Il coach

Ognuno di noi potrebbe parlarne per ore ed ore. Ne conosciamo i rituali, le reazioni ai nostri errori e ancora gli incitamenti quando stiamo nuotando bene: che lo si ami o si odi dopo mesi o anni di duro allenamento l’allenatore è quasi parte della nostra famiglia.

I suoi ammonimenti, in particolare, ci risuonano spesso in testa come un mantra; ma siamo davvero sicuri che per lui ripetere sempre le stesse cose, sia utile quanto a noi?

Vi proponiamoe 5 frasi che il coach è stufo di pronunciare ma che, in fondo, continuerà ad urlare.

E voi? Ne avete di personali?

Ancora fuori dall’acqua?

Non siamo tutti solerti a tuffarci, soprattutto se fuori fa freddo, magari piove e la piscina seppure al coperto sembra altrettanto gelida.

La coda che si forma davanti al blocchetto prima dell’allenamento risulta, così, solitamente notevole e provocherà l’ira funesta del coach.

Ma lui è lì: pronto ad urlarvi che è tardi, che dovreste già riscaldarvi e che perderete la fase di riscaldamento dell’allenamento!

Stai respirando troppo!

Probabilmente stanchi dopo il lavoro abbiamo trovato la forza di andare ad allenarci e ci siamo anche tuffati, sfidando l’incognita della temperatura dell’acqua che abbiamo visto al punto precedente.

Probabilmente stiamo arrancando in acqua perché mantenere un buon ritmo con la stanchezza della giornata sulle spalle non è facile.

Probabilmente, prendendo fiato ad ogni bracciata, stiamo però suscitando l’ira dell’allenatore perché per lui 3 respirazioni in 25 metri dovrebbero essere routine ma per noi, si tratta di vera utopia.

Super Olimpiadi 2020, Pellegrini di bronzo e re Phelps nei misti

Nonostante siamo ormai alla quarta settimana di gare, le SuperOlimpiadi non smettono di emozionarci e stupirci. In un momento storico così lontano dalla vita che conoscevamo, questo sogno ci sta aiutando a ricordare perché amavamo tanto questo sport e ci da speranza...

La fase 2 dei Nuotatori: ricominciamo

Dodici settimane: tanto è durata l’impossibilità di entrare in vasca. La sera del 9 marzo ho preso la sacca del nuoto e sono partita alla volta della piscina, appena prima dell’inizio della storica diretta televisiva che ha dichiarato il lockdown; sono andata all’...

Super Olimpiadi 2020, dominio Peaty. Sjöström porta la Svezia in vetta nel day3

Alla vigilia della terza giornata, ci sono ancora molti chiaroscuri che aleggiano sulle Superolimpiadi. Se oramai abbiamo capito che si tratta di una sfida tra i migliori interpreti all-time di ogni specialità, meno semplice è afferrarne la natura reale e lo scopo. La...

Intervista a Luca Baldini Direttore delle piscine Albaro di Genova

Luca Baldini da sempre è stato abituato a grandi sfide. La sua carriera parla per lui ed oggi, insieme a tutto l’Italia che vuole tornare in vasca, è pronto ad affrontarne un’altra. Genova, piscine di Albaro. Qui il nuoto è ripreso e si è fatto un piccolo passo verso...

Le 10 gare più “alla Phelps” di Michael Phelps

In una recente intervista, Swimming World ha chiesto a Bob Bowman di classificare le 20 migliori gare del suo allievo prediletto, Michael Phelps. Va da sé che l’opinione della persona che sportivamente - ma anche umanamente - conosce Phelps meglio di chiunque altro è...

“Sono orgogliosa di chi sono” il messaggio di Rikako Ikee

Questa sono io Mostrando i suoi capelli corti per la prima volta al pubblico da quando le è stata diagnosticata la leucemia nel febbraio 2019, la 19enne nuotatrice giapponese Rikako Ikee ha parlato dal profondo del suo cuore durante un videomessaggio in collaborazione...

Non si respira a fine vasca!

Si vince a testa bassa, nel vero senso della parola, tenendo il fiato finché la nostra mano non tocca il bordo vasca decretando l’arrivo.

Ma in allenamento è così difficile fare lo stesso.

Senza pietà il nostro coach ci ricorda, 50 dopo 50 che anche nel training in C3 a fine vasca non si respira!

Il nostro destino è inesorabile e non ci resta che seguire i suoi precetti.

Ancora una serie!

Qualche tempo fa, durante uno dei miei allenamenti, una compagna di squadra fu presa da un attacco allergico. Uscì immediatamente dalla vasca ma l’urlo del coach arrivò anche in quel caso: “ancora una serie!”.

Non si era accorto di nulla e la povera malcapitata dovette spiegargli che di continuare non si poteva proprio parlare.

Ma lui, il coach, doveva fare rispettare delle regole e quindi il suo compito lo stava svolgendo davvero bene.

Finisci l’allenamento!

Proviamo sempre ad evitare le ultime serie, i 100 sciolti o il defaticamento ma lo sguardo onnipresente del coach non ci lascia saltare neppure un metro: lui vuole che l’allenamento, pianificato minuziosamente nelle giornate precedenti, finisca solo quando lo dice lui!

E quindi avanti fino alla fine perché su quello che dice il coach proprio non si discute!