Tappa numero tre per la FINA Marathon Swim World Series che dalle “bollenti” Seychelles – leggi QUI il REPORT – si trasferisce in Portogallo a Setúbal, in acqua per l’Italia Arianna Bridi e Rachele Bruni.

Solo 46 atleti al via – 22 donne e 24 uomini – hanno gareggiato nel mare antistante al Parque Urbano de Albarquel. Il percorso composto da un circuito di circa 2 km è stato ripetuto per 5 giri a completare la distanza di 10 km, mentre la temperatura dell’acqua è stata registrata a circa 19°C: utilizzo della muta facoltativo.

Gara femminile con le due azzurre favorite insieme alla brasiliana Marcela Cunha, mentre al maschile gara più aperta con pochi nomi di spicco delle acque libere.

Nel primo giro della gara femminile – il più lento dei cinque – prende la testa la spagnola Vilas, gara compatta fino al terzo giro dove le azzurre insieme alla Cunha, alla ecuadoriana Arevalo e alla portoghese Andre cambiano il passo.

Ultimo giro con il crono più veloce e il testa a testa finale di Cunha con Bruni, stesso tempo finale di 1h41’12″01 e vittoria data al fotofinish alla brasiliana, gradino più basso del podio per Samantha Arevalo con 6 secondi di distacco, mentre Arianna Bridi chiude quarta a +7″ con lo stesso crono di Angelica Andre.

Il commento dela nostra Bruni [fonte FINA.org]:

Sono molto contenta della gara, è stata più dura del normale con la muta. Chiusura molto veloce ma pulita non ci siamo scontrate affatto fino all’arrivo. Non vedo l’ora di gareggiarte ai Campionati del Mondo che sono anche la nostra qualificazione per i Giochi Olimpici, quindi voglio davvero vincere una medaglia.

Intervista a Fabio Scozzoli dalla “bolla” ISL di Budapest

La International Swimming League è una delle novità più belle e chiacchierate degli ultimi anni. L’avvento di questa nuova lega professionistica ha fatto parlare moltissimo, dividendo nettamente l’opinione di appassionati ed addetti ai lavori: c’è chi la ama e ci vede...

ISL2020 | Dominio London Roar nel Match 2. Martinenghi e Miressi in evidenza

Alla vigilia, la preoccupazione per il roster dei London Roar, privato di tutti gli australiani, che non hanno avuto il permesso della federazione per competere, e anche di alcuni inglesi (fermati in via precauzionale per contatti da Covid-19), era alta. In questo...

ISL2020 | Match 1 vincono i Cali Condors, Pilato superstar

Per parlare del primo match della seconda stagione della International Swimming League si può iniziare in diversi modi, perché molti sono i temi che questa prima due giorni di nuoto nella bolla di Budapest, alla Duna Aréna, sono emersi. Seguendo la narrativa che la...

Training Lab, Quale strategia di nuotata migliore per la Rana?

Uno stile come la rana, oltre ad aver rappresentato per certi versi una delle massime espressioni dell’evoluzione del nuoto moderno, è da sempre il tipo di nuotata più ambigua da interpretare, caratteristica che lo rende probabilmente lo stile più singolare. Questo...

ISL2020 | Siete pronti per la Season 2?

La International Swimming League sta per inaugurare la sua seconda stagione con modalità particolari ma con ambizioni che restano, come all’esordio, elevatissime. Nelle parole di Andrea Di Nino, direttore del progetto, resta la convinzione che solo attraverso la...

Collegiali: nuovo gruppo a Livigno, fondo a Siracusa

Livigno si conferma una delle mete preferite per i collegiali del nuoto azzurro. Le prime due selezioni di atleti di interesse nazionale hanno completato il loro lavoro in altura dal 20 settembre al 3 ottobre un gruppo di velocisti tutto al maschile seguito da Claudio...

Gara maschile con evidenti correnti a favore e i primi due giri di circuito percorsi in 18/19 minuti. Strappo nel terzo giro con il cambio di passo messo in atto dal tedesco Andreas Waschburger e i tre argentini Guillermo Bertola, Joaquin Moreno e Ivo Cassini a fare “lavoro di squadra” per mantenere il ritmo.

Undici nuotatori nel gruppo di testa del quarto giro che scendono a sei nel finale: ai 100 metri Waschburger è in vantaggio, ma ai 50 metri dell’imbuto finale il giapponese Yohsuke Miyamoto conquista la posizione e la vittoria finale – la sua prima in una tappa World Series – in 1h34’44″00 lasciando a un secondo il tedesco. Terzo l’argentino Joaquin Moreno a +4″ davanti al connazionale Bertola che chiude a +7″.

Le sedi delle nove tappe previste per le World Series 2019:

16.02 #1 Doha (QAT) – leggi il REPORT
12.05 #2 Seychelles (SEY) – leggi il REPORT
08.06 #3 Setubal (POR)

15.06 #4 Balatonfured (HUN)
21.07 #5 Lac St. Jean (CAN)
03.08 #6 Lac Mégantic (CAN)
07.09 #7 Chinese Taipei (TPE)
28.08 #8 Ohrid (MKD)
29.09 #9 Chun’An (CHN)