Il coach

Ognuno di noi potrebbe parlarne per ore ed ore. Ne conosciamo i rituali, le reazioni ai nostri errori e ancora gli incitamenti quando stiamo nuotando bene: che lo si ami o si odi dopo mesi o anni di duro allenamento l’allenatore è quasi parte della nostra famiglia.

I suoi ammonimenti, in particolare, ci risuonano spesso in testa come un mantra; ma siamo davvero sicuri che per lui ripetere sempre le stesse cose, sia utile quanto a noi?

Vi proponiamoe 5 frasi che il coach è stufo di pronunciare ma che, in fondo, continuerà ad urlare.

E voi? Ne avete di personali?

Ancora fuori dall’acqua?

Non siamo tutti solerti a tuffarci, soprattutto se fuori fa freddo, magari piove e la piscina seppure al coperto sembra altrettanto gelida.

La coda che si forma davanti al blocchetto prima dell’allenamento risulta, così, solitamente notevole e provocherà l’ira funesta del coach.

Ma lui è lì: pronto ad urlarvi che è tardi, che dovreste già riscaldarvi e che perderete la fase di riscaldamento dell’allenamento!

Stai respirando troppo!

Probabilmente stanchi dopo il lavoro abbiamo trovato la forza di andare ad allenarci e ci siamo anche tuffati, sfidando l’incognita della temperatura dell’acqua che abbiamo visto al punto precedente.

Probabilmente stiamo arrancando in acqua perché mantenere un buon ritmo con la stanchezza della giornata sulle spalle non è facile.

Probabilmente, prendendo fiato ad ogni bracciata, stiamo però suscitando l’ira dell’allenatore perché per lui 3 respirazioni in 25 metri dovrebbero essere routine ma per noi, si tratta di vera utopia.

Un po’ di (punti) FINA nella ISL2020: la TOP10 della Finale di Budapest

Avete ancora gli occhi dilatati e il battito accelerato per le luci psichedeliche della finale ISL? Siete pronti a partire e virare come Dressel, non appena la vostra piscina riaprirà? Niente di meglio che un po' di punteggi FINA, per riabituarsi alla grigia...

ISL2020 | Il primo Global Swimming Forum, Corsia4 c’è!

Cosa ha reso la International Swimming League così interessante e diversa dal solito? Molte cose, alcune delle quali approfondiremo nelle prossime settimane. Ma una cosa è certa: ha unito intorno al nuoto appassionati da ogni parte del mondo come pochi altri eventi...

ISL2020 | Finale “mondiale” di Dressel e Cali Condors

I Cali Condors di Caeleb Dressel hanno dominato la finale dell’edizione 2020 della Interntional Swimming League, battendo i campioni uscenti Energy Standard al termine della seconda edizione della lega professionistica che, senza alcun dubbio, ha ravvivato l’autunno...

ISL2020 | Chi vince? Tutti i pronostici di Corsia4

Diciamoci la verità: se sei arrivato fin qui nel seguire la International Swimming League (e intendo seguirla nelle sue regole, non guardare semplicemente i risultati il giorno dopo su internet) un’idea te la sei già fatta. Hai imparato a capire quali team sono più...

Tokyo2020one, proposta di integrazione della Nazionale

Sentito il parere favorevole della Direzione Tecnica delle Squadre Nazionali, il direttore tecnico Cesare Butini proporrà al prossimo Consiglio Federale la qualificazione alle Olimpiadi di Tokyo dei nuotatori: Federico Burdisso, Martina Rita Caramignoli, Gabriele...

Virtual ISL e Champions League del nuoto: dalla Puglia due inziative per motivare i nuotatori

In questo difficile periodo per lo sport nazionale, e in particolare per le nostre piscine che nonostante tutti gli sforzi di adeguamento alle procedure sono state costrette a chiudere, vogliamo dare spazio alle iniziative che si propongono di mantenere alto...

Non si respira a fine vasca!

Si vince a testa bassa, nel vero senso della parola, tenendo il fiato finché la nostra mano non tocca il bordo vasca decretando l’arrivo.

Ma in allenamento è così difficile fare lo stesso.

Senza pietà il nostro coach ci ricorda, 50 dopo 50 che anche nel training in C3 a fine vasca non si respira!

Il nostro destino è inesorabile e non ci resta che seguire i suoi precetti.

Ancora una serie!

Qualche tempo fa, durante uno dei miei allenamenti, una compagna di squadra fu presa da un attacco allergico. Uscì immediatamente dalla vasca ma l’urlo del coach arrivò anche in quel caso: “ancora una serie!”.

Non si era accorto di nulla e la povera malcapitata dovette spiegargli che di continuare non si poteva proprio parlare.

Ma lui, il coach, doveva fare rispettare delle regole e quindi il suo compito lo stava svolgendo davvero bene.

Finisci l’allenamento!

Proviamo sempre ad evitare le ultime serie, i 100 sciolti o il defaticamento ma lo sguardo onnipresente del coach non ci lascia saltare neppure un metro: lui vuole che l’allenamento, pianificato minuziosamente nelle giornate precedenti, finisca solo quando lo dice lui!

E quindi avanti fino alla fine perché su quello che dice il coach proprio non si discute!