La “storia del 900” può passare davvero per il costume da nuoto (o da bagno).

Siamo figli della cultura dei film americani e proprio da Hollywood, nel corso degli anni, sono arrivate fino a noi migliaia di immagini di star con indosso il loro swimwear non sempre così sexy, almeno per i nostri canoni attuali.

Sapevate ad esempio che i primi costumi da nuoto negli anni ’20 erano realizzati in lana e, per poter essere indossati in alcune spiagge con precisi regolarmenti, dovevano rispondere ad altrettanto precisi criteri in termini di lunghezza?

Occorrerà attendere gli anni ’30 perché il corpo femminile possa essere veramente mostrato nelle sue forme, con l’introduzione di materiali quali il latex.

Finalmente, poi, nel 1946 arriva il fantastico bikini di Louis Rèard. Il nome Bikini nasce a seguito dei test nucleari nell’atollo Pacifico di Bikini e fu scelto proprio perché il suo inventore si aspettava conseguenze altrettanto esplosive dall’introduzione di questo provocatorio costume in una società ancora impreparata.

Super Olimpiadi 2020, dominio Peaty. Sjöström porta la Svezia in vetta nel day3

Alla vigilia della terza giornata, ci sono ancora molti chiaroscuri che aleggiano sulle Superolimpiadi. Se oramai abbiamo capito che si tratta di una sfida tra i migliori interpreti all-time di ogni specialità, meno semplice è afferrarne la natura reale e lo scopo. La...

Intervista a Luca Baldini Direttore delle piscine Albaro di Genova

Luca Baldini da sempre è stato abituato a grandi sfide. La sua carriera parla per lui ed oggi, insieme a tutto l’Italia che vuole tornare in vasca, è pronto ad affrontarne un’altra. Genova, piscine di Albaro. Qui il nuoto è ripreso e si è fatto un piccolo passo verso...

Le 10 gare più “alla Phelps” di Michael Phelps

In una recente intervista, Swimming World ha chiesto a Bob Bowman di classificare le 20 migliori gare del suo allievo prediletto, Michael Phelps. Va da sé che l’opinione della persona che sportivamente - ma anche umanamente - conosce Phelps meglio di chiunque altro è...

“Sono orgogliosa di chi sono” il messaggio di Rikako Ikee

Questa sono io Mostrando i suoi capelli corti per la prima volta al pubblico da quando le è stata diagnosticata la leucemia nel febbraio 2019, la 19enne nuotatrice giapponese Rikako Ikee ha parlato dal profondo del suo cuore durante un videomessaggio in collaborazione...

Super Olimpiadi 2020, strabiliante Milák nel day2. Primo oro USA

Negli ultimi 7 giorni, il mio telefono è diventato rovente. Forse non era chiaro dalla conferenza stampa inaugurale, che effettivamente era sembrata piuttosto vaga e fantasiosa, ma la prima giornata delle SuperOlimpiadi ha fugato ogni tipo di dubbio. Siamo entrati...

Il ritorno in vasca del Team MP Michael Phelps: Carini, Pizzini e Scalia

Il Team MP, composto da Luca Pizzini, Giacomo Carini e Silvia Scalia, torna ad allenarsi in piscina sempre supportato dal brand MP Michael Phelps Un ritorno graduale alle attività, grazie alle concessioni della fase 2, dove alcune piscine hanno potuto riaprire le...

Se negli anni ’50 l’icona sexy per eccellenza, Marilyn Monroe, fa tornare a tutte le signore la voglia di indossare l’intero, dagli anni ’60 in poi i costumi continuano a diventare sempre più “small” e con colori sempre più sgargianti.

Ancora una volta è un’attrice, Farrah Fawcett, a diventare il volto dello swimwer anni ’70, grazie ad un poster in cui la protagonista viene ritratta in costume e stampato in 12 milioni di copie nel 1975.

Grazie alla prominente bagnina di Baywatch Pamela Anderson, il costume anni ’90 non sarà mai più soltanto fashion ma anche sporty, con colori luminosi ed una sgambatura da urlo.

Se a leggere questi brevi cenni vi siete incuriosite, vi proponiamo un breve ma divertentissimo video in cui la storia del costume viene descritta in soli 3 minuti.

Le protagoniste? Tre simpatiche modelle che ci accompagnano in questo viaggio fatto di moda, tendenza e colore.

Foto: Fabio Cetti | Corsia4