppo di praticanti, che partecipano alle competizioni del circuito internazionale, ed hanno rappresentato l’Italia nelle varie edizioni dei Campionati Mondiali (leggi QUI l’articolo sul Mondiale a Burghausen 2017)

I Campionati del Mondo si tengono sulla distanza unica dei 1000 metri, che diverrebbe anche la distanza olimpica; nelle varie manifestazioni si tengono invece anche gare sulle varie distanze dai 25 ai 500 metri, spesso anche con gare in altri stili oltre allo stile libero.

Il Guinness World Record ™ (GWR) aveva già riconosciuto le migliori prestazioni sui 1000 metri. Recentemente, GWR ha annunciato che includerà tra i record riconosciuti anche altre distanze – dai 500 metri al miglio – e categorie.

Queste le nuove categorie riconosciute:

  • Ice Mile (miglio, 1609m) più veloce (maschile e femminile)
  • Più lunga Ice Swim mai percorsa
  • Ice Milers (nuotatori che hanno portato a termine il miglio in acque gelide) più anziani (maschile e femminile)

In accordo con IISA, non è invece stata introdotta la categoria degli Ice Milers più giovani, in considerazione del limite inferiore di età adottato per garantire la sicurezza in queste attività estreme, e che richiedono, oltre alle misure di sicurezza ed assistenza medica predisposte durante e dopo le gare ed i tentativi, piena consapevolezza ed allenamento dei praticanti.

Dal prossimo anno, verranno riconosciuti anche i 500 metri più veloci (maschile e femminile).

Sydney2000 Special, la 4×100 stile e il Rock ‘n’ Roll Australiano

Meno di un mese prima dell’inizio delle Olimpiadi di Sydney, la nazionale australiana di nuoto si trova in collegiale a Melbourne. Ci sono tutti, da Michael Klim a Grant Hackett, da Ian Thorpe a Kieren Perkins. È una nazionale piena di stelle che si sta preparando per...
Leggi

Training Lab, Errori biomeccanici nello stile libero come causa di infortunio nei nuotatori

In uno sport ciclico come il nuoto, l’elevata ripetitività di alcuni gesti tecnici pone inevitabilmente i nuotatori ad affrontare l’argomento infortuni. Proprio per evitare di fasciarsi la testa con assunzioni approssimative e non veritiere occorre analizzare meglio...
Leggi

ISL2020 | Scopriamo i team della seconda edizione

Tramite una videoconferenza stampa in diretta da Parigi - leggi QUI l'articolo di presentazione - il Presidente Konstantin Grigorishin ed i suoi collaboratori hanno formalizzato il ritorno della International Swimming League, annunciando l’organizzazione della seconda...
Leggi

Swim Stats | La storia dei 200 stile libero: Federica Pellegrini

Nel mondo del nuoto, sono pochissimi i binomi gara-atleta che si connettono automaticamente come i 200 stile libero e Federica Pellegrini. Negli ultimi 15 anni di competizioni, Fede ha vinto tutto quello che c’è da vincere, battuto record ed avversarie, rivoluzionato...
Leggi

ISL2020 | l’International Swimming League ai blocchi di partenza

In un anno maledetto, che ci ha privato purtroppo ma giustamente, di tutto il meglio che c’era da aspettare acquaticamente parlando (Giochi, vi aspettiamo l’anno prossimo, niente scherzi) un lampo di speranza arriva dalla nuova lega del nuoto di Konstantin...
Leggi

L’Appello dei ragazzi della piscina Marimisti di Brindisi: “vogliamo nuotare!”

Settembre è iniziato, tante sono le realtà sportive che volenti o nolenti si trovano a fare i conti con un panorama decisamente cambiato, principalmente a causa della pandemia, che ha rotto molti equilibri, in alcuni casi già putroppo precari. Oggi diamo spazio a una...
Leggi

Arianna Bridi trionfa alla Capri-Napoli e Sabrina Peron conquista la Manica

Il 6 settembre 2020 le acque libere parlano al femminile con due imprese straordinarie: Arianna Bridi è la prima donna a vincere la classifica assoluta della Maratona del Golfo Capri-Napoli regolando tutti i partenti, partenti uomini compresi, e stabilendo anche il...
Leggi

Swim Stats | La storia dei 1500 stile libero: Gregorio Paltrinieri

“Scendere sotto i 14’40”: questo ti rende un grande dei 1500 stile libero” Lo ha detto l’australiano Grant Hackett in un’intervista al Sydney Herald, qualche anno dopo essere stato il primo, ai Mondiali di Fukuoka 2001, ad infrangere il muro che fa da spartiacque tra...
Leggi

Aquaticità neonatale: i benefici dall’attività in acqua dai 3 mesi

L’acquaticità neonatale: quali possono essere i benefici dall’attività in acqua per bambini tra i 3 ed i 36 mesi? L’acqua è un elemento speciale per la vita in generale, ed anche per i bambini. Ma quali sono le evidenze a supporto? di Dott.ssa Gianna Pangos Educatore...
Leggi

Al via il 6 settembre la Maratona del Golfo Capri-Napoli

55ª Maratona del Golfo Capri-Napoli - Trofeo Farmacosmo, Gregorio Paltrinieri guida la parata di stelle del nuoto Caparbietà e resistenza: sono due tra le principali caratteristiche che accompagnano i nuotatori di fondo quando si cimentano in traversate lunghe e...
Leggi

Questi, allo stato, i detentori dei record per le nuove categorie:

Ice swim più lunga

La più lunga Ice Swim maschile registrata dall’International Ice Swimming Association® è di 3,44 chilometri (2,14 miglia), percorsa da Hamza Bakircioglu (Turchia) nel Sonthofersee vicino alla città di Sonthofen, in Germania, il 7 febbraio 2018.
La temperatura media dell’acqua era di 4,13 °C.

La più lunga Ice Swim femminile registrata dall’International Ice Swimming Association® è di 3,30 chilometri (2,05 miglia), percorsa da Carmel Collins (Irlanda) in una piscina all’aperto d’acqua dolce presso Wild Water ad Armagh, Irlanda del Nord, Regno Unito, il 21 febbraio 2016.
La temperatura media dell’acqua era di 4,63°C.

Ice Mile più veloce

Maschile: 20 minuti e 29 secondi, Rostislav Vitek (Repubblica Ceca) in uno specchio di acqua dolce a Blansko, Repubblica Ceca, il 7 marzo 2015.

Femminile: 24 minuti e 5 secondi, Magda Okurková (Repubblica Ceca) in il lago d’acqua dolce a Dunajská Streda, Slovacchia, il 14 dicembre 2014.

Ice Miler meno giovane

Maschile: l’atleta più anziano a completare un Ice Mile secondo le norme codificate dall’International Ice Swimming Association® è Aleksander Zelenteskii, che aveva 64 anni e 35 giorni quando ha nuotato nelle acque a 4,7°C del lago Baikal in Russia, il 12 giugno 2017.

Femminile: l’atleta meno giovane che ha completato un Ice Mile è Elke Ortloff, che aveva 65 anni e 264 giorni quando ha nuotato a 4,97 °C in una piscina all’aperto a Volendam, Paesi Bassi, il 18 gennaio 2019.

I certificati GWR verranno consegnati ai record-holders al WOWSA Ocean Fest di Los Angeles il prossimo 5 ottobre 2019.

Siete interessati a praticare l’attività, o anche semplicemente ad approfondire la conoscenza del tema, potete visitare il sito IISA Italy

Oppure potete contattare:
Paolo Chiarino 349 6112482
Enzo Favoino 335 355446

visita il sito IISA Italy

Foto e testo: Enzo Favoino