Lo sapevate che il dorsobackstroke – è nato da una iniziativa personale del nuotatore ungherese Alfréd Hajós, all’anagrafe Alfred Guttman?

Probabilmente pensò: “se di stile libero si tratta allora sarò libero di nuotare come meglio credo”. Detto e fatto.

Con una nuotata a respirazione libera molto simile ad una rana rovesciata Guttman vinse l’oro nei 1200 stile libero alle Olimpiadi di Atene del 1896.

Il dorso entra ufficialmente tra gli stili del nuoto alle Olimpiadi del 1900 a Parigi. Da quel momento in poi è una continua sperimentazione ed evoluzione con l’obiettivo di trovare la più efficace interpretazione della “nuotata rovesciata”.

L’americano Harry Joseph Hebner alle Olimpiadi di Stoccolma del 1912 fu il primo a dare il primo vero impulso evolutivo al dorso. La sua nuotata si particolarizza per la bracciata alternata con recupero a braccio flesso e movimenti di gambe riconducibili al gesto della pedalata.

Passano 20 anni e i giapponesi si presentano alle Olimpiadi di Los Angeles con una loro evoluzione dello stile. Masaji Kiyokawa diventa oro olimpico rovesciando il movimento degli arti inferiori dello stile libero.

Il famoso muro del minuto viene sbriciolato nel 1964 alle Olimpiadi di Tokyo durante la frazione della vittoriosa staffetta americana: Harold Thomson Mann grazie all’ aumento della frequenza e l’utilizzo del rollio ferma il cronometro a 59″6.

Grand Prix Sicilia Open Water 2020: un movimento in crescita!

La quinta edizione del Grand Prix Sicilia Open Water è giunta al termine! Una frase di per sé normale se non fosse che pronunciata nel 2020 assume un significato del tutto eccezionale. È passata poco più di una settimana dallo svolgimento della finale del Circuito...

Andrea Oriana e Sabrina Peron gli assi azzurri della Manica

Da oltre 100 anni è considerata l’Everest dei nuotatori: stiamo parlando dello Stretto della Manica, una delle imprese più ardue del mondo delle acque libere. E se i 35 chilometri da affrontare possono sembrare semplici rispetto ad altre imprese in giro per il mondo,...

Sydney2000 Special, la 4×100 stile e il Rock ‘n’ Roll Australiano

Meno di un mese prima dell’inizio delle Olimpiadi di Sydney, la nazionale australiana di nuoto si trova in collegiale a Melbourne. Ci sono tutti, da Michael Klim a Grant Hackett, da Ian Thorpe a Kieren Perkins. È una nazionale piena di stelle che si sta preparando per...

Training Lab, Errori biomeccanici nello stile libero come causa di infortunio nei nuotatori

In uno sport ciclico come il nuoto, l’elevata ripetitività di alcuni gesti tecnici pone inevitabilmente i nuotatori ad affrontare l’argomento infortuni. Proprio per evitare di fasciarsi la testa con assunzioni approssimative e non veritiere occorre analizzare meglio...

ISL2020 | Scopriamo i team della seconda edizione

Tramite una videoconferenza stampa in diretta da Parigi - leggi QUI l'articolo di presentazione - il Presidente Konstantin Grigorishin ed i suoi collaboratori hanno formalizzato il ritorno della International Swimming League, annunciando l’organizzazione della seconda...

Swim Stats | La storia dei 200 stile libero: Federica Pellegrini

Nel mondo del nuoto, sono pochissimi i binomi gara-atleta che si connettono automaticamente come i 200 stile libero e Federica Pellegrini. Negli ultimi 15 anni di competizioni, Fede ha vinto tutto quello che c’è da vincere, battuto record ed avversarie, rivoluzionato...

Lo stile continua ad affinarsi negli anni a seguire e continuano anche ad aumentare gara dopo gara i metri in subacquea.

David Berkoff alle Olimpiadi di Seul ’88 con il suo potente movimento a coda di pesce stabilirà il nuovo record del mondo sui 100 dorso in 54″61 quasi totalmente in subacquea.

Nei due anni successivi la FINA farà gli ultimi due rilevanti cambiamenti al regolamento limitando a 15 i metri in subacquea e consentendo di abbandonare la posizione sul dorso prima di effettuare la virata.

Nel 2014 l’ultimo cambiamento di regolamento che riguarda però la partenza, con l’introduzione del dispositvo dedicato a questa specialità, un’aletta regolabile con le seguenti caratteristiche: minimo di 65 centimetri di lunghezza, 8 centimetri di altezza, 2 centimetri in larghezza e con 10 gradi di pendenza.

Foto: Fabio Cetti | Corsia4