Alcune volte ti trovi a gareggiare in condizioni davvero difficili ed avverse.

L’argomento è piú che mai attuale dal momento che ci troviamo nel pieno della stagione open water, quando il mare mosso, le correnti del lago, il forte vento ed altri fattori possono condizionare in maniera sostanziale la nostra performance ed influenzare gare preparate minuziosamente per mesi.

Cosa provereste se, ad esempio, dopo avere organizzato tutta la vostra preparazione in funzione di un evento in mare vi ritrovaste, il giorno della competizione, di fronte ad un mare tempestoso a cui proprio non eravate psicologicamente preparati?

E come vi sentireste se, al lago, doveste fare i conti con forti correnti che spostano le boe in maniera sostanziale allungando il percorso?

Se in piscina le variabili piú determinanti sono legate soprattutto alla forma fisica dell’atleta, i fattori in gioco nel nuoto in acque libere finiscono per essere davvero molti (e tutti importanti).

SwimStats | Olimpiadi: 35 eventi di nuoto, sono troppi?

A Tokyo 2020one faranno il loro debutto nel programma olimpico del nuoto gli 800 maschili, i 1500 femminili e la staffetta 4x100 mista mista, portando il totale di gare in vasca a 35 - alle quali vanno aggiunte le 10 km in acque libere. Secondo Jessica Danielle,...

La stagione agonistica dei Master al tempo del coronavirus

  Ci eravamo lasciati a inizio estate, con il superamento del lockdown e le piscine che coraggiosamente riaprivano i battenti, consentendo alla nostra più o meno attempata comunità di irriducibili delle corsie di riprendere confidenza con l’elemento liquido e con...

Swimtheisland, la decima edizione nelle acque dell’Isola di Bergeggi

Dieci anni di nuoto in acque libere, caratterizzati dal perfetto sodalizio tra passione sportiva, tutela dell’ambiente marino e valorizzazione di un territorio unico nel suo genere. Una storia che sabato 3 e domenica 4 ottobre sarà nuovamente celebrata nel Golfo...

Grand Prix Sicilia Open Water 2020: un movimento in crescita!

La quinta edizione del Grand Prix Sicilia Open Water è giunta al termine! Una frase di per sé normale se non fosse che pronunciata nel 2020 assume un significato del tutto eccezionale. È passata poco più di una settimana dallo svolgimento della finale del Circuito...

Andrea Oriana e Sabrina Peron gli assi azzurri della Manica

Da oltre 100 anni è considerata l’Everest dei nuotatori: stiamo parlando dello Stretto della Manica, una delle imprese più ardue del mondo delle acque libere. E se i 35 chilometri da affrontare possono sembrare semplici rispetto ad altre imprese in giro per il mondo,...

Sydney2000 Special, la 4×100 stile e il Rock ‘n’ Roll Australiano

Meno di un mese prima dell’inizio delle Olimpiadi di Sydney, la nazionale australiana di nuoto si trova in collegiale a Melbourne. Ci sono tutti, da Michael Klim a Grant Hackett, da Ian Thorpe a Kieren Perkins. È una nazionale piena di stelle che si sta preparando per...

Il senso di sconforto, la paura di ció che non avevamo preventivato, la voglia di mollare tutto e rinunciare a gareggiare sono sempre dietro l’angolo ma superare queste difficoltà risulta davvero fondamentale nella costruzione di una mentalità vincente.

Una delle caratteristiche che, da sempre, mi affascina e che viene stimolata negli atleti professionisti è quella di trovare sempre “il lato positivo“.

Certe volte questa ricerca puó sembrare impossibile ma volgere in positivo le situazioni è un esercizio utile ed efficace. Molti definiscono questa abilità resilienza, un termine utilizzato in ambito psicologico per descrivere la capacità di trasformare in proprio favore i momenti di stress superandoli poi con successo.

Questa caratteristica è, solitamente, molto sviluppata negli atleti che praticano sport di endurance e che si trovano a mettere alla prova costantemente il proprio corpo e la propria forza mentale.

Non sempre, nelle gare open water, dovremo fare i conti con situazioni estreme ma in caso di imprevisti potremo comunque trovare il lato positivo della situazione.

Ed allora il mare particolarmente mosso ci impedirà di “fare il tempo” ma ci consentirà di concludere una performance particolarmente allenante; le boe si sono spostate e la gara non è piú un miglio ma 2,5 km? Non esiste modo migliore che testarsi e, perchè no, iniziare a pensare ad una 3 km (magari, poi, ci piace davvero!).

Elaborare pensieri positivi è davvero utile e serve in ogni occasione: durante allenamenti noiosi, nel pre-gara ed ancora nel corso della competizione. Se riusciremo potremo utilizzare questa tecnica anche nella vita di tutti i giorni!

E voi che aspettate a… pensare positivo?