Chiudo gli occhi.

Alzo la gamba sinistra, appoggio il piede, faccio leva e su anche il piede destro. Barcollo un po’.

Mi capita sempre quando salgo sul blocco. Il mio equilibrio è pessimo, sarà l’emozione di essere lì in alto, pronta a buttarmi nella mia adorata acqua, quell’acqua che mi ha accompagnata nella vita, nelle vittorie e nelle sconfitte.

di Sara Cracco

Metto entrambi i piedi sul bordo del blocco (sono vecchio stile), le dita si chiudono sulla plastica, gambe leggermente divaricate, ginocchia piegate, sedere alto, mani che scendono e si aggrappano al blocco, in mezzo ai due arti inferiori.

Sono pronta. Spinta e via.

Mani, braccia, testa, spalle, busto, bacino, gambe, piedi che urlano di gioia: sono in acqua!!!

E ora si nuota.

Le braccia girano, una insegue l’altra, le gambe si muovono in alternato, la bocca soffia sott’acqua e inala aria appena esce sulla superficie girando la testa. Le mani sentono l’acqua che cerca di fuggire. La prendono. La portano sotto la pancia. La spingono alle cosce e poi escono veloci per rituffarsi il più lontano possibile dalla testa, ma con le spalle vicine vicine all’orecchio.

Intervista a Marco Orsi sprinter per il Team Iron della ISL2020

Con il secondo posto strappato ai New York Breakers nel match #4, gli Iron di Budapest si sono avvantaggiati nella lotta per la semifinale della seconda stagione di International Swimming League, alla quale si qualificheranno i primi otto team della regular season....

ISL2020 | I Cali Condors dominano il Match 4 e ipotecano la finale

Usciamo dalla visione del Match #4 della stagione 2020 della International Swimming League, nel quale si sono sfidati Cali Condors, Iron, New York Breakers e DC Trident, con diverse certezze ed alcune domande. Abbiamo ad esempio la certezza che i Cali Condors sono una...

ISL2020 | LA Current vincono in volata il Match 3 su Frog Kings

La ISL è quella competizione dove si sfidano quattro squadre e alla fine vince chi vince la Skins Race. Si tratta forse di un’affermazione un po' estrema, ma l’importanza della gara ad eliminazione che chiude le due giorni di match è innegabile. In questo match #3,...

Intervista a Fabio Scozzoli dalla “bolla” ISL di Budapest

La International Swimming League è una delle novità più belle e chiacchierate degli ultimi anni. L’avvento di questa nuova lega professionistica ha fatto parlare moltissimo, dividendo nettamente l’opinione di appassionati ed addetti ai lavori: c’è chi la ama e ci vede...

ISL2020 | Dominio London Roar nel Match 2. Martinenghi e Miressi in evidenza

Alla vigilia, la preoccupazione per il roster dei London Roar, privato di tutti gli australiani, che non hanno avuto il permesso della federazione per competere, e anche di alcuni inglesi (fermati in via precauzionale per contatti da Covid-19), era alta. In questo...

ISL2020 | Match 1 vincono i Cali Condors, Pilato superstar

Per parlare del primo match della seconda stagione della International Swimming League si può iniziare in diversi modi, perché molti sono i temi che questa prima due giorni di nuoto nella bolla di Budapest, alla Duna Aréna, sono emersi. Seguendo la narrativa che la...

Sento l’acqua che prova a resistere. Si sta divertendo. Sta giocando con me. Mi sta aiutando ad andare veloce.

La mia cara amica acqua della mia adorata piscina.

La percepisco nelle mani, sulle braccia, sul corpo, sulle gambe, sui piedi.

E poi mi giro a pancia in su. Qui le mie gambe fanno più fatica. Devono muoversi energicamente, con ritmo costante per far sì che il sedere non vada a picco. La parte interna dei piedi calciano l’acqua che li contrasta. Tutta la gamba si muove, dall’anca ai piedi. Le ginocchia non si piegano. Battiti morbidi, ma decisi. Il mio corpo è morbido e deciso, il mio respiro è morbido e deciso.

Ormai conosco questa mia acqua e come si comporta il mio corpo immerso in questo fantastico elemento.

Le mie spalle che rollano ad un ritmo costante e sfiorano le guance. Le mie braccia dritte, sempre alla medesima distanza l’una dall’altra, come le rotaie che non si incontrano mai. I miei gomiti che sott’acqua si piegano cercano di stare il più vicino possibile al busto. I miei bicipiti, i miei tricipiti, i miei muscoli che si contraggono per portare l’acqua in fondo verso i piedi. Le mie mani che escono col pollice ed entrano col mignolo. E la mia testa sempre perfettamente ferma, immobile.

Sono una regina. Postura impeccabile. Sono alta nell’acqua, leggera…

Apro gli occhi. Mi manca il respiro.

Niente acqua. Niente piscina, niente bolle, niente presa-spinta-fase aerea… Niente…

Nuoto mi manchi

Foto: Fabio Cetti | Corsia4