Esistono degli argomenti costanti nella vita di un nuotatore.

In particolare, prima o dopo il training chi di noi almeno una volta non ha proferito le parole: “ho fame!”?

Negli spogliatoi delle nuotatrici, poi, l’argomento è un vero e proprio spauracchio: nuotiamo, ci alleniamo e spesso i nostri miglioramenti fisici sono compensati da epiche abbuffate, ma riusciremo mai a dimagrire?

Si dice che un nuotatore olimpico consumi in media tra le 3.000 e le 10.000 calorie per giorno, una quantità enorme e praticamente impossibile da reimmettere nell’organismo attraverso la sola alimentazione e senza una specifica e mirata integrazione. Tralasciando gli allenamenti da professionista e considerando che il training per un atleta master si aggira in media intorno alle 600 calorie consumate, perché abbiamo sempre fame?

E perché i nuotatori tendono ad essere più “grassi” rispetto ad esempio ai runner o ai ciclisti, soprattutto se consideriamo il nuoto di fondo?

Non esistono molti studi a riguardo ed è pertanto difficile ottenere una risposta univoca ma una teoria potrebbe aiutarci ad eliminare questo dubbio amletico!

Andrea Oriana e Sabrina Peron gli assi azzurri della Manica

Da oltre 100 anni è considerata l’Everest dei nuotatori: stiamo parlando dello Stretto della Manica, una delle imprese più ardue del mondo delle acque libere. E se i 35 chilometri da affrontare possono sembrare semplici rispetto ad altre imprese in giro per il mondo,...

Sydney2000 Special, la 4×100 stile e il Rock ‘n’ Roll Australiano

Meno di un mese prima dell’inizio delle Olimpiadi di Sydney, la nazionale australiana di nuoto si trova in collegiale a Melbourne. Ci sono tutti, da Michael Klim a Grant Hackett, da Ian Thorpe a Kieren Perkins. È una nazionale piena di stelle che si sta preparando per...

Training Lab, Errori biomeccanici nello stile libero come causa di infortunio nei nuotatori

In uno sport ciclico come il nuoto, l’elevata ripetitività di alcuni gesti tecnici pone inevitabilmente i nuotatori ad affrontare l’argomento infortuni. Proprio per evitare di fasciarsi la testa con assunzioni approssimative e non veritiere occorre analizzare meglio...

ISL2020 | Scopriamo i team della seconda edizione

Tramite una videoconferenza stampa in diretta da Parigi - leggi QUI l'articolo di presentazione - il Presidente Konstantin Grigorishin ed i suoi collaboratori hanno formalizzato il ritorno della International Swimming League, annunciando l’organizzazione della seconda...

Swim Stats | La storia dei 200 stile libero: Federica Pellegrini

Nel mondo del nuoto, sono pochissimi i binomi gara-atleta che si connettono automaticamente come i 200 stile libero e Federica Pellegrini. Negli ultimi 15 anni di competizioni, Fede ha vinto tutto quello che c’è da vincere, battuto record ed avversarie, rivoluzionato...

ISL2020 | l’International Swimming League ai blocchi di partenza

In un anno maledetto, che ci ha privato purtroppo ma giustamente, di tutto il meglio che c’era da aspettare acquaticamente parlando (Giochi, vi aspettiamo l’anno prossimo, niente scherzi) un lampo di speranza arriva dalla nuova lega del nuoto di Konstantin...

La risposta si troverebbe nei meandri della nostra mente; immergendoci in acqua, in particolare, il nostro cervello non percepirebbe il fatto che stiamo compiendo un’azione temporanea (per la sola durata dell’allenamento) ed attraverso una cascata di ormoni lancerebbe un segnale di richiesta per una maggiore quantità di grasso al fine di isolare il corpo dal freddo esterno.

In altre parole, secondo questa teoria, consumeremmo la stessa quantità di calorie rispetto ad una sessione di corsa o bici ma l’appetito sarebbe notevolmente maggiore perché superiore sarebbe la richiesta di “energia” per proteggere l’organismo dalla temperatura dell’acqua.

Si tratta soltanto di una teoria, ma che forse potrebbe spiegarci il perché desideriamo succulenti pasti post-training e bramiamo quantità industriali di cibo stroncando qualsiasi possibilità di metterci a dieta!

Non dimentichiamo che invitare a cena un nuotatore o una nuotatrice potrebbe risultare un’esperienza fantastica ma sicuramente anche una sciagura per il nostro portafoglio!