Terminata la pausa invernale, la FINA Marathon Swim World Series rientra nel vivo con la seconda tappa delle Seychelles che registra la vittoria dell’azzurra Arianna Bridi e l’onerevole quarto posto di Rachele Bruni.

I 75 atleti – 33 donne e 42 uomini in rappresentanza di 19 nazioni – hanno gareggiato nelle acque cristalline di Beau Vallon dell’Isola di Mahé, la più grande dell’arcipelago composto da 115 isole granitiche e coralline che si trovano nell’Oceano Indiano occidentale. Il percorso composto da un circuito di circa 1,6 km è stato ripetuto per 6 giri a completare la distanza di 10 km, mentre la temperatura dell’acqua è stata registrata a circa 29°C.

Buona prova delle due azzurre qui in ritiro dal primo maggio che hanno potuto alternare allenamenti in piscina e al mare e ambientarsi nel clima caldo di queste zone. Ritroviamo in gara dopo l’assenza della prima tappa di Doha in Qatar il campione olimpico olandese Ferry Weertman e il team francese protagonista di questp secondo evento delle World Series.

La gara femminile con 33 atlete al via – ore 8.00 locali – è stata caratterizzata da una partenza “tattica” condizionata dalla temperatura dell’acqua: la cinese Xin Xin si è messa in testa al gruppo dove è rimasta per tre giri, con la brasiliana Cunha sempre vicina e pronta a coprire qualsiasi tentativo di fuga, mentre Bridi era più arretrata nel gruppo.

Nel corso del quarto giro, progressione di ritmo dettato dalla francese Muller che ha preso la testa, con Bridi in rientro, condizione che ha messo pressione al gruppo che ha iniziato ad allungarsi. Durante il quinto giro Bridi, Muller, Cunha e Bruni si sono alternate aumentando ancora il ritmo, facendo un ulteriore selezione.

Durente l’ultimo giro sfida continua fra Cunha e Muller con le due azzurre e le francesi Muller e Grangeon a seguire fino agli ultimi 500 metri quando la brassiliana ha fatto la sua mossa lanciando la volata verso il traguardo seguita dalla Bridiche ha avuto la meglio al fotofinish.

Arianna Bridi è oro in 2h01’33.90 a un decimo la brasiliana Ana Marcela Cunha, volata per il terzo gradino del podio fra la francese Lera Grangeon (2h01’41″10) che ha la meglio sulla nostra Rachele Bruni vincendo lo sprint finale per 7 decimi.

Sydney2000 Special, la 4×100 stile e il Rock ‘n’ Roll Australiano

Meno di un mese prima dell’inizio delle Olimpiadi di Sydney, la nazionale australiana di nuoto si trova in collegiale a Melbourne. Ci sono tutti, da Michael Klim a Grant Hackett, da Ian Thorpe a Kieren Perkins. È una nazionale piena di stelle che si sta preparando per...

Training Lab, Errori biomeccanici nello stile libero come causa di infortunio nei nuotatori

In uno sport ciclico come il nuoto, l’elevata ripetitività di alcuni gesti tecnici pone inevitabilmente i nuotatori ad affrontare l’argomento infortuni. Proprio per evitare di fasciarsi la testa con assunzioni approssimative e non veritiere occorre analizzare meglio...

ISL2020 | Scopriamo i team della seconda edizione

Tramite una videoconferenza stampa in diretta da Parigi - leggi QUI l'articolo di presentazione - il Presidente Konstantin Grigorishin ed i suoi collaboratori hanno formalizzato il ritorno della International Swimming League, annunciando l’organizzazione della seconda...

Swim Stats | La storia dei 200 stile libero: Federica Pellegrini

Nel mondo del nuoto, sono pochissimi i binomi gara-atleta che si connettono automaticamente come i 200 stile libero e Federica Pellegrini. Negli ultimi 15 anni di competizioni, Fede ha vinto tutto quello che c’è da vincere, battuto record ed avversarie, rivoluzionato...

ISL2020 | l’International Swimming League ai blocchi di partenza

In un anno maledetto, che ci ha privato purtroppo ma giustamente, di tutto il meglio che c’era da aspettare acquaticamente parlando (Giochi, vi aspettiamo l’anno prossimo, niente scherzi) un lampo di speranza arriva dalla nuova lega del nuoto di Konstantin...

L’Appello dei ragazzi della piscina Marimisti di Brindisi: “vogliamo nuotare!”

Settembre è iniziato, tante sono le realtà sportive che volenti o nolenti si trovano a fare i conti con un panorama decisamente cambiato, principalmente a causa della pandemia, che ha rotto molti equilibri, in alcuni casi già putroppo precari. Oggi diamo spazio a una...

Gara maschile che analogamente alle donne ha visto uno dei protagonisti partire nelle retrovie: Ferry Weertman lascia condurre la prima parte della gara al russo Kirill con i due ungheresi Rasovszky e Papp pronti a controllare il passo.Nel secondo giro Rasovszky passa in testa e iniziaad alzare il ritmo dandosi il cambio con il compagno di team e costringendo Weertman a uscire dalle retrovie.

Rasovszky, l’australiano Sloman e il francese Olivier si mettono in testa al quinto passaggio con il gruppo in allungo e sempre più nuotatori che non riuscivano a mantenere il ritmo. All’ultimo giro, complice anche il vento in aumento, solo undici nuotatori erano rimasti in testa con ben quattro australiani e il francese Olivier che ha messo in atto la progressione finale.

Vittoria per il francese Marc-Antoine Olivier in 1h56’02″00 e volata per completare il podio con Nicholas Sloman in 1h56’04″10 che lascia a due decimi Kristof Rasovszky mentre Ferry Weertman è ai piedi dal podio a mezzo secondo dall’ungherese.

Presenti due italiani: Matteo Furlan chiude all’8° posto in 1:56:33.20 mentre Dario Verani è 30° in 1h58’04″50.

Le sedi delle nove tappe previste per le World Series 2019:

16.02 #1 Doha (QAT) – leggi il REPORT
12.05 #2 Seychelles (SEY)

08.06 #3 Setubal (POR)
15.06 #4 Balatonfured (HUN)
21.07 #5 Lac St. Jean (CAN)
03.08 #6 Lac Mégantic (CAN)
07.09 #7 Chinese Taipei (TPE)
28.08 #8 Ohrid (MKD)
29.09 #9 Chun’An (CHN)