La “storia del 900” può passare davvero per il costume da nuoto (o da bagno).

Siamo figli della cultura dei film americani e proprio da Hollywood, nel corso degli anni, sono arrivate fino a noi migliaia di immagini di star con indosso il loro swimwear non sempre così sexy, almeno per i nostri canoni attuali.

Sapevate ad esempio che i primi costumi da nuoto negli anni ’20 erano realizzati in lana e, per poter essere indossati in alcune spiagge con precisi regolarmenti, dovevano rispondere ad altrettanto precisi criteri in termini di lunghezza?

Occorrerà attendere gli anni ’30 perché il corpo femminile possa essere veramente mostrato nelle sue forme, con l’introduzione di materiali quali il latex.

Finalmente, poi, nel 1946 arriva il fantastico bikini di Louis Rèard. Il nome Bikini nasce a seguito dei test nucleari nell’atollo Pacifico di Bikini e fu scelto proprio perché il suo inventore si aspettava conseguenze altrettanto esplosive dall’introduzione di questo provocatorio costume in una società ancora impreparata.

“Tra le onde, nel cielo” il docu-film di Francesco Zarzana sulla tragedia di Brema

28 gennaio 1966, Brema: una data e un luogo che ogni nuotatore ha nel cuore e ogni futuro nuotatore avrà. Il ricordo dei "Caduti di Brema" in questa intervista realizzata per celebrare l'uscita del docu-film “Tra le onde, nel cielo”, nato da un’idea di Francesco...

L’Ice Swimmer Enzo Favoino sfida il Naviglio a Milano

Due chilometri di bracciate in acque gelide, partenza dalla Canottieri San Cristoforo alle 11.30 fino alla Darsena di Milano, questa è la prossima impresa dell’Ice Swimmer Enzo Favoino che nuoterà nelle acque del Naviglio domenica 31 gennaio. Sarà una nuotata estrema...

ItalNuoto e Olimpiadi | le Presenze Gara degli azzurri

Secondo appuntamento con la rubrica che ci accompagnerà - speriamo - verso le prossime Olimpiadi di Tokyo2020one. Dopo aver scoperto il Medagliere azzurro, parliamo di presenze gara olimpiche. Vi racconteremo, con numeri, grafiche e aneddoti la storia degli azzurri...

Il nuoto USA riparte con la prima tappa delle TYR Pro Swim Series 2021

Alcuni a San Antonio, Texas, altri a Richmond, Virginia: hanno nuotato così gli atleti impegnati nella prima tappa delle Tyr Pro Swim Series 2021, modificate nell’organizzazione per adattarsi all’emergenza sanitaria. Vediamo come sono andati i confronti (a distanza)...

Corsia Master, Regionali Veneto 2021 dal 19 al 21 febbraio a Monastier

Dopo la prova generale con il 4° Trofeo Casa di Caccia - 10 gennaio 2021 - il movimento Master Veneto continua il suo percorso con l'organizzazione dei Campionati Regionali che si terrano presso la Piscina Rosa Blu Village di Monastier (TV) dal 19 al 21 febbraio 2021....

Martinenghi e Pellegrini protagonisti al Meeting di Ginevra

Nonostante continuino a giungere notizie di rinvii ed annullamenti di gare e manifestazioni in tutto il mondo, qualche piccolo passo verso la normalità sportiva sta avvenendo: nello scorso fine settimana si è svolto il 54° Meeting Internazionale di Ginevra, che ha...

Se negli anni ’50 l’icona sexy per eccellenza, Marilyn Monroe, fa tornare a tutte le signore la voglia di indossare l’intero, dagli anni ’60 in poi i costumi continuano a diventare sempre più “small” e con colori sempre più sgargianti.

Ancora una volta è un’attrice, Farrah Fawcett, a diventare il volto dello swimwer anni ’70, grazie ad un poster in cui la protagonista viene ritratta in costume e stampato in 12 milioni di copie nel 1975.

Grazie alla prominente bagnina di Baywatch Pamela Anderson, il costume anni ’90 non sarà mai più soltanto fashion ma anche sporty, con colori luminosi ed una sgambatura da urlo.

Se a leggere questi brevi cenni vi siete incuriosite, vi proponiamo un breve ma divertentissimo video in cui la storia del costume viene descritta in soli 3 minuti.

Le protagoniste? Tre simpatiche modelle che ci accompagnano in questo viaggio fatto di moda, tendenza e colore.

Foto: Fabio Cetti | Corsia4