Esistono degli argomenti costanti nella vita di un nuotatore.

In particolare, prima o dopo il training chi di noi almeno una volta non ha proferito le parole: “ho fame!”?

Negli spogliatoi delle nuotatrici, poi, l’argomento è un vero e proprio spauracchio: nuotiamo, ci alleniamo e spesso i nostri miglioramenti fisici sono compensati da epiche abbuffate, ma riusciremo mai a dimagrire?

Si dice che un nuotatore olimpico consumi in media tra le 3.000 e le 10.000 calorie per giorno, una quantità enorme e praticamente impossibile da reimmettere nell’organismo attraverso la sola alimentazione e senza una specifica e mirata integrazione. Tralasciando gli allenamenti da professionista e considerando che il training per un atleta master si aggira in media intorno alle 600 calorie consumate, perché abbiamo sempre fame?

E perché i nuotatori tendono ad essere più “grassi” rispetto ad esempio ai runner o ai ciclisti, soprattutto se consideriamo il nuoto di fondo?

Non esistono molti studi a riguardo ed è pertanto difficile ottenere una risposta univoca ma una teoria potrebbe aiutarci ad eliminare questo dubbio amletico!

SwimStats | I numeri della International Swimming League 2020

Il nuoto è uno sport che, per sua stessa natura, si basa sui numeri, in particolare su quelli che appaiono sul cronometro. Dalle lunghe sedute di allenamenti quotidiani fino alla gara più importante della stagione, atleti e tecnici sono abituati a leggere ed...

Open 2020, in vasca a Riccione non solo per i titoli Assoluti

Sarà un Assoluto decisamente particolare quello che si disputerà da giovedì 17 dicembre fino a sabato 19 presso lo Stadio del Nuoto di Riccione. La formula, simile a quella adottata questa estate per il Trofeo Sette Colli nel pieno rispetto delle norme...

Nuotare senza la linea nera: intervista a Carlotta Gilli, Alessia Berra e Salvatore Urso

Siamo ancora tutti ammaliati dalle meraviglie dell’International Swimming League, quest’anno più che mai ancora di salvezza per noi appassionati di nuoto. Gare, duelli, tempi mozzafiato ci hanno fatto divertire e staccare per qualche ora la spina in questi giorni...

Campionati Australiani in corta: tempi da record dai dolphins

Regali di Natale in anticipo in arrivo dalla terra di canguri! In Australia si gareggia, con i 2020 Hancock Prospecting Australian Virtual Short Course ovvero i Campionati Nazionali in vasca corta, che si sono disputati virtualmente, con cinque sedi differenti -...

Cosa resta di questa ISL2020? 5 lati positivi per ricordarla

Si può dire tutto della International Swimming League 2020 tranne che ci abbia lasciato totalmente indifferenti. Grazie anche al fatto che la pandemia ci ha tolto qualsiasi alternativa, nel mondo del nuoto abbiamo di fatto parlato per due mesi solo di ISL, sia nel...

Un po’ di (punti) FINA nella ISL2020: la TOP10 della Finale di Budapest

Avete ancora gli occhi dilatati e il battito accelerato per le luci psichedeliche della finale ISL? Siete pronti a partire e virare come Dressel, non appena la vostra piscina riaprirà? Niente di meglio che un po' di punteggi FINA, per riabituarsi alla grigia...

La risposta si troverebbe nei meandri della nostra mente; immergendoci in acqua, in particolare, il nostro cervello non percepirebbe il fatto che stiamo compiendo un’azione temporanea (per la sola durata dell’allenamento) ed attraverso una cascata di ormoni lancerebbe un segnale di richiesta per una maggiore quantità di grasso al fine di isolare il corpo dal freddo esterno.

In altre parole, secondo questa teoria, consumeremmo la stessa quantità di calorie rispetto ad una sessione di corsa o bici ma l’appetito sarebbe notevolmente maggiore perché superiore sarebbe la richiesta di “energia” per proteggere l’organismo dalla temperatura dell’acqua.

Si tratta soltanto di una teoria, ma che forse potrebbe spiegarci il perché desideriamo succulenti pasti post-training e bramiamo quantità industriali di cibo stroncando qualsiasi possibilità di metterci a dieta!

Non dimentichiamo che invitare a cena un nuotatore o una nuotatrice potrebbe risultare un’esperienza fantastica ma sicuramente anche una sciagura per il nostro portafoglio!