Esistono degli argomenti costanti nella vita di un nuotatore.

In particolare, prima o dopo il training chi di noi almeno una volta non ha proferito le parole: “ho fame!”?

Negli spogliatoi delle nuotatrici, poi, l’argomento è un vero e proprio spauracchio: nuotiamo, ci alleniamo e spesso i nostri miglioramenti fisici sono compensati da epiche abbuffate, ma riusciremo mai a dimagrire?

Si dice che un nuotatore olimpico consumi in media tra le 3.000 e le 10.000 calorie per giorno, una quantità enorme e praticamente impossibile da reimmettere nell’organismo attraverso la sola alimentazione e senza una specifica e mirata integrazione. Tralasciando gli allenamenti da professionista e considerando che il training per un atleta master si aggira in media intorno alle 600 calorie consumate, perché abbiamo sempre fame?

E perché i nuotatori tendono ad essere più “grassi” rispetto ad esempio ai runner o ai ciclisti, soprattutto se consideriamo il nuoto di fondo?

Non esistono molti studi a riguardo ed è pertanto difficile ottenere una risposta univoca ma una teoria potrebbe aiutarci ad eliminare questo dubbio amletico!

Intervista a Luca Baldini Direttore delle piscine Albaro di Genova

Luca Baldini da sempre è stato abituato a grandi sfide. La sua carriera parla per lui ed oggi, insieme a tutto l’Italia che vuole tornare in vasca, è pronto ad affrontarne un’altra. Genova, piscine di Albaro. Qui il nuoto è ripreso e si è fatto un piccolo passo verso...

Le 10 gare più “alla Phelps” di Michael Phelps

In una recente intervista, Swimming World ha chiesto a Bob Bowman di classificare le 20 migliori gare del suo allievo prediletto, Michael Phelps. Va da sé che l’opinione della persona che sportivamente - ma anche umanamente - conosce Phelps meglio di chiunque altro è...

“Sono orgogliosa di chi sono” il messaggio di Rikako Ikee

Questa sono io Mostrando i suoi capelli corti per la prima volta al pubblico da quando le è stata diagnosticata la leucemia nel febbraio 2019, la 19enne nuotatrice giapponese Rikako Ikee ha parlato dal profondo del suo cuore durante un videomessaggio in collaborazione...

Super Olimpiadi 2020, strabiliante Milák nel day2. Primo oro USA

Negli ultimi 7 giorni, il mio telefono è diventato rovente. Forse non era chiaro dalla conferenza stampa inaugurale, che effettivamente era sembrata piuttosto vaga e fantasiosa, ma la prima giornata delle SuperOlimpiadi ha fugato ogni tipo di dubbio. Siamo entrati...

Il ritorno in vasca del Team MP Michael Phelps: Carini, Pizzini e Scalia

Il Team MP, composto da Luca Pizzini, Giacomo Carini e Silvia Scalia, torna ad allenarsi in piscina sempre supportato dal brand MP Michael Phelps Un ritorno graduale alle attività, grazie alle concessioni della fase 2, dove alcune piscine hanno potuto riaprire le...

Storie di Nuoto, Phelps vs Lochte: la Sfida Infinita

La carriera di un atleta viene solitamente valutata a seconda dei risultati sportivi ottenuti, delle medaglie conquistate e dei record battuti. Ma oltre ai puri numeri, i grandi atleti si ricordano anche per le grandi sfide, le lotte combattute con i loro avversari,...

La risposta si troverebbe nei meandri della nostra mente; immergendoci in acqua, in particolare, il nostro cervello non percepirebbe il fatto che stiamo compiendo un’azione temporanea (per la sola durata dell’allenamento) ed attraverso una cascata di ormoni lancerebbe un segnale di richiesta per una maggiore quantità di grasso al fine di isolare il corpo dal freddo esterno.

In altre parole, secondo questa teoria, consumeremmo la stessa quantità di calorie rispetto ad una sessione di corsa o bici ma l’appetito sarebbe notevolmente maggiore perché superiore sarebbe la richiesta di “energia” per proteggere l’organismo dalla temperatura dell’acqua.

Si tratta soltanto di una teoria, ma che forse potrebbe spiegarci il perché desideriamo succulenti pasti post-training e bramiamo quantità industriali di cibo stroncando qualsiasi possibilità di metterci a dieta!

Non dimentichiamo che invitare a cena un nuotatore o una nuotatrice potrebbe risultare un’esperienza fantastica ma sicuramente anche una sciagura per il nostro portafoglio!