Pelle secca, irritata, arrossata o tendente a riempirsi di impurità, quasi una routine per noi nuotatori… e nuotatrici.

Personalmente nel mio zaino da nuoto sono solita introdurre decine di flaconi di oli e creme da usare prima o dopo l’allenamento, ma ne ho davvero bisogno?

Il cloro, si sa, è una sostanza nociva e tossica. Quelli che non si conoscono, sono i reali effetti di questa componente chimica: alterazione dei livelli ormonali nei ragazzi, allergie, distruzione dei batteri dell’apparato digerente sono soltanto alcuni dei potenziali rischi a cui siamo sottoposti durante i nostri allenamenti. Non bisogna dimenticare, inoltre, che dopo la piscina siamo soliti lavarci nell’acqua della doccia che contiene a sua volta cloro essendo distribuita da una rete idrica che necessita di essere costantemente disinfettata.

Niente paura però, seguendo questi rapidissimi e semplici consigli, potremo facilmente proteggerci e soprattutto difendere la nostra pelle!

Andrea Oriana e Sabrina Peron gli assi azzurri della Manica

Da oltre 100 anni è considerata l’Everest dei nuotatori: stiamo parlando dello Stretto della Manica, una delle imprese più ardue del mondo delle acque libere. E se i 35 chilometri da affrontare possono sembrare semplici rispetto ad altre imprese in giro per il mondo,...

Sydney2000 Special, la 4×100 stile e il Rock ‘n’ Roll Australiano

Meno di un mese prima dell’inizio delle Olimpiadi di Sydney, la nazionale australiana di nuoto si trova in collegiale a Melbourne. Ci sono tutti, da Michael Klim a Grant Hackett, da Ian Thorpe a Kieren Perkins. È una nazionale piena di stelle che si sta preparando per...

Training Lab, Errori biomeccanici nello stile libero come causa di infortunio nei nuotatori

In uno sport ciclico come il nuoto, l’elevata ripetitività di alcuni gesti tecnici pone inevitabilmente i nuotatori ad affrontare l’argomento infortuni. Proprio per evitare di fasciarsi la testa con assunzioni approssimative e non veritiere occorre analizzare meglio...

ISL2020 | Scopriamo i team della seconda edizione

Tramite una videoconferenza stampa in diretta da Parigi - leggi QUI l'articolo di presentazione - il Presidente Konstantin Grigorishin ed i suoi collaboratori hanno formalizzato il ritorno della International Swimming League, annunciando l’organizzazione della seconda...

Swim Stats | La storia dei 200 stile libero: Federica Pellegrini

Nel mondo del nuoto, sono pochissimi i binomi gara-atleta che si connettono automaticamente come i 200 stile libero e Federica Pellegrini. Negli ultimi 15 anni di competizioni, Fede ha vinto tutto quello che c’è da vincere, battuto record ed avversarie, rivoluzionato...

ISL2020 | l’International Swimming League ai blocchi di partenza

In un anno maledetto, che ci ha privato purtroppo ma giustamente, di tutto il meglio che c’era da aspettare acquaticamente parlando (Giochi, vi aspettiamo l’anno prossimo, niente scherzi) un lampo di speranza arriva dalla nuova lega del nuoto di Konstantin...

1 – Fate una doccia prima di entrare in vasca

Non sottovalutate l’importanza di un rapido “risciacquo” prima del training; prima di entrare in vasca la nostra pelle sarà certamente sporca per lo smog o le sostanze cosmetiche applicate durante la giornata, ma non è per tale ragione che vi sto dando questo primo consiglio. Occorre tenere invece in considerazione il fatto che la nostra pelle si può facilmente paragonare ad una spugna e pertanto, se satura di acqua pulita, assorbirà una quantità inferiore di cloro e sostanze nocive presenti in piscina.

Il sudore, inoltre, contiene ammoniaca, una componente altamente tossica se mischiata al cloro; fare una doccia prima di nuotare ridurrà questa sostanza proteggendo indirettamente la nostra cute.

2 – Utilizzate olio di cocco

Dimenticate creme o altre lozioni!

La nostra pelle per poter ottenere la massima protezione dagli agenti esterni deve essere sempre tenuta in condizione di “acidità” mentre le creme tendono a renderla alcalina esponendola alle sostanze nocive in natura. L’olio di cocco, invece, agisce creando uno strato protettivo extra senza alterare lo stato chimico della pelle: più naturale di così…

3 – Risciacquatevi con acqua calda dopo l’allenamento

Eliminare i residui di cloro è davvero importante; per questa ragione una bella doccia calda a fine allenamento, oltre a farci stare bene e ad essere un vero e proprio premio per lo sforzo appena concluso, ci aiuterà a fare aprire i pori rendendo più semplice l’assorbimento delle creme idratanti che eventualmente applicheremo.

Si può certamente evitare l’acqua della piscina preferendo invece allenamenti in acque libere, ma senza ricorrere a questi rimedi estremi e seguendo questi piccoli step, si otterrà da subito un miglioramento sensibile della qualità della vostra cute.

In fondo, l’odore del cloro ci piace tanto e non possiamo proprio farne a meno (anche a costo di rinunciare ad una pelle perfetta)!

Foto copertina: