”Mai limitare le proprie sfide ma sfidare costantemente i propri limiti per superarli con la massima determinazione”

Andrea Oriana ha sintetizzato con le parole che concentrano la sua caparbietà l’esito positivo del test finale di preparazione alla sua sfida, la traversata del Canale della Manica.

Ai quindici gradi delle acque del lago elvetico di Poschiavo, Andrea, dominatore in Italia della specialità delfino negli anni ’90, ha nuotato con grinta per dieci ore e mezza coprendo una distanza di quasi 38 km: misura in linea con i quaranta chilometri che separano Dover, suo prossimo punto di partenza dal Regno Unito per raggiungere il traguardo di Calais sulla costa transalpina.

”I riscontri sono eccellenti rispetto al 2018 quando a Poschiavo conclusi il test in sette ore. Non ho avvertito lo scorrere del tempo e ho superato le insidie della temperatura gelida a quasi mille metri d’altezza. ll lavoro motivazionale con il team di Elite Academy è eccellente e posso partire domenica 11 agosto per l’lnghilterra con l’equilibrio psico-fisico ideale.

Nell’avvicinamento di Andrea la crescita costante della condizione è il fattore incoraggiante: dall’esperienza sulla costa atlantica francese a Biarritz in giugno, i dati sono autorevoli verso un’impresa già tentata un anno fa, che ‘‘è retaggio di pochi, un numero di atleti decisamente inferiore a coloro cui è riuscito di scalare l’Everest”, come Oriana ama evidenziare.

57° SetteColli | Assoluti 2020, day 2: Pilato e Paltrineiri strepitosi. Miressi, Burdisso e Ceccon vicini al record

Dopo aver rotto il ghiaccio con una prima giornata già estremamente interessante, il Trofeo Sette Colli Frecciarossa 2020 è pronto per regalarci una seconda serata di nuoto, finalmente, nuotato e di alto livello. Gli Internazionali di Roma, validi anche come...

57° SetteColli | Assoluti 2020, day 1: Detti quasi record, bene Martinenghi, Caramignoli e Di Pietro

Semplice test di passaggio o gara più importante della stagione? Appuntamento per scaldarsi in vista di un anno complicato o occasione per mettersi in mostra? Il Trofeo Sette Colli 2020 può essere ognuna o nessuna di queste cose, ma di sicuro è la prima gara ufficiale...

Sydney2000 Special, “The Sydney Six” made in USA

“Ricordo benissimo che a Sydney c’era nell’aria la sensazione che qualcosa di eccezionale stesse per accadere, che una nuova generazione di atleti maschi stesse per emergere. Ognuno di loro era eccitato, talentuoso e focalizzato sull’opportunità di gareggiare per la...

Swim Stats, anno 2020: un Settecolli Assoluto

Dunque, dove eravamo rimasti? Nei piani originari, il SetteColli 2020 doveva tenersi dal 26 al 28 giugno ed era stato individuato come ultima occasione per ottenere la qualificazione ai Giochi Olimpici di Tokyo. Come da prassi ormai consolidata, il DT Butini avrebbe...

Il MaxSwimFitBootCamp: esperienza sull’allenamento del nuoto moderno

Dopo tante puntate della nostra rubrica Training Lab volte a illustrare le evidenze scientifiche al supporto dell’allenamento del nuoto, sia in acqua che a secco, è giunto il momento di condividere un’esperienza pratica riguardo gli aspetti illustrati e discussi in...

57° Sette Colli, i convocati azzurri e gli aggiornamenti

A una settimana dal via del 57° Trofeo “Sette Colli” che si terrà dall'11 al 13 agosto nella splendida cornice dello Stadio del Nuoto di Roma, la Federazione rende noti i nomi dei convocati dal DT Cesare Butini. La manifestazione oltre a mantenere il suo carattere...

Nella rifinitura verso il tentativo di traversata, programmato a partire da giovedì 15, giorno di Ferragosto, il supporto di equipe di Elite Academy, giovane realtà per la formazione dei manager delle piccole e medie imprese con sede a Torgiano, in Umbria, sarà ancora più mirato e scrupoloso per l’ottimizzazione del potenziale di Andrea, a conferma del valore corale di un’impegno che va oltre il mero significato sportivo.

Andrea aveva già tentato la Traversata nel 2018, si era fermato dopo 31 chilometri a nuoto, nel Canale della Manica, mentre stava raggiungendo la costa francese – partito da Dover direzione Calais – ritirandosi dopo 8 ore e 45 minuti.

Questo il suo commento dopo il ritiro:

Si dice che la Manica sia la traversata natatoria più difficile al mondo e me ne sono proprio reso conto.

Nelle prime quattro ore mi sono trovato a combattere con onde alte e con una corrente contraria che spingeva lateralmente. Per oltrepassare questo muro d’acqua, a partire dalla quinta ora ho cominciato ad avere crampi alle gambe e ai polpacci e per questo nuotavo solo di braccia. Ho avuto una contrattura alla scapola sinistra, gola e lingua infiammate per le tante bevute di acqua marina, freddo con correnti a 15 gradi e per di più la marea spostava la barca fuori rotra aumentando il tragitto, non di uno ma di 10 chiometri.

Con la Manica non si scherza, si calcola che ogni anno solo il 25% di chi prova la traversata riesca a toccare gli scogli di Calais. Ancora un anno e quel tocco sarà mio. […] 

Questa è una piccola delusione, ma ciò che insegno sempre è che bisogna sempre ripartire dalle delusioni per renderle occasioni. Per questo voglio prendermi la rivincita, quindi tornare a Dover e conquistare la Manica.

La Traversata della Manica, un po’ di Storia

Il primo uomo ad aver attraversato il Canale della Manica è stato Matthew Webb, un comandante di navi mercantili che il 25 agosto 1875 nuotò da Dover in Inghilterra alle rive di Calais in Francia in meno di 22 ore.

Uno dopo l’altro, i record di traversata sono andati riducendosi in numeri di tempistiche, fino a raggiungere le 11 ore e 38 minuti: primato detenuto da Howard James del 2016.

La partenza e l’arrivo sono le stesse di 143 anni fa e la distanza è di 34 km i quali, tuttavia, aumentano fino a raggiungerne più di 40, in quanto le forti correnti impediscono di compiere una linea retta da Dover a Calais.

Il nuotatore viene sempre seguito da una barca con a bordo un team che supporta l’atleta, provvede alla sua alimentazione e sorveglia la sua traversata nelle fredde acque della Manica. Le temperature dell’acqua non superano mai i 18° e ogni nuotatore può indossare solamente cuffia, occhialini, costume e il tipo di grasso che preferisce (oca, balena o altri) per permettere al proprio corpo di abituarsi al freddo nelle prime ore della lunga traversata.

dal sito andreaoriana.it