Il coach

Ognuno di noi potrebbe parlarne per ore ed ore. Ne conosciamo i rituali, le reazioni ai nostri errori e ancora gli incitamenti quando stiamo nuotando bene: che lo si ami o si odi dopo mesi o anni di duro allenamento l’allenatore è quasi parte della nostra famiglia.

I suoi ammonimenti, in particolare, ci risuonano spesso in testa come un mantra; ma siamo davvero sicuri che per lui ripetere sempre le stesse cose, sia utile quanto a noi?

Vi proponiamoe 5 frasi che il coach è stufo di pronunciare ma che, in fondo, continuerà ad urlare.

E voi? Ne avete di personali?

Ancora fuori dall’acqua?

Non siamo tutti solerti a tuffarci, soprattutto se fuori fa freddo, magari piove e la piscina seppure al coperto sembra altrettanto gelida.

La coda che si forma davanti al blocchetto prima dell’allenamento risulta, così, solitamente notevole e provocherà l’ira funesta del coach.

Ma lui è lì: pronto ad urlarvi che è tardi, che dovreste già riscaldarvi e che perderete la fase di riscaldamento dell’allenamento!

Stai respirando troppo!

Probabilmente stanchi dopo il lavoro abbiamo trovato la forza di andare ad allenarci e ci siamo anche tuffati, sfidando l’incognita della temperatura dell’acqua che abbiamo visto al punto precedente.

Probabilmente stiamo arrancando in acqua perché mantenere un buon ritmo con la stanchezza della giornata sulle spalle non è facile.

Probabilmente, prendendo fiato ad ogni bracciata, stiamo però suscitando l’ira dell’allenatore perché per lui 3 respirazioni in 25 metri dovrebbero essere routine ma per noi, si tratta di vera utopia.

Sydney2000 Special, la 4×100 stile e il Rock ‘n’ Roll Australiano

Meno di un mese prima dell’inizio delle Olimpiadi di Sydney, la nazionale australiana di nuoto si trova in collegiale a Melbourne. Ci sono tutti, da Michael Klim a Grant Hackett, da Ian Thorpe a Kieren Perkins. È una nazionale piena di stelle che si sta preparando per...

Training Lab, Errori biomeccanici nello stile libero come causa di infortunio nei nuotatori

In uno sport ciclico come il nuoto, l’elevata ripetitività di alcuni gesti tecnici pone inevitabilmente i nuotatori ad affrontare l’argomento infortuni. Proprio per evitare di fasciarsi la testa con assunzioni approssimative e non veritiere occorre analizzare meglio...

ISL2020 | Scopriamo i team della seconda edizione

Tramite una videoconferenza stampa in diretta da Parigi - leggi QUI l'articolo di presentazione - il Presidente Konstantin Grigorishin ed i suoi collaboratori hanno formalizzato il ritorno della International Swimming League, annunciando l’organizzazione della seconda...

Swim Stats | La storia dei 200 stile libero: Federica Pellegrini

Nel mondo del nuoto, sono pochissimi i binomi gara-atleta che si connettono automaticamente come i 200 stile libero e Federica Pellegrini. Negli ultimi 15 anni di competizioni, Fede ha vinto tutto quello che c’è da vincere, battuto record ed avversarie, rivoluzionato...

ISL2020 | l’International Swimming League ai blocchi di partenza

In un anno maledetto, che ci ha privato purtroppo ma giustamente, di tutto il meglio che c’era da aspettare acquaticamente parlando (Giochi, vi aspettiamo l’anno prossimo, niente scherzi) un lampo di speranza arriva dalla nuova lega del nuoto di Konstantin...

L’Appello dei ragazzi della piscina Marimisti di Brindisi: “vogliamo nuotare!”

Settembre è iniziato, tante sono le realtà sportive che volenti o nolenti si trovano a fare i conti con un panorama decisamente cambiato, principalmente a causa della pandemia, che ha rotto molti equilibri, in alcuni casi già putroppo precari. Oggi diamo spazio a una...

Non si respira a fine vasca!

Si vince a testa bassa, nel vero senso della parola, tenendo il fiato finché la nostra mano non tocca il bordo vasca decretando l’arrivo.

Ma in allenamento è così difficile fare lo stesso.

Senza pietà il nostro coach ci ricorda, 50 dopo 50 che anche nel training in C3 a fine vasca non si respira!

Il nostro destino è inesorabile e non ci resta che seguire i suoi precetti.

Ancora una serie!

Qualche tempo fa, durante uno dei miei allenamenti, una compagna di squadra fu presa da un attacco allergico. Uscì immediatamente dalla vasca ma l’urlo del coach arrivò anche in quel caso: “ancora una serie!”.

Non si era accorto di nulla e la povera malcapitata dovette spiegargli che di continuare non si poteva proprio parlare.

Ma lui, il coach, doveva fare rispettare delle regole e quindi il suo compito lo stava svolgendo davvero bene.

Finisci l’allenamento!

Proviamo sempre ad evitare le ultime serie, i 100 sciolti o il defaticamento ma lo sguardo onnipresente del coach non ci lascia saltare neppure un metro: lui vuole che l’allenamento, pianificato minuziosamente nelle giornate precedenti, finisca solo quando lo dice lui!

E quindi avanti fino alla fine perché su quello che dice il coach proprio non si discute!