Negli ultimi anni, il nuoto e gli sport acquatici in generale, hanno visto una fervente attività fra brand storici di swimwear e nuovi marchi che hanno contribuito fortemente a introdurre il concetto di moda anche in un ambiente in cui i vestiti vengono lasciati nell’armadietto della piscina.

Quando ci siamo imbattutti sul web nel brand iovedodicorsa, la prima domanda è stata quale poteva essere la connessione con il nuoto e le cuffie prodotte. Così abbiamo chiesto al creatore del marchio, Marco Frattini, di raccontarci la sua storia.

È il 2006 l’anno in cui la mia vita assume connotati diversi rispetto a prima.

Da un giorno all’altro mi trovo a non sentire più.

Io che ero abituato a suonare per locali e piazze con la mia boy band e a fare il fonico per racimolare qualche spicciolo e pagarmi così le spese di gioventù. Oltre a suonare e studiare, mi tenevo allenato e correvo. Molte volte capitava di rientrare a casa da un concerto e fare in tempo a cambiarmi e ad allacciarmi le scarpe per andare a correre una delle tante corse domenicali assieme agli amici.

Il 2006 lo ricordo come un anno di avvenimenti particolari: oltre alla sordità, ho corso la mia prima maratona a Milano e poi è arrivata in scia anche la laurea. Sono stati più gli esami superati in quell’anno che in tutto il mio ciclo di studi universitari.

Divento quindi odontoiatra e mi occupo soprattutto di odontoiatria speciale.

Tornando alla maratona, a Milano fu la prima volta che presi parte a una gara ufficiale.

Il tempo di percorrenza finale fu discreto: 3h14’15”.

Correre una maratona, ma sopratutto prepararla e programmarla, fu un’esperienza assolutamente nuova che mi piacque molto. Considerai le modalità con cui presi parte alla Maratona di Milano, feci qualche calcolo e pensai che con allenamento più capillare e mirato avrei potuto abbassare il tempo finale per provare a scendere sotto il fatidico muro delle 3 ore.

Nel giro di due anni, a Carpi, segnai il mio personal best sulla distanza in poco più di 2 ore e 48 minuti. Gli sforzi fatti furono ampiamente ripagati.

Nel frattempo presi parte anche ai Campionati Italiani organizzati dalla FSSI – la Federazione Sport Sordi Italia – che avevo scoperto. Furono anni intensi, con 6 titoli italiani vinti per questa Federazione.

Ero uscito dal limbo del runner amatore e mi trovavo ad essere quasi un top runner di scarso livello, tuttavia sufficiente per portarmi a casa piazzamenti oltre a 3 titoli mondiali per Medici e Odontoiatri.

Ariarne “Arnie” Titmus, la nuova stella australiana

È difficile trovare un’altra nazione al mondo che straveda per il nuoto come l’Australia. In Italia, nonostante il movimento di utenti ed appassionati possa contare su numeri enormi, lo sport in sé trova spazio (sempre di più, va detto) solo in occasione dei...
Leggi

La voglia di ripartire si veste dei colori del mare di Pineto

Pineto, 5 Luglio 2020 - È stata una giornata carica delle emozioni più belle, quella che ha avuto luogo ieri a Pineto, in provincia di Teramo, in occasione del Trofeo di Nuoto Città di Pineto, organizzato dal Gruppo Spatangus con il patrocinio del Comune di Pineto e...
Leggi

Nazionale di fondo in raduno a Piombino fino al 18 luglio

Una selezione di atelti di interesse Nazionale è al lavoro da ieri 5 luglio fino a sabato 18 luglio presso la struttura di Poggio all'Agnello a Piombino. Allenamento collegiale, al quale partecipano 12 atleti e uno staff composto da 9 persone, tra tecnici, medico e...
Leggi

Super Olimpiadi 2020, doppietta USA nel dorso del day8

Nonostante ci sia assolutamente vietato fare domande fuori dai canali standard, in settimana ho provato a contattare qualche collega estero per chiedere quale fosse l’anticipazione che il Commissioner ha rivelato prima del termine della scorsa giornata. Totalmente...
Leggi

5 Consigli per Nuotatori principianti

Dopo un lungo di tempo di stop è tempo di rimettersi in forma, siete pronti a tornare in piscina o a iniziare una nuova avventura fra le corsie? Proviamo a darvi qualche consiglio, una mini guida per il nuoto e l'etichetta della piscina nel "nuoto libero", un buon...
Leggi

Luglio e Agosto 2020, pronti per i Campionati Italiani

La Federazione Italiana Nuoto ha approvato in sede di Consiglio Federale un programma per favorire la ripresa dell’attività agonistica federale, definendo, qualora possibile, lo svolgimento di competizioni di carattere regionale, nazionale e internazionale da...
Leggi

Super Olimpiadi 2020, l’Italia ha Fede. Oro nei suoi 200 stile

Per definizione, un visionario è qualcuno che riesce a vedere qualcosa con la propria mente laddove gli altri non arrivano, ma è anche un paranoico vittima di allucinazioni visive. Saper collocare le SuperOlimpiadi in uno solo di questi due scenari non è possibile, ma...
Leggi

Storie di Nuoto, re Giorgio… Lamberti

Anno 2020, il primo e attualmente unico italiano nella storia del nuoto maschile a detenere un primato del mondo in vasca lunga porta il nome di Giorgio Lamberti. Il suo record mondiale dei 200 stile libero realizzato nel 1989 agli Europei di Bonn con il crono di...
Leggi

23 giugno, si celebra l’Olympic Day 2020 con il più grande allenamento digitale

L'Olympic Day è una celebrazione dello sport, della salute e dell'essere il meglio che si può. Le Olimpiadi sono state fonte di ispirazione e motivazione in questi tempi difficili con la loro energia e positività. Quest'anno martedì 23 giugno 2020 il Movimento...
Leggi

Super Olimpiadi 2020, Panziera unica azzurra in finale. USA allunga nel medagliere

Day 6 significa anche giro di boa per queste SuperOlimpiadi 2020: 5 giornate alle spalle, altre cinque davanti prima del Gran Finale di “l’evento più strabiliante che lo sport abbia mai vissuto”. Non è una mia considerazione, ma solo una delle iperboli utilizzate dal...
Leggi

La corsa era il mio pane quotidiano, ma inframezzavo le doppiette di corsa con uscite in bicicletta e sedute di nuoto in piscina. Non sono mai stato un nuotatore navigato, ma differenziare lo sforzo, mi aiutava a rilassare e potenziare la muscolatura.

Poi nel 2013 fui sottoposto al secondo intervento di asportazione del neurinoma che aveva intaccato la mia scatola cranica.
Ne uscii piuttosto malconcio. Persi come risultanza dell’intervento la mobilità completa dell’occhio sinistro.

Con mia buona pace, abbandonai la professione odontoiatrica e decisi di dedicarmi alla creazione di un brand tutto mio.

Nel 2008 avevo scritto un libro che intitolai Vedere di corsa e sentirci ancora meno. Un diario autobiografico che parla della mia vita nell’anno 2008. Il libro si conclude con questa frase.

La forza di ogni individuo sta nella propria testa e accanto alle persone cui vuole bene.

Questo fu il punto di ripartenza.

Creai le prime due bandane della collezione Iovedodicorsa e la promozione la pensammo in questo modo:

Mettetevelo bene in testa: La forza di ogni individuo sta nella propria testa e accanto alle persone cui vuole bene”, con l’intenzione di sdoppiare il senso, tra prodotto e mantra che sosteneva il brand.

Da li poi nacque l’idea di creare delle cuffie da nuoto, anche queste da mettere bene in testa, ovviamente!

Acquista le cuffie di iovedodicorsa in 100% silicone Eco Friendly

Sono disponibili quattro modelli:

  • pink heart
  • brown soldier
  • mundiale
  • bubble bum
iovedodicorsa - swimming caps