Mesi di duro allenamento, ore e ore in piscina eppure il miglioramento non arriva.

La buona notizia è che non sempre la colpa è della scarsa preparazione fisica perché spesso la differenza viene fatta da una mentalità vincente e da pensieri da vero campione.

Quali sono?

1 – Battere i record ti emoziona

Ti sei allenato per mesi e proprio quel percorso ti ha reso più forte, più capace di comprenderti e di capire dove puoi arrivare.

Già, perché è importante raggiungere i tuoi obiettivi ma ciò che più conta è la strada per arrivarci. Il vero campione riesce a capire l’importanza dei propri errori e dei vari step che lo hanno condotto fino al giorno della gara o del momento di battere un record. La competizione diventa quindi una verifica o un’occasione per confrontarsi con la propria meticolosa preparazione.

2 – Sei in grado di rialzarti dopo un fallimento

La resilienza è la capacità, ben radicata negli atleti professionisti, di saper far fronte in maniera positiva agli eventi traumatici e di riorganizzare le proprie priorità in caso di difficoltà.

Il vero campione riesce a fare di occasione virtù; la gara non porta il risultato sperato? Nessun problema, il fallimento lo aiuterà a capire meglio dove sta sbagliando, dove migliorare e da dove, quindi, dovrà riprendere gli allenamenti.

Seconda tappa della TYR Pro Swim Series 2021 nel segno delle donne

Secondo appuntamento con la Pro Swim Series, questa volta tutti a San Antonio, Texas! Dopo una prima uscita stagionale fortemente condizionata dalle restrizioni covid, si torna a respirare un’aria simile alla normalità anche se le misure di prevenzione impongono...

ItalNuoto e Olimpiadi | Barcellona ’92 il bis di bronzo di Battistelli

1992, Barcellona, Giochi della XXV Olimpiade estiva, ci eravamo lasciati con il bronzo nei 400 misti di Luca Sacchi al secondo giorno. La spedizione italiana ha già centrato l’obiettivo minimo per i Giochi: andare a podio. Può sembrare strano, per una Nazionale in...

Federico Vanelli: la vita senza il fondo…

“Sono come una fenice che risorge dalle ceneri alla quale viene buttata l’acqua addosso!” La sintetizza così la sua storia Federico Vanelli. Lui che nel fondo ci è cresciuto coronando i suoi più grandi sogni come quello di un Olimpiade, e che nel fondo ci si è...

Reale Circolo Canottieri Tevere Remo, una nuova realtà del nuoto

A Roma ci sono stato, più di una volta, ma solo per le gare di nuoto, prima di tutto un ripassino di geografia. Il Reale Circolo Canottieri Tevere Remo si trova al centro dell'Acqua Acetosa, lontano appena due curve del Tevere dal Foro Italico. In realtà ha anche una...

I nuotatori, possono fare solo nuoto?

Nel 1968, il medico della NASA Kennet H. Cooper mise nero su bianco, in un libro chiamato Aerobics, i risultati dei suoi studi sui benefici dell’allenamento aerobico sull’essere umano. Il testo divenne presto un must per gli allenatori di tutto il mondo, ma il lavoro...

Assoluti Invernali FINP, a Lignano record mondiale per Barlaam, doppio europeo per Fantin

Archiviata anche la 14ª edizione dei Campionati Italiani Assoluti Invernali ospitati dalla piscina Bella Italia & EFA di Lignano Sabbiadoro, evento riconosciuto dal World Para Swimming che ha visto scendere in acqua un centinaio di atleti in rappresentanza di 38...

3 – Scegli obiettivi realistici

Un traguardo troppo facilmente raggiungibile può annoiare mentre uno irraggiungibile può causare senso di frustrazione.

Il processo di scelta dell’obiettivo non va sottovalutato ma il vero campione sa esattamente in che momento della sua preparazione si trova e dove vuole arrivare.

4 – Non sei chiuso in te stesso

Il vero campione sa che il confronto può risultare fondamentale: le parole del coach, quelle di un nuotatore più anziano o di un altro atleta non faranno la differenza ma aiuteranno a comprendere meglio i propri difetti ed i propri punti di forza.

5 – Presti attenzione ai dettagli

Il nuoto è uno degli sport dove occorre una maggiore consapevolezza del proprio corpo.

Per questo motivo ogni singolo segno, positivo o negativo, può e deve essere letto nell’ottica di un continuo miglioramento della performance.

Foto: Fabio Cetti | Corsia4