Nel fine settimana appena concluso – 3 al 5 maggio – si sono disputati US Open 2019 in acque libere, la riserva naturale di Key Biscayne a Miami a fatto da teatro alle selezioni americane per i prossimi Mondiali di Gwangju, ma ha visto protagonisti i nostri azzurri: Gregorio Paltrinieri, Domenico Acerenza e Mario Sanzullo.

Greg è autore di una doppietta d’oro, vincendo in solitaria la 10 km e allo sprint la 5 km su Acerenza. Doppio bronzo per Sanzullo. Vediamo inoltre il team USA per i Mondiali.

Venerdì 3 maggio – 10 km

Gara maschile che vede un arrivo in solitaria per Gregorio Paltrinieri che domina la prima prova staccando il gruppo intorno ai 6 chilometri e chiude in 1h49’25″37. A oltre un minuto lo statunitense argento a Budapest 2017 Jordan Willimosky che conquista così il primo dei due posti disponibili per la rassegna iridata di Gwangju in 1h50’57″35 e terzo Mario Sanzullo in 1h51’41″21.

Il commento a Federnuoto di Greg:

È stato un ottimo test con atleti di livello eccellente. Mi sono messo davanti dal terzo giro e piano piano lo spazio tra me Willimosky e Sanzullo aumentava, non è stato facile ma ne avevo per andare da solo; la frequenza della bracciata è stata sui quarantuno cicli fino all’arrivo, quindi decisamente buona.

Questa è la strada giusta per arrivare al top della condizione ai Mondiali. Dopo Miami andremo in altura a Flagstaff, dove mi raggiungerà anche Detti, per proseguire nella preparazione in vista degli appuntamenti più importanti della stagione.

Nel gruppo di inseguitori è David Heron a conquistare il pass Mondiale chiudendo al quarto posto assoluto in 1h52’22″03 precedendo di due secondi  il compagno di Nazionale Brennan Gravely.

Prova femminile più combattutta che vede prima al tocco nello sprint finale la brasiliana Ana Marcela Cunha in 2h00’00″17 lasciando a mezzo secondo esatto l’americana Ashley Twichell, terzo posto e pass mondiale per Haley Anderson che chiude in 2h00’01″10.

Le due americane non sono nuove alle partecipazioni mondiali, per la Anderson sarà la quinta presenza all’evento e il quarto pass per la Twichell.

Sydney2000 Special, la 4×100 stile e il Rock ‘n’ Roll Australiano

Meno di un mese prima dell’inizio delle Olimpiadi di Sydney, la nazionale australiana di nuoto si trova in collegiale a Melbourne. Ci sono tutti, da Michael Klim a Grant Hackett, da Ian Thorpe a Kieren Perkins. È una nazionale piena di stelle che si sta preparando per...

Training Lab, Errori biomeccanici nello stile libero come causa di infortunio nei nuotatori

In uno sport ciclico come il nuoto, l’elevata ripetitività di alcuni gesti tecnici pone inevitabilmente i nuotatori ad affrontare l’argomento infortuni. Proprio per evitare di fasciarsi la testa con assunzioni approssimative e non veritiere occorre analizzare meglio...

ISL2020 | Scopriamo i team della seconda edizione

Tramite una videoconferenza stampa in diretta da Parigi - leggi QUI l'articolo di presentazione - il Presidente Konstantin Grigorishin ed i suoi collaboratori hanno formalizzato il ritorno della International Swimming League, annunciando l’organizzazione della seconda...

Swim Stats | La storia dei 200 stile libero: Federica Pellegrini

Nel mondo del nuoto, sono pochissimi i binomi gara-atleta che si connettono automaticamente come i 200 stile libero e Federica Pellegrini. Negli ultimi 15 anni di competizioni, Fede ha vinto tutto quello che c’è da vincere, battuto record ed avversarie, rivoluzionato...

ISL2020 | l’International Swimming League ai blocchi di partenza

In un anno maledetto, che ci ha privato purtroppo ma giustamente, di tutto il meglio che c’era da aspettare acquaticamente parlando (Giochi, vi aspettiamo l’anno prossimo, niente scherzi) un lampo di speranza arriva dalla nuova lega del nuoto di Konstantin...

L’Appello dei ragazzi della piscina Marimisti di Brindisi: “vogliamo nuotare!”

Settembre è iniziato, tante sono le realtà sportive che volenti o nolenti si trovano a fare i conti con un panorama decisamente cambiato, principalmente a causa della pandemia, che ha rotto molti equilibri, in alcuni casi già putroppo precari. Oggi diamo spazio a una...

Domenica 5 maggio – 5 km

Tripletta azzurra nella prova di chiusura dei Campionati che registra la seconda vittoria di Gregorio Paltrinieri, questa volta allo sprint sul compagno di allenamenti Domenico Acerenza: 53’42″32 e in 53’42″78 i corno finali. Terzo gradino conquistato con da Mario Sanzullo che regola il gruppeto degli inseguitori in 53’53″19.

Zane Grothe (54’34″71) e Brennan Gravley (54’36″22) rispettivamente quarto e quinto sono i primi finalisti americani, ma saranno Gravley e Michael Brinegar (6° in 54’55″62) a scendere in acqua nel prossimo Mondiale [fonte USA Swimming].

Il roster ufficiale del team Open Water World Championships sarà annunciato in un secondo momento.

Le dichiarazioni degli azzurri su Federnuoto:

Rispetto alla dieci chilometri è stata una prova diversa – spiega Gregorio Ero molto stanco perchè non sono abituato a fare gare di fondo così ravvicinate. Sono rimasto sempre davanti ma non ho avuto le energie per fare il vuoto e alla fine ho comuque vinto allo sprint“.

È stata una bella battaglia con Greg, soprattutto nel finale – sottolinea Domenico Adesso vediamo cosa succederà in futuro, perchè questa è stata la mia prima gara in acque libere.

Infine Mario: Sono contento nonostante la fatica, ma è normale in questo periodo. Sto lavorando per essere al top ai Mondiali di Gwangju e quindi adesso manca un po’ di brillantezza.

Un’altra prova dal finale thrilling con quatrro atlete chiuse in due secondi, questa volta è l’americana Ashley Twichell ad avere la meglio su Ana Cunha per soli 3 centesimi: 58’25″97 contro 58’26″00. Sul podio Hannah Moore (58’27″15) che regola il bronzo della 10 km Haley Anderson (58’27″47) conquistando il suo primo pass mondiale della carriera.

Foto copertina: Fabio Cetti | Corsia4