Nessuno può dire non averne fatta una in vita sua, sia essa un semplice trofeo o una manifestazione più importante: è la gara in trasferta ed è il miglior modo per apprezzare il vero spirito del nuoto master, indipendentemente da tempi e punteggi.

Ci sono diversi modi di affrontare una gara in trasferta e, naturalmente, tutto dipende da vari fattori, come le aspirazioni individuali, l’importanza della competizione e, soprattutto, la consistenza della squadra.

Partiamo da quest’ultimo punto: ogni squadra ha proprie caratteristiche, “numeri”, modelli organizzativi e punti di riferimento. Ma quel che conta molto è anche l’affiatamento, cioè la capacità di fare gruppo (vero) o “sottogruppo”, nei casi di squadre particolarmente numerose.

Quando una squadra, o un gruppo all’interno di una squadra, è già coeso, il clima è infatti ideale per qualsiasi esigenza individuale; in una situazione del genere, ci sono davvero pochi consigli da dare, perché la trasferta diventa così il modo migliore per rinsaldare i legami e per potersi godere fuori casa qualche ora, o qualche giorno, in cui ognuno riuscirà a combinare le proprie necessità con quelle dei compagni di trasferta.

“Sono orgogliosa di chi sono” il messaggio di Rikako Ikee

Questa sono io Mostrando i suoi capelli corti per la prima volta al pubblico da quando le è stata diagnosticata la leucemia nel febbraio 2019, la 19enne nuotatrice giapponese Rikako Ikee ha parlato dal profondo del suo cuore durante un videomessaggio in collaborazione...

Super Olimpiadi 2020, strabiliante Milák nel day2. Primo oro USA

Negli ultimi 7 giorni, il mio telefono è diventato rovente. Forse non era chiaro dalla conferenza stampa inaugurale, che effettivamente era sembrata piuttosto vaga e fantasiosa, ma la prima giornata delle SuperOlimpiadi ha fugato ogni tipo di dubbio. Siamo entrati...

Il ritorno in vasca del Team MP Michael Phelps: Carini, Pizzini e Scalia

Il Team MP, composto da Luca Pizzini, Giacomo Carini e Silvia Scalia, torna ad allenarsi in piscina sempre supportato dal brand MP Michael Phelps Un ritorno graduale alle attività, grazie alle concessioni della fase 2, dove alcune piscine hanno potuto riaprire le...

Storie di Nuoto, Phelps vs Lochte: la Sfida Infinita

La carriera di un atleta viene solitamente valutata a seconda dei risultati sportivi ottenuti, delle medaglie conquistate e dei record battuti. Ma oltre ai puri numeri, i grandi atleti si ricordano anche per le grandi sfide, le lotte combattute con i loro avversari,...

Super Olimpiadi 2020, subito una medaglia per gli azzurri nel day1

Come annunciato durante la Conferenza Stampa di ieri, il nuoto è stato rivoluzionato. Cercherò attraverso le parole di descrivervi al meglio quanto ho appena visto con i miei occhi ed ascoltato con le mie orecchie, ma so già che fallirò. Quindi prima di iniziare vi...

Cronache delle Super Olimpiadi 2020, la Conferenza Stampa

Da quasi ormai due mesi lo sport si è fermato in tutto il mondo, ogni evento cancellato. Il lockdown globale non ha fatto distinzioni, imponendo lo stop a qualsiasi competizione, dall’ultima delle gare di paese ai più importanti ed imponenti tornei mondiali. Solo in...

Ma non per tutti è così: ci sono squadre nelle quali, semplicemente, non vengono a crearsi quelle condizioni favorevoli che si trovano altrove. In questi casi, le prime trasferte possono rappresentare il momento in cui emergono differenze individuali o conflitti latenti. Diventa difficile, allora, riuscire a trovare una sintesi tra i vari punti di vista: è vero infatti che il nuoto master non è solo squadra, ma è anche fatto di singole persone che hanno diverse esigenze e aspirazioni.

C’è ad esempio chi punta alla medaglia ai campionati italiani, o chi invece può ritenersi soddisfatto se riesce a limare di qualche decimo il proprio personale. Non c’è un modo giusto o sbagliato di vedere le cose: flessibilità, capacità di non prendersi troppo sul serio e, comunque, rispetto delle esigenze altrui sono le giuste chiavi di lettura per trovare un punto di equilibrio tra i vari interessi.

I classici suggerimenti per la trasferta, come non fare troppo tardi, prestare particolare attenzione ai pasti o non consumare alcol la sera prima, a prescindere dal fatto che si soggiorni in hotel o si parta la mattina presto per una manifestazione, possono quindi lasciare il tempo che trovano se si è in gruppo e l’obiettivo è più divertirsi che non pensare alla gara.

Ma è invece indispensabile ricordarsi alcune cose per non farsi trovare impreparati all’ultimo momento: cartellino della Federazione e tenuta da competizione, con in pole position gli occhialini, seguiti dal costumone, che rappresentano materiale tecnico piuttosto personalizzato e di difficile – ma non impossibile – sostituzione.

Tutto il resto, per fortuna, è facile trovarlo in prestito anche all’ultimo secondo.

Foto: Fabio Cetti | Corsia4