Alcune volte ti trovi a gareggiare in condizioni davvero difficili ed avverse.

L’argomento è piú che mai attuale dal momento che ci troviamo nel pieno della stagione open water, quando il mare mosso, le correnti del lago, il forte vento ed altri fattori possono condizionare in maniera sostanziale la nostra performance ed influenzare gare preparate minuziosamente per mesi.

Cosa provereste se, ad esempio, dopo avere organizzato tutta la vostra preparazione in funzione di un evento in mare vi ritrovaste, il giorno della competizione, di fronte ad un mare tempestoso a cui proprio non eravate psicologicamente preparati?

E come vi sentireste se, al lago, doveste fare i conti con forti correnti che spostano le boe in maniera sostanziale allungando il percorso?

Se in piscina le variabili piú determinanti sono legate soprattutto alla forma fisica dell’atleta, i fattori in gioco nel nuoto in acque libere finiscono per essere davvero molti (e tutti importanti).

Super Olimpiadi 2020, Codia sfiora la finale. Dominio USA nel day9

Un testimonial dal passato. L’indizio dato la settimana scorsa dal Commissioner è tanto succulento quanto vago, perché se è vero che con la tecnologia NASA le SuperOlimpiadi ci hanno già fatto parlare con diversi miti del nuoto degli anni che furono, è altresì vero...

Benvenuti in PHELPS, l’evoluzione del marchio MP Michael Phelps

Phelps offre gli stessi fantastici prodotti e le tecnologie leader del mercato con un nuovo look and feel Quando minimalismo e tecnicismo si uniscono per rinnovare un brand premium per il mondo del nuoto che prende il nome di: PHELPS. Il marchio Phelps è l’evoluzione...

Training Lab, Fluidodinamica computazionale applicata allo studio della bracciata

In tutte le tecniche di nuotata è di fondamentale importanza il ruolo svolto dalla componente mano-avambraccio per la sua notevole interazione con l’elemento fluido. Il come avviene tale interazione è oggetto di studio ormai da oltre mezzo secolo, e ha vissuto alcuni...

Ariarne “Arnie” Titmus, la nuova stella australiana

È difficile trovare un’altra nazione al mondo che straveda per il nuoto come l’Australia. In Italia, nonostante il movimento di utenti ed appassionati possa contare su numeri enormi, lo sport in sé trova spazio (sempre di più, va detto) solo in occasione dei...

La voglia di ripartire si veste dei colori del mare di Pineto

Pineto, 5 Luglio 2020 - È stata una giornata carica delle emozioni più belle, quella che ha avuto luogo ieri a Pineto, in provincia di Teramo, in occasione del Trofeo di Nuoto Città di Pineto, organizzato dal Gruppo Spatangus con il patrocinio del Comune di Pineto e...

Nazionale di fondo in raduno a Piombino fino al 18 luglio

Una selezione di atelti di interesse Nazionale è al lavoro da ieri 5 luglio fino a sabato 18 luglio presso la struttura di Poggio all'Agnello a Piombino. Allenamento collegiale, al quale partecipano 12 atleti e uno staff composto da 9 persone, tra tecnici, medico e...

Il senso di sconforto, la paura di ció che non avevamo preventivato, la voglia di mollare tutto e rinunciare a gareggiare sono sempre dietro l’angolo ma superare queste difficoltà risulta davvero fondamentale nella costruzione di una mentalità vincente.

Una delle caratteristiche che, da sempre, mi affascina e che viene stimolata negli atleti professionisti è quella di trovare sempre “il lato positivo“.

Certe volte questa ricerca puó sembrare impossibile ma volgere in positivo le situazioni è un esercizio utile ed efficace. Molti definiscono questa abilità resilienza, un termine utilizzato in ambito psicologico per descrivere la capacità di trasformare in proprio favore i momenti di stress superandoli poi con successo.

Questa caratteristica è, solitamente, molto sviluppata negli atleti che praticano sport di endurance e che si trovano a mettere alla prova costantemente il proprio corpo e la propria forza mentale.

Non sempre, nelle gare open water, dovremo fare i conti con situazioni estreme ma in caso di imprevisti potremo comunque trovare il lato positivo della situazione.

Ed allora il mare particolarmente mosso ci impedirà di “fare il tempo” ma ci consentirà di concludere una performance particolarmente allenante; le boe si sono spostate e la gara non è piú un miglio ma 2,5 km? Non esiste modo migliore che testarsi e, perchè no, iniziare a pensare ad una 3 km (magari, poi, ci piace davvero!).

Elaborare pensieri positivi è davvero utile e serve in ogni occasione: durante allenamenti noiosi, nel pre-gara ed ancora nel corso della competizione. Se riusciremo potremo utilizzare questa tecnica anche nella vita di tutti i giorni!

E voi che aspettate a… pensare positivo?