Select Page

Le 5 frasi che il tuo allenatore è stufo di urlarti

Le 5 frasi che il tuo allenatore è stufo di urlarti

Il coach

Ognuno di noi potrebbe parlarne per ore ed ore. Ne conosciamo i rituali, le reazioni ai nostri errori e ancora gli incitamenti quando stiamo nuotando bene: che lo si ami o si odi dopo mesi o anni di duro allenamento l’allenatore è quasi parte della nostra famiglia.

I suoi ammonimenti, in particolare, ci risuonano spesso in testa come un mantra; ma siamo davvero sicuri che per lui ripetere sempre le stesse cose, sia utile quanto a noi?

Vi proponiamoe 5 frasi che il coach è stufo di pronunciare ma che, in fondo, continuerà ad urlare.

E voi? Ne avete di personali?

Ancora fuori dall’acqua?

Non siamo tutti solerti a tuffarci, soprattutto se fuori fa freddo, magari piove e la piscina seppure al coperto sembra altrettanto gelida.

La coda che si forma davanti al blocchetto prima dell’allenamento risulta, così, solitamente notevole e provocherà l’ira funesta del coach.

Ma lui è lì: pronto ad urlarvi che è tardi, che dovreste già riscaldarvi e che perderete la fase di riscaldamento dell’allenamento!

Stai respirando troppo!

Probabilmente stanchi dopo il lavoro abbiamo trovato la forza di andare ad allenarci e ci siamo anche tuffati, sfidando l’incognita della temperatura dell’acqua che abbiamo visto al punto precedente.

Probabilmente stiamo arrancando in acqua perché mantenere un buon ritmo con la stanchezza della giornata sulle spalle non è facile.

Probabilmente, prendendo fiato ad ogni bracciata, stiamo però suscitando l’ira dell’allenatore perché per lui 3 respirazioni in 25 metri dovrebbero essere routine ma per noi, si tratta di vera utopia.

Gulf race, il circuito del Golfo dei Poeti

Nel 2019 nasce il progetto "Gulf Race" ispirato dalla volontà di mettere il nostro meraviglioso golfo e la sua principale risorsa, il mare, al centro di una sempre più crescente tendenza sportiva, il nuoto in acque libere. Ogni anno nel periodo estivo si apre il...

Swim-TO 2020, a Torino bene Pilato e il padrone di casa Miressi

Torna dopo un anno di pausa il nuoto sotto la Mole, con l’edizione 2020 di Swim-TO, appuntamento di rilievo del capoluogo piemontese. A Torino tanti giovani rappresentanti del nuoto azzurro, ma anche diverse presenze tra gli atleti della Nazionale. Nella giornata di...

SwimStats Tokyo2020 Special | i 50 Stile Libero

Archiviate le quattro specialità del nuoto sui 100 metri chiudiamo le gare veloci con l'unica prova che si disputa sulla vasca singola. Il quinto appuntamento dell'edizione speciale della nostra rubrica statistica che ci accompagnerà fino ai prossimi Giochi...

I migliori atleti FINA del 2019: Italia premiata con il Settebello

Dopo un'emozionante stagione agonistica che ha visto il suo evento clou nei Campionati Mondiali FINA di Gwangju in Corea, la FINA ha reso noto l'elenco dei "migliori atleti dell'anno" delle sei le discipline acquatiche: nuoto, nuoto in acque libere, pallanuoto, tuffi...

AKRON sponsor tecnico del 10° Trofeo Città di Milano

AKRON, per il secondo anno consecutivo, sarà sponsor tecnico del 10° Trofeo Città di Milano, in programma nella piscina Mecenate i prossimi 28/29 febbraio e 1 marzo. Decima edizione che coincide anche con il cinquantesimo anno di attività della Nuotatori Milanesi,...

Trazione rosa per il Meeting del Titano di San Marino

Ai piedi di San Marino si è svolto il 15 e 16 febbraio il 18° Meeting del Titano, evento utile alla qualificazione alle prossime Olimpiadi, che ha visto scendere in acqua una selezione di quindici azzurri: sei femmine e nove maschi. Poche sorprese però nella vasca di...

Non si respira a fine vasca!

Si vince a testa bassa, nel vero senso della parola, tenendo il fiato finché la nostra mano non tocca il bordo vasca decretando l’arrivo.

Ma in allenamento è così difficile fare lo stesso.

Senza pietà il nostro coach ci ricorda, 50 dopo 50 che anche nel training in C3 a fine vasca non si respira!

Il nostro destino è inesorabile e non ci resta che seguire i suoi precetti.

Ancora una serie!

Qualche tempo fa, durante uno dei miei allenamenti, una compagna di squadra fu presa da un attacco allergico. Uscì immediatamente dalla vasca ma l’urlo del coach arrivò anche in quel caso: “ancora una serie!”.

Non si era accorto di nulla e la povera malcapitata dovette spiegargli che di continuare non si poteva proprio parlare.

Ma lui, il coach, doveva fare rispettare delle regole e quindi il suo compito lo stava svolgendo davvero bene.

Finisci l’allenamento!

Proviamo sempre ad evitare le ultime serie, i 100 sciolti o il defaticamento ma lo sguardo onnipresente del coach non ci lascia saltare neppure un metro: lui vuole che l’allenamento, pianificato minuziosamente nelle giornate precedenti, finisca solo quando lo dice lui!

E quindi avanti fino alla fine perché su quello che dice il coach proprio non si discute!

About The Author

Valeria Molfino

Appassionata di nuoto e running ma soprattutto innamorata della scrittura. Blogger da sempre, ama osservare e descrivere persone e relazioni cogliendone le sottili connessioni e le sfumature più nascoste.

Ultimi Tweet

?>