Pelle secca, irritata, arrossata o tendente a riempirsi di impurità, quasi una routine per noi nuotatori… e nuotatrici.

Personalmente nel mio zaino da nuoto sono solita introdurre decine di flaconi di oli e creme da usare prima o dopo l’allenamento, ma ne ho davvero bisogno?

Il cloro, si sa, è una sostanza nociva e tossica. Quelli che non si conoscono, sono i reali effetti di questa componente chimica: alterazione dei livelli ormonali nei ragazzi, allergie, distruzione dei batteri dell’apparato digerente sono soltanto alcuni dei potenziali rischi a cui siamo sottoposti durante i nostri allenamenti. Non bisogna dimenticare, inoltre, che dopo la piscina siamo soliti lavarci nell’acqua della doccia che contiene a sua volta cloro essendo distribuita da una rete idrica che necessita di essere costantemente disinfettata.

Niente paura però, seguendo questi rapidissimi e semplici consigli, potremo facilmente proteggerci e soprattutto difendere la nostra pelle!

Super Olimpiadi 2020, dominio Peaty. Sjöström porta la Svezia in vetta nel day3

Alla vigilia della terza giornata, ci sono ancora molti chiaroscuri che aleggiano sulle Superolimpiadi. Se oramai abbiamo capito che si tratta di una sfida tra i migliori interpreti all-time di ogni specialità, meno semplice è afferrarne la natura reale e lo scopo. La...

Intervista a Luca Baldini Direttore delle piscine Albaro di Genova

Luca Baldini da sempre è stato abituato a grandi sfide. La sua carriera parla per lui ed oggi, insieme a tutto l’Italia che vuole tornare in vasca, è pronto ad affrontarne un’altra. Genova, piscine di Albaro. Qui il nuoto è ripreso e si è fatto un piccolo passo verso...

Le 10 gare più “alla Phelps” di Michael Phelps

In una recente intervista, Swimming World ha chiesto a Bob Bowman di classificare le 20 migliori gare del suo allievo prediletto, Michael Phelps. Va da sé che l’opinione della persona che sportivamente - ma anche umanamente - conosce Phelps meglio di chiunque altro è...

“Sono orgogliosa di chi sono” il messaggio di Rikako Ikee

Questa sono io Mostrando i suoi capelli corti per la prima volta al pubblico da quando le è stata diagnosticata la leucemia nel febbraio 2019, la 19enne nuotatrice giapponese Rikako Ikee ha parlato dal profondo del suo cuore durante un videomessaggio in collaborazione...

Super Olimpiadi 2020, strabiliante Milák nel day2. Primo oro USA

Negli ultimi 7 giorni, il mio telefono è diventato rovente. Forse non era chiaro dalla conferenza stampa inaugurale, che effettivamente era sembrata piuttosto vaga e fantasiosa, ma la prima giornata delle SuperOlimpiadi ha fugato ogni tipo di dubbio. Siamo entrati...

Il ritorno in vasca del Team MP Michael Phelps: Carini, Pizzini e Scalia

Il Team MP, composto da Luca Pizzini, Giacomo Carini e Silvia Scalia, torna ad allenarsi in piscina sempre supportato dal brand MP Michael Phelps Un ritorno graduale alle attività, grazie alle concessioni della fase 2, dove alcune piscine hanno potuto riaprire le...

1 – Fate una doccia prima di entrare in vasca

Non sottovalutate l’importanza di un rapido “risciacquo” prima del training; prima di entrare in vasca la nostra pelle sarà certamente sporca per lo smog o le sostanze cosmetiche applicate durante la giornata, ma non è per tale ragione che vi sto dando questo primo consiglio. Occorre tenere invece in considerazione il fatto che la nostra pelle si può facilmente paragonare ad una spugna e pertanto, se satura di acqua pulita, assorbirà una quantità inferiore di cloro e sostanze nocive presenti in piscina.

Il sudore, inoltre, contiene ammoniaca, una componente altamente tossica se mischiata al cloro; fare una doccia prima di nuotare ridurrà questa sostanza proteggendo indirettamente la nostra cute.

2 – Utilizzate olio di cocco

Dimenticate creme o altre lozioni!

La nostra pelle per poter ottenere la massima protezione dagli agenti esterni deve essere sempre tenuta in condizione di “acidità” mentre le creme tendono a renderla alcalina esponendola alle sostanze nocive in natura. L’olio di cocco, invece, agisce creando uno strato protettivo extra senza alterare lo stato chimico della pelle: più naturale di così…

3 – Risciacquatevi con acqua calda dopo l’allenamento

Eliminare i residui di cloro è davvero importante; per questa ragione una bella doccia calda a fine allenamento, oltre a farci stare bene e ad essere un vero e proprio premio per lo sforzo appena concluso, ci aiuterà a fare aprire i pori rendendo più semplice l’assorbimento delle creme idratanti che eventualmente applicheremo.

Si può certamente evitare l’acqua della piscina preferendo invece allenamenti in acque libere, ma senza ricorrere a questi rimedi estremi e seguendo questi piccoli step, si otterrà da subito un miglioramento sensibile della qualità della vostra cute.

In fondo, l’odore del cloro ci piace tanto e non possiamo proprio farne a meno (anche a costo di rinunciare ad una pelle perfetta)!

Foto copertina: