La “storia del 900” può passare davvero per il costume da nuoto (o da bagno).

Siamo figli della cultura dei film americani e proprio da Hollywood, nel corso degli anni, sono arrivate fino a noi migliaia di immagini di star con indosso il loro swimwear non sempre così sexy, almeno per i nostri canoni attuali.

Sapevate ad esempio che i primi costumi da nuoto negli anni ’20 erano realizzati in lana e, per poter essere indossati in alcune spiagge con precisi regolarmenti, dovevano rispondere ad altrettanto precisi criteri in termini di lunghezza?

Occorrerà attendere gli anni ’30 perché il corpo femminile possa essere veramente mostrato nelle sue forme, con l’introduzione di materiali quali il latex.

Finalmente, poi, nel 1946 arriva il fantastico bikini di Louis Rèard. Il nome Bikini nasce a seguito dei test nucleari nell’atollo Pacifico di Bikini e fu scelto proprio perché il suo inventore si aspettava conseguenze altrettanto esplosive dall’introduzione di questo provocatorio costume in una società ancora impreparata.

La stagione agonistica dei Master al tempo del coronavirus

  Ci eravamo lasciati a inizio estate, con il superamento del lockdown e le piscine che coraggiosamente riaprivano i battenti, consentendo alla nostra più o meno attempata comunità di irriducibili delle corsie di riprendere confidenza con l’elemento liquido e con...

Swimtheisland, la decima edizione nelle acque dell’Isola di Bergeggi

Dieci anni di nuoto in acque libere, caratterizzati dal perfetto sodalizio tra passione sportiva, tutela dell’ambiente marino e valorizzazione di un territorio unico nel suo genere. Una storia che sabato 3 e domenica 4 ottobre sarà nuovamente celebrata nel Golfo...

Grand Prix Sicilia Open Water 2020: un movimento in crescita!

La quinta edizione del Grand Prix Sicilia Open Water è giunta al termine! Una frase di per sé normale se non fosse che pronunciata nel 2020 assume un significato del tutto eccezionale. È passata poco più di una settimana dallo svolgimento della finale del Circuito...

Andrea Oriana e Sabrina Peron gli assi azzurri della Manica

Da oltre 100 anni è considerata l’Everest dei nuotatori: stiamo parlando dello Stretto della Manica, una delle imprese più ardue del mondo delle acque libere. E se i 35 chilometri da affrontare possono sembrare semplici rispetto ad altre imprese in giro per il mondo,...

Sydney2000 Special, la 4×100 stile e il Rock ‘n’ Roll Australiano

Meno di un mese prima dell’inizio delle Olimpiadi di Sydney, la nazionale australiana di nuoto si trova in collegiale a Melbourne. Ci sono tutti, da Michael Klim a Grant Hackett, da Ian Thorpe a Kieren Perkins. È una nazionale piena di stelle che si sta preparando per...

Training Lab, Errori biomeccanici nello stile libero come causa di infortunio nei nuotatori

In uno sport ciclico come il nuoto, l’elevata ripetitività di alcuni gesti tecnici pone inevitabilmente i nuotatori ad affrontare l’argomento infortuni. Proprio per evitare di fasciarsi la testa con assunzioni approssimative e non veritiere occorre analizzare meglio...

Se negli anni ’50 l’icona sexy per eccellenza, Marilyn Monroe, fa tornare a tutte le signore la voglia di indossare l’intero, dagli anni ’60 in poi i costumi continuano a diventare sempre più “small” e con colori sempre più sgargianti.

Ancora una volta è un’attrice, Farrah Fawcett, a diventare il volto dello swimwer anni ’70, grazie ad un poster in cui la protagonista viene ritratta in costume e stampato in 12 milioni di copie nel 1975.

Grazie alla prominente bagnina di Baywatch Pamela Anderson, il costume anni ’90 non sarà mai più soltanto fashion ma anche sporty, con colori luminosi ed una sgambatura da urlo.

Se a leggere questi brevi cenni vi siete incuriosite, vi proponiamo un breve ma divertentissimo video in cui la storia del costume viene descritta in soli 3 minuti.

Le protagoniste? Tre simpatiche modelle che ci accompagnano in questo viaggio fatto di moda, tendenza e colore.

Foto: Fabio Cetti | Corsia4