La prima volta che ho deciso che avrei gareggiato in acque libere stavo già immaginando a cosa sarei andata incontro.

Avevo già assistito a partenze dall’acqua di gare Ironman ed ogni volta la sensazione era quella di trovarmi di fronte ad una mattanza!

Tralasciando il giorno della competizione, la verità è che la prima nuotata in acque libere, anche in allenamento, risulta spaventosa per tutti: abituati ad ore in piscina e trovandoci di fronte a sensazioni differenti ci sentiamo smarriti e disorientati.

I nostri primi pensieri saranno: “dov’è la linea blu sul fondo?”, “perchè non vedo la mia mano davanti a me?” o ancora “non riesco a respirare!”, ma come sempre l’antidoto è buttarsi e coraggiosamente affrontare la paura.

Superati questi primi pensieri è il momento di procurarsi la giusta attrezzatura. Gli occhialini, ad esempio, dovranno essere specchiati o con lente più scura rispetto a quelli che usiamo solitamente in vasca perché la luce risulterà più intensa ed il riverbero più fastidioso. Allo stesso tempo dovremo scegliere lo swimwear ideale selezionando se utilizzare un costume tradizionale o uno da acque libere; quest’ultimo non potrà proteggerci da eventuali meduse ma fornirà compressione e sostegno rendendo più agevole la nostra nuotata.

La stagione agonistica dei Master al tempo del coronavirus

  Ci eravamo lasciati a inizio estate, con il superamento del lockdown e le piscine che coraggiosamente riaprivano i battenti, consentendo alla nostra più o meno attempata comunità di irriducibili delle corsie di riprendere confidenza con l’elemento liquido e con...

Swimtheisland, la decima edizione nelle acque dell’Isola di Bergeggi

Dieci anni di nuoto in acque libere, caratterizzati dal perfetto sodalizio tra passione sportiva, tutela dell’ambiente marino e valorizzazione di un territorio unico nel suo genere. Una storia che sabato 3 e domenica 4 ottobre sarà nuovamente celebrata nel Golfo...

Grand Prix Sicilia Open Water 2020: un movimento in crescita!

La quinta edizione del Grand Prix Sicilia Open Water è giunta al termine! Una frase di per sé normale se non fosse che pronunciata nel 2020 assume un significato del tutto eccezionale. È passata poco più di una settimana dallo svolgimento della finale del Circuito...

Andrea Oriana e Sabrina Peron gli assi azzurri della Manica

Da oltre 100 anni è considerata l’Everest dei nuotatori: stiamo parlando dello Stretto della Manica, una delle imprese più ardue del mondo delle acque libere. E se i 35 chilometri da affrontare possono sembrare semplici rispetto ad altre imprese in giro per il mondo,...

Sydney2000 Special, la 4×100 stile e il Rock ‘n’ Roll Australiano

Meno di un mese prima dell’inizio delle Olimpiadi di Sydney, la nazionale australiana di nuoto si trova in collegiale a Melbourne. Ci sono tutti, da Michael Klim a Grant Hackett, da Ian Thorpe a Kieren Perkins. È una nazionale piena di stelle che si sta preparando per...

Training Lab, Errori biomeccanici nello stile libero come causa di infortunio nei nuotatori

In uno sport ciclico come il nuoto, l’elevata ripetitività di alcuni gesti tecnici pone inevitabilmente i nuotatori ad affrontare l’argomento infortuni. Proprio per evitare di fasciarsi la testa con assunzioni approssimative e non veritiere occorre analizzare meglio...

Indossato l’abbigliamento adatto saremo pronti a tuffarci ma non senza prima avere elaborato una strategia!

Visualizzare il percorso, individuare eventuali boe ed il numero di quelle che incontreremo ponendoci un obiettivo da raggiungere è davvero fondamentale nel nuoto in acque libere e ci consentirà di non sprecare energie o di non trovarci lontani dalla costa senza la forza per riuscire a tornare a riva.

Allo stesso modo, una volta in acqua, non dovremo nuotare con il “pilota automatico” ma restare concentrati guardando di tanto in tanto in avanti per non perdere la traiettoria: capita spesso che le correnti ci allontanino dalla linea che avremmo dovuto percorrere ma prestando la giusta attenzione non sarà difficile rielaborare il percorso e ritornare al punto desiderato.

Questi accorgimenti, sebbene semplici da mettere in pratica, risultano davvero fondamentali soprattutto per coloro che non abituati a nuotare fuori dalla piscina rischiano di trovarsi in serie difficoltà una volta in mare o al lago.

Non dimentichiamo infine che una volta che avremo ottenuto un buon livello di allenamento potremo goderci le prime gare, ma di questo ne parleremo un’altra volta.