Lo sapevate che il dorsobackstroke – è nato da una iniziativa personale del nuotatore ungherese Alfréd Hajós, all’anagrafe Alfred Guttman?

Probabilmente pensò: “se di stile libero si tratta allora sarò libero di nuotare come meglio credo”. Detto e fatto.

Con una nuotata a respirazione libera molto simile ad una rana rovesciata Guttman vinse l’oro nei 1200 stile libero alle Olimpiadi di Atene del 1896.

Il dorso entra ufficialmente tra gli stili del nuoto alle Olimpiadi del 1900 a Parigi. Da quel momento in poi è una continua sperimentazione ed evoluzione con l’obiettivo di trovare la più efficace interpretazione della “nuotata rovesciata”.

L’americano Harry Joseph Hebner alle Olimpiadi di Stoccolma del 1912 fu il primo a dare il primo vero impulso evolutivo al dorso. La sua nuotata si particolarizza per la bracciata alternata con recupero a braccio flesso e movimenti di gambe riconducibili al gesto della pedalata.

Passano 20 anni e i giapponesi si presentano alle Olimpiadi di Los Angeles con una loro evoluzione dello stile. Masaji Kiyokawa diventa oro olimpico rovesciando il movimento degli arti inferiori dello stile libero.

Il famoso muro del minuto viene sbriciolato nel 1964 alle Olimpiadi di Tokyo durante la frazione della vittoriosa staffetta americana: Harold Thomson Mann grazie all’ aumento della frequenza e l’utilizzo del rollio ferma il cronometro a 59″6.

La fase 2 dei Nuotatori: ricominciamo

Dodici settimane: tanto è durata l’impossibilità di entrare in vasca. La sera del 9 marzo ho preso la sacca del nuoto e sono partita alla volta della piscina, appena prima dell’inizio della storica diretta televisiva che ha dichiarato il lockdown; sono andata all’...

Super Olimpiadi 2020, dominio Peaty. Sjöström porta la Svezia in vetta nel day3

Alla vigilia della terza giornata, ci sono ancora molti chiaroscuri che aleggiano sulle Superolimpiadi. Se oramai abbiamo capito che si tratta di una sfida tra i migliori interpreti all-time di ogni specialità, meno semplice è afferrarne la natura reale e lo scopo. La...

Intervista a Luca Baldini Direttore delle piscine Albaro di Genova

Luca Baldini da sempre è stato abituato a grandi sfide. La sua carriera parla per lui ed oggi, insieme a tutto l’Italia che vuole tornare in vasca, è pronto ad affrontarne un’altra. Genova, piscine di Albaro. Qui il nuoto è ripreso e si è fatto un piccolo passo verso...

Le 10 gare più “alla Phelps” di Michael Phelps

In una recente intervista, Swimming World ha chiesto a Bob Bowman di classificare le 20 migliori gare del suo allievo prediletto, Michael Phelps. Va da sé che l’opinione della persona che sportivamente - ma anche umanamente - conosce Phelps meglio di chiunque altro è...

“Sono orgogliosa di chi sono” il messaggio di Rikako Ikee

Questa sono io Mostrando i suoi capelli corti per la prima volta al pubblico da quando le è stata diagnosticata la leucemia nel febbraio 2019, la 19enne nuotatrice giapponese Rikako Ikee ha parlato dal profondo del suo cuore durante un videomessaggio in collaborazione...

Super Olimpiadi 2020, strabiliante Milák nel day2. Primo oro USA

Negli ultimi 7 giorni, il mio telefono è diventato rovente. Forse non era chiaro dalla conferenza stampa inaugurale, che effettivamente era sembrata piuttosto vaga e fantasiosa, ma la prima giornata delle SuperOlimpiadi ha fugato ogni tipo di dubbio. Siamo entrati...

Lo stile continua ad affinarsi negli anni a seguire e continuano anche ad aumentare gara dopo gara i metri in subacquea.

David Berkoff alle Olimpiadi di Seul ’88 con il suo potente movimento a coda di pesce stabilirà il nuovo record del mondo sui 100 dorso in 54″61 quasi totalmente in subacquea.

Nei due anni successivi la FINA farà gli ultimi due rilevanti cambiamenti al regolamento limitando a 15 i metri in subacquea e consentendo di abbandonare la posizione sul dorso prima di effettuare la virata.

Nel 2014 l’ultimo cambiamento di regolamento che riguarda però la partenza, con l’introduzione del dispositvo dedicato a questa specialità, un’aletta regolabile con le seguenti caratteristiche: minimo di 65 centimetri di lunghezza, 8 centimetri di altezza, 2 centimetri in larghezza e con 10 gradi di pendenza.

Foto: Fabio Cetti | Corsia4