Chiudo gli occhi.

Alzo la gamba sinistra, appoggio il piede, faccio leva e su anche il piede destro. Barcollo un po’.

Mi capita sempre quando salgo sul blocco. Il mio equilibrio è pessimo, sarà l’emozione di essere lì in alto, pronta a buttarmi nella mia adorata acqua, quell’acqua che mi ha accompagnata nella vita, nelle vittorie e nelle sconfitte.

di Sara Cracco

Metto entrambi i piedi sul bordo del blocco (sono vecchio stile), le dita si chiudono sulla plastica, gambe leggermente divaricate, ginocchia piegate, sedere alto, mani che scendono e si aggrappano al blocco, in mezzo ai due arti inferiori.

Sono pronta. Spinta e via.

Mani, braccia, testa, spalle, busto, bacino, gambe, piedi che urlano di gioia: sono in acqua!!!

E ora si nuota.

Le braccia girano, una insegue l’altra, le gambe si muovono in alternato, la bocca soffia sott’acqua e inala aria appena esce sulla superficie girando la testa. Le mani sentono l’acqua che cerca di fuggire. La prendono. La portano sotto la pancia. La spingono alle cosce e poi escono veloci per rituffarsi il più lontano possibile dalla testa, ma con le spalle vicine vicine all’orecchio.

ItalNuoto e Olimpiadi | le Presenze Gara degli azzurri

Secondo appuntamento con la rubrica che ci accompagnerà - speriamo - verso le prossime Olimpiadi di Tokyo2020one. Dopo aver scoperto il Medagliere azzurro, parliamo di presenze gara olimpiche. Vi racconteremo, con numeri, grafiche e aneddoti la storia degli azzurri...

Il nuoto USA riparte con la prima tappa delle TYR Pro Swim Series 2021

Alcuni a San Antonio, Texas, altri a Richmond, Virginia: hanno nuotato così gli atleti impegnati nella prima tappa delle Tyr Pro Swim Series 2021, modificate nell’organizzazione per adattarsi all’emergenza sanitaria. Vediamo come sono andati i confronti (a distanza)...

Corsia Master, Regionali Veneto 2021 dal 19 al 21 febbraio a Monastier

Dopo la prova generale con il 4° Trofeo Casa di Caccia - 10 gennaio 2021 - il movimento Master Veneto continua il suo percorso con l'organizzazione dei Campionati Regionali che si terrano presso la Piscina Rosa Blu Village di Monastier (TV) dal 19 al 21 febbraio 2021....

Martinenghi e Pellegrini protagonisti al Meeting di Ginevra

Nonostante continuino a giungere notizie di rinvii ed annullamenti di gare e manifestazioni in tutto il mondo, qualche piccolo passo verso la normalità sportiva sta avvenendo: nello scorso fine settimana si è svolto il 54° Meeting Internazionale di Ginevra, che ha...

ItalNuoto e Olimpiadi | il Medagliere azzurro

Oggi inauguriamo una nuova rubrica che ci accompagnerà - speriamo - verso le prossime Olimpiadi di Tokyo2020one. Vi racconteremo, con numeri, grafiche e aneddoti la storia degli azzurri del nuoto alle Olimpiadi. In questo primo appuntamento scopriremo il Medagliere...

Training Lab, Modelli di allenamento a confronto: esempio della Gran Bretagna

Per rendersi conto del livello sempre più elevato del nuoto mondiale, al di là del miglioramento dei record, basta porre attenzione al crescere della densità delle prestazioni negli appuntamenti agonistici di primo piano, le Olimpiadi in primis. Infatti, in occasione...

Sento l’acqua che prova a resistere. Si sta divertendo. Sta giocando con me. Mi sta aiutando ad andare veloce.

La mia cara amica acqua della mia adorata piscina.

La percepisco nelle mani, sulle braccia, sul corpo, sulle gambe, sui piedi.

E poi mi giro a pancia in su. Qui le mie gambe fanno più fatica. Devono muoversi energicamente, con ritmo costante per far sì che il sedere non vada a picco. La parte interna dei piedi calciano l’acqua che li contrasta. Tutta la gamba si muove, dall’anca ai piedi. Le ginocchia non si piegano. Battiti morbidi, ma decisi. Il mio corpo è morbido e deciso, il mio respiro è morbido e deciso.

Ormai conosco questa mia acqua e come si comporta il mio corpo immerso in questo fantastico elemento.

Le mie spalle che rollano ad un ritmo costante e sfiorano le guance. Le mie braccia dritte, sempre alla medesima distanza l’una dall’altra, come le rotaie che non si incontrano mai. I miei gomiti che sott’acqua si piegano cercano di stare il più vicino possibile al busto. I miei bicipiti, i miei tricipiti, i miei muscoli che si contraggono per portare l’acqua in fondo verso i piedi. Le mie mani che escono col pollice ed entrano col mignolo. E la mia testa sempre perfettamente ferma, immobile.

Sono una regina. Postura impeccabile. Sono alta nell’acqua, leggera…

Apro gli occhi. Mi manca il respiro.

Niente acqua. Niente piscina, niente bolle, niente presa-spinta-fase aerea… Niente…

Nuoto mi manchi

Foto: Fabio Cetti | Corsia4