Nel fine settimana appena concluso – 3 al 5 maggio – si sono disputati US Open 2019 in acque libere, la riserva naturale di Key Biscayne a Miami a fatto da teatro alle selezioni americane per i prossimi Mondiali di Gwangju, ma ha visto protagonisti i nostri azzurri: Gregorio Paltrinieri, Domenico Acerenza e Mario Sanzullo.

Greg è autore di una doppietta d’oro, vincendo in solitaria la 10 km e allo sprint la 5 km su Acerenza. Doppio bronzo per Sanzullo. Vediamo inoltre il team USA per i Mondiali.

Venerdì 3 maggio – 10 km

Gara maschile che vede un arrivo in solitaria per Gregorio Paltrinieri che domina la prima prova staccando il gruppo intorno ai 6 chilometri e chiude in 1h49’25″37. A oltre un minuto lo statunitense argento a Budapest 2017 Jordan Willimosky che conquista così il primo dei due posti disponibili per la rassegna iridata di Gwangju in 1h50’57″35 e terzo Mario Sanzullo in 1h51’41″21.

Il commento a Federnuoto di Greg:

È stato un ottimo test con atleti di livello eccellente. Mi sono messo davanti dal terzo giro e piano piano lo spazio tra me Willimosky e Sanzullo aumentava, non è stato facile ma ne avevo per andare da solo; la frequenza della bracciata è stata sui quarantuno cicli fino all’arrivo, quindi decisamente buona.

Questa è la strada giusta per arrivare al top della condizione ai Mondiali. Dopo Miami andremo in altura a Flagstaff, dove mi raggiungerà anche Detti, per proseguire nella preparazione in vista degli appuntamenti più importanti della stagione.

Nel gruppo di inseguitori è David Heron a conquistare il pass Mondiale chiudendo al quarto posto assoluto in 1h52’22″03 precedendo di due secondi  il compagno di Nazionale Brennan Gravely.

Prova femminile più combattutta che vede prima al tocco nello sprint finale la brasiliana Ana Marcela Cunha in 2h00’00″17 lasciando a mezzo secondo esatto l’americana Ashley Twichell, terzo posto e pass mondiale per Haley Anderson che chiude in 2h00’01″10.

Le due americane non sono nuove alle partecipazioni mondiali, per la Anderson sarà la quinta presenza all’evento e il quarto pass per la Twichell.

Training Lab, Ottimizzazione della Tecnica Quinto Stile

Le quattro nuotate riconosciute da tutte le federazioni mondiali hanno un po’ come punto in comune l’idea di dominare l’acqua, nel senso che l’obiettivo di ogni nuotatore è riposto nel ricercare una posizione che gli permetta un avanzamento ottimale. Tale situazione...

Allenamento indoor e alimentazione ai tempi del coronavirus

Per gli atleti è un momento strano. L’allenamento all’aperto è “congelato”. Piscine e palestre chiuse. In questo periodo anomalo ci vengono in soccorso Ivan Risti e Elena Casiraghi. Marito e moglie, Ivan è triatleta Aqua Sphere e coach, mentre Elena è specialista in...

La nuotatrice di acque libere Alice Franco chiude la carriera agonistica

In queste settimane dove RESISTERE, LOTTARE, SOFFRIRE e NON MOLLARE sono all’ordine del giorno, chi meglio di una nuotatrice di acque libere sa cogliere il concetto alla perfezione? Su questa filosofia di vita ha basato un’intera carriera Alice Franco, ed adesso, dopo...

Il Nuotatore Master ai tempi della quarantena

Non esiste pesce fuor d’acqua più fuor d’acqua del nuotatore master al tempo della quarantena. La chiusura delle piscine penalizza significativamente un pubblico vasto e variegato: i teneri infanti dei corsi di avviamento all’acquaticità, gli scalpitanti ragazzini...

Tokyo 2020ne, parlano i CT di nuoto e atletica Butini e La Torre

Il coronavirus ha cambiato la vita di ognuno di noi. Da più di un mese ci troviamo alle prese con piccoli e grandi problemi di riorganizzazione, di riadattamento, di ricalcolo delle nostre esistenze. Il lavoro, la scuola, lo sport, le relazioni, non sono - e...

L’International Swimming League avvia un programma di Solidarietà

L'International Swimming League ha scritto a tutte le società e atleti ISL in merito all'avvio del suo programma di solidarietà. Saranno previsti per tutti gli atleti ISL - o che firmeranno un contratto con essa - degli aiuti economici al fine di aiutare i nuotatori a...

Domenica 5 maggio – 5 km

Tripletta azzurra nella prova di chiusura dei Campionati che registra la seconda vittoria di Gregorio Paltrinieri, questa volta allo sprint sul compagno di allenamenti Domenico Acerenza: 53’42″32 e in 53’42″78 i corno finali. Terzo gradino conquistato con da Mario Sanzullo che regola il gruppeto degli inseguitori in 53’53″19.

Zane Grothe (54’34″71) e Brennan Gravley (54’36″22) rispettivamente quarto e quinto sono i primi finalisti americani, ma saranno Gravley e Michael Brinegar (6° in 54’55″62) a scendere in acqua nel prossimo Mondiale [fonte USA Swimming].

Il roster ufficiale del team Open Water World Championships sarà annunciato in un secondo momento.

Le dichiarazioni degli azzurri su Federnuoto:

Rispetto alla dieci chilometri è stata una prova diversa – spiega Gregorio Ero molto stanco perchè non sono abituato a fare gare di fondo così ravvicinate. Sono rimasto sempre davanti ma non ho avuto le energie per fare il vuoto e alla fine ho comuque vinto allo sprint“.

È stata una bella battaglia con Greg, soprattutto nel finale – sottolinea Domenico Adesso vediamo cosa succederà in futuro, perchè questa è stata la mia prima gara in acque libere.

Infine Mario: Sono contento nonostante la fatica, ma è normale in questo periodo. Sto lavorando per essere al top ai Mondiali di Gwangju e quindi adesso manca un po’ di brillantezza.

Un’altra prova dal finale thrilling con quatrro atlete chiuse in due secondi, questa volta è l’americana Ashley Twichell ad avere la meglio su Ana Cunha per soli 3 centesimi: 58’25″97 contro 58’26″00. Sul podio Hannah Moore (58’27″15) che regola il bronzo della 10 km Haley Anderson (58’27″47) conquistando il suo primo pass mondiale della carriera.

Foto copertina: Fabio Cetti | Corsia4