Si è conclusa la seconda edizione della FINA UltraMarathon Swim Series con la classica italiana Maratona del Golfo Capri-Napoli – Trofeo Farmacosmo giunta alla 54ª edizione.

Sabato 7 settembre, 23 atleti – 10 donne e 13 uomini provenienti da 7 nazioni – hanno preso il via alla maratona di 36 km con partenza da Le Ondine Beach Club di Marina Grande a Capri e arrivo nelle acque antistanti il Circolo Canottieri Napoli.

Otto gli italiani in gara: Alice Franco, Barbara Pozzobon, Andrea Bianchi, Francesco Ghettini, Marco Magliocca, Alessio Matarazzo, Stefano Perta, Edoardo Stochino.

Gruppo compatto nelle prime due ore di gara, poi si definiscono due gruppi distinti dalla differente rotta e formati dall’argentino Damian Blaum, dal brasiliano Matheus Evangelista, dal macedone Evgenji Pop Acev e Marco Magliocca il primo e da Andrea Bianchi, Francesco Ghettini, Edaordo Stochino e l’argentino Matias Diaz.

Segue poi lo strappo dei due azzurri Ghettini e Bianchi che dopo 4 ore di gara si trovano in testa con poco distanti Pop Acev, Stochino, Blaum ed Evangelista che nella successiva ora si distacca dal gruppetto.

La prova si chiude con lo sprint fra i due azzurri e la vittoria decretata al fotofinish per Andrea Bianchi in 6h48’32″11 – a cui va anche il Trofeo CONI CAMPANIA “Giulio Travaglio” – su Francesco Ghettini a un centesimo, che si aggiudica il Trofeo “Filippo Calvino” come best under 25.

Sul podio Evgenji Pop Acev che chiude con circa 5 minuti di distacco (6h53’49”) e si aggiudica la classifica di Coppa del Mondo con 356 punti nonostante nessuna vittoria di tappa ma con altri due argenti in casa a Ohrid e a Novi. Edoardo Stochino che chiude 5° in 6h59’11” conquista la piazza d’onore iridata con 348 punti (per lui vittoria in Croazia e bronzo nella prima tappa di Santa Fe) e Francesco Ghettini è terzo (312 pti, oro a Santa Fe e altri due bronzi in Macedonia e Croazia).

Gli altri azzurri in gara: 6° Marco Magliocca (7h09’47”) vincitore del Trofeo “Partenope” come miglior napoletano, 11° Stefano Perta in 8h06’23”, ritirato Alessio Matarazzo.

La stagione agonistica dei Master al tempo del coronavirus

  Ci eravamo lasciati a inizio estate, con il superamento del lockdown e le piscine che coraggiosamente riaprivano i battenti, consentendo alla nostra più o meno attempata comunità di irriducibili delle corsie di riprendere confidenza con l’elemento liquido e con...

Sydney2000 Special, la 4×100 stile e il Rock ‘n’ Roll Australiano

Meno di un mese prima dell’inizio delle Olimpiadi di Sydney, la nazionale australiana di nuoto si trova in collegiale a Melbourne. Ci sono tutti, da Michael Klim a Grant Hackett, da Ian Thorpe a Kieren Perkins. È una nazionale piena di stelle che si sta preparando per...

Training Lab, Errori biomeccanici nello stile libero come causa di infortunio nei nuotatori

In uno sport ciclico come il nuoto, l’elevata ripetitività di alcuni gesti tecnici pone inevitabilmente i nuotatori ad affrontare l’argomento infortuni. Proprio per evitare di fasciarsi la testa con assunzioni approssimative e non veritiere occorre analizzare meglio...

ISL2020 | Scopriamo i team della seconda edizione

Tramite una videoconferenza stampa in diretta da Parigi - leggi QUI l'articolo di presentazione - il Presidente Konstantin Grigorishin ed i suoi collaboratori hanno formalizzato il ritorno della International Swimming League, annunciando l’organizzazione della seconda...

Swim Stats | La storia dei 200 stile libero: Federica Pellegrini

Nel mondo del nuoto, sono pochissimi i binomi gara-atleta che si connettono automaticamente come i 200 stile libero e Federica Pellegrini. Negli ultimi 15 anni di competizioni, Fede ha vinto tutto quello che c’è da vincere, battuto record ed avversarie, rivoluzionato...

ISL2020 | l’International Swimming League ai blocchi di partenza

In un anno maledetto, che ci ha privato purtroppo ma giustamente, di tutto il meglio che c’era da aspettare acquaticamente parlando (Giochi, vi aspettiamo l’anno prossimo, niente scherzi) un lampo di speranza arriva dalla nuova lega del nuoto di Konstantin...

Nella settore femminile dopo una prima parte con il gruppo compatto si distacco un trio che si gioca il podio composto da due azzurre e dalla argentina Imwinkelried. Netta vittoria finale per Barbara Pozzobon in 7h25’31” che lascia a 11 secondi Alice Franco che dopo aver aver guidato il gruppo per buona parte di gara accusa probabilmente la fatica accumulata in queste ultime tre settimane intense di gare. Romina Imwinkelried chiude terza con un distacco di 23 secondi.

Quarta posizone per l’argentina Pilar Geijo, anche lei nonostante nessuna vittoria di tappa (due argenti a Santa Fe e sul lago St. Jean) si aggiudica la classifica finale con 365 punti davanti alla connazionale Romina Imwinkelried con 296 punti anche lei a podio con tre bronzi qui a Santa Fe e a Novi, terza Alice Franco con 261 punti nonostante non abbia partecipato alle prime due tappe in Argentina ma sempre a medaglia con la vittoria in Macedonia, il bronzo in Canada e la’rgento delle ultime due tappe.

Calendario FINA UltraMarathon Swim Series 2019

03.02 #1 Santa Fe (ARG)
09.02 #2 Rosario (ARG)
27.07 #3 Lac St. Jean (CAN)
24.08 #4 Ohrid (MKD)
31.08 #5 Novi (CRO)
07.09 #6 Capri / Napoli (ITA)

Foto: Teambomber | F. Sodano