Nessuno può dire non averne fatta una in vita sua, sia essa un semplice trofeo o una manifestazione più importante: è la gara in trasferta ed è il miglior modo per apprezzare il vero spirito del nuoto master, indipendentemente da tempi e punteggi.

Ci sono diversi modi di affrontare una gara in trasferta e, naturalmente, tutto dipende da vari fattori, come le aspirazioni individuali, l’importanza della competizione e, soprattutto, la consistenza della squadra.

Partiamo da quest’ultimo punto: ogni squadra ha proprie caratteristiche, “numeri”, modelli organizzativi e punti di riferimento. Ma quel che conta molto è anche l’affiatamento, cioè la capacità di fare gruppo (vero) o “sottogruppo”, nei casi di squadre particolarmente numerose.

Quando una squadra, o un gruppo all’interno di una squadra, è già coeso, il clima è infatti ideale per qualsiasi esigenza individuale; in una situazione del genere, ci sono davvero pochi consigli da dare, perché la trasferta diventa così il modo migliore per rinsaldare i legami e per potersi godere fuori casa qualche ora, o qualche giorno, in cui ognuno riuscirà a combinare le proprie necessità con quelle dei compagni di trasferta.

Grand Prix Sicilia Open Water 2020: un movimento in crescita!

La quinta edizione del Grand Prix Sicilia Open Water è giunta al termine! Una frase di per sé normale se non fosse che pronunciata nel 2020 assume un significato del tutto eccezionale. È passata poco più di una settimana dallo svolgimento della finale del Circuito...

Andrea Oriana e Sabrina Peron gli assi azzurri della Manica

Da oltre 100 anni è considerata l’Everest dei nuotatori: stiamo parlando dello Stretto della Manica, una delle imprese più ardue del mondo delle acque libere. E se i 35 chilometri da affrontare possono sembrare semplici rispetto ad altre imprese in giro per il mondo,...

Sydney2000 Special, la 4×100 stile e il Rock ‘n’ Roll Australiano

Meno di un mese prima dell’inizio delle Olimpiadi di Sydney, la nazionale australiana di nuoto si trova in collegiale a Melbourne. Ci sono tutti, da Michael Klim a Grant Hackett, da Ian Thorpe a Kieren Perkins. È una nazionale piena di stelle che si sta preparando per...

Training Lab, Errori biomeccanici nello stile libero come causa di infortunio nei nuotatori

In uno sport ciclico come il nuoto, l’elevata ripetitività di alcuni gesti tecnici pone inevitabilmente i nuotatori ad affrontare l’argomento infortuni. Proprio per evitare di fasciarsi la testa con assunzioni approssimative e non veritiere occorre analizzare meglio...

ISL2020 | Scopriamo i team della seconda edizione

Tramite una videoconferenza stampa in diretta da Parigi - leggi QUI l'articolo di presentazione - il Presidente Konstantin Grigorishin ed i suoi collaboratori hanno formalizzato il ritorno della International Swimming League, annunciando l’organizzazione della seconda...

Swim Stats | La storia dei 200 stile libero: Federica Pellegrini

Nel mondo del nuoto, sono pochissimi i binomi gara-atleta che si connettono automaticamente come i 200 stile libero e Federica Pellegrini. Negli ultimi 15 anni di competizioni, Fede ha vinto tutto quello che c’è da vincere, battuto record ed avversarie, rivoluzionato...

Ma non per tutti è così: ci sono squadre nelle quali, semplicemente, non vengono a crearsi quelle condizioni favorevoli che si trovano altrove. In questi casi, le prime trasferte possono rappresentare il momento in cui emergono differenze individuali o conflitti latenti. Diventa difficile, allora, riuscire a trovare una sintesi tra i vari punti di vista: è vero infatti che il nuoto master non è solo squadra, ma è anche fatto di singole persone che hanno diverse esigenze e aspirazioni.

C’è ad esempio chi punta alla medaglia ai campionati italiani, o chi invece può ritenersi soddisfatto se riesce a limare di qualche decimo il proprio personale. Non c’è un modo giusto o sbagliato di vedere le cose: flessibilità, capacità di non prendersi troppo sul serio e, comunque, rispetto delle esigenze altrui sono le giuste chiavi di lettura per trovare un punto di equilibrio tra i vari interessi.

I classici suggerimenti per la trasferta, come non fare troppo tardi, prestare particolare attenzione ai pasti o non consumare alcol la sera prima, a prescindere dal fatto che si soggiorni in hotel o si parta la mattina presto per una manifestazione, possono quindi lasciare il tempo che trovano se si è in gruppo e l’obiettivo è più divertirsi che non pensare alla gara.

Ma è invece indispensabile ricordarsi alcune cose per non farsi trovare impreparati all’ultimo momento: cartellino della Federazione e tenuta da competizione, con in pole position gli occhialini, seguiti dal costumone, che rappresentano materiale tecnico piuttosto personalizzato e di difficile – ma non impossibile – sostituzione.

Tutto il resto, per fortuna, è facile trovarlo in prestito anche all’ultimo secondo.

Foto: Fabio Cetti | Corsia4