Quanti di noi, in un momento difficile, si sono tuffati letteralmente in centinaia di corsi ed attività pur di non rimanere a casa a pensare ad una relazione finita male o ai propri dispiaceri?

C’è chi inizia a correre, chi si iscrive ai più esotici corsi di cucina, chi preferisce lanciarsi in sport estremi e chi, invece, inizia a nuotare.

Il nuoto ci fa stare bene, ci “scarica” ci riempie di energie positive: un vero toccasana!

Ma come e soprattutto perché questo sport riesce davvero ad aiutarci nei momenti difficili?

La prima ragione è che il nuoto, come tutti gli sport, agevola il rilascio di endorfine, sostanze chimiche prodotte nel cervello ed in grado di regalarci quella sensazione di benessere post allenamento che noi tutti nuotatori sicuramente conosciamo.

Tralasciando, però, le motivazioni fisiche, esistono anche altri elementi che rendono il nuoto così terapeutico.

“Sono orgogliosa di chi sono” il messaggio di Rikako Ikee

Questa sono io Mostrando i suoi capelli corti per la prima volta al pubblico da quando le è stata diagnosticata la leucemia nel febbraio 2019, la 19enne nuotatrice giapponese Rikako Ikee ha parlato dal profondo del suo cuore durante un videomessaggio in collaborazione...

Super Olimpiadi 2020, strabiliante Milák nel day2. Primo oro USA

Negli ultimi 7 giorni, il mio telefono è diventato rovente. Forse non era chiaro dalla conferenza stampa inaugurale, che effettivamente era sembrata piuttosto vaga e fantasiosa, ma la prima giornata delle SuperOlimpiadi ha fugato ogni tipo di dubbio. Siamo entrati...

Il ritorno in vasca del Team MP Michael Phelps: Carini, Pizzini e Scalia

Il Team MP, composto da Luca Pizzini, Giacomo Carini e Silvia Scalia, torna ad allenarsi in piscina sempre supportato dal brand MP Michael Phelps Un ritorno graduale alle attività, grazie alle concessioni della fase 2, dove alcune piscine hanno potuto riaprire le...

Storie di Nuoto, Phelps vs Lochte: la Sfida Infinita

La carriera di un atleta viene solitamente valutata a seconda dei risultati sportivi ottenuti, delle medaglie conquistate e dei record battuti. Ma oltre ai puri numeri, i grandi atleti si ricordano anche per le grandi sfide, le lotte combattute con i loro avversari,...

Super Olimpiadi 2020, subito una medaglia per gli azzurri nel day1

Come annunciato durante la Conferenza Stampa di ieri, il nuoto è stato rivoluzionato. Cercherò attraverso le parole di descrivervi al meglio quanto ho appena visto con i miei occhi ed ascoltato con le mie orecchie, ma so già che fallirò. Quindi prima di iniziare vi...

Cronache delle Super Olimpiadi 2020, la Conferenza Stampa

Da quasi ormai due mesi lo sport si è fermato in tutto il mondo, ogni evento cancellato. Il lockdown globale non ha fatto distinzioni, imponendo lo stop a qualsiasi competizione, dall’ultima delle gare di paese ai più importanti ed imponenti tornei mondiali. Solo in...

Nei momenti più tristi, quando trascinarci fuori da casa potrebbe essere un impresa anche per il più caro dei nostri amici, l’allenamento di nuoto (specialmente se in un gruppo) ci darà la possibilità  di dover rispettare un impegno; se la nostra voglia di uscire è pressoché nulla, non rinunceremo certamente ad allenarci con la nostra squadra o con i compagni di allenamento.

Il nuoto ci aiuta inoltre a porci degli obiettivi reali e concreti. Migliorare il crono della nostra gara, superare i propri limiti, diventerà una vera e propria metafora per la nostra vita ed allo stesso modo in cui otterremo i risultati delle nostre competizioni aumenteremo la nostra autostima dimostrando a noi stessi che ce la possiamo fare.

Anche il nostro coach, infine, potrà aiutarci concretamente. Le tecniche attraverso cui, nel nuoto, l’allenatore quotidianamente ci motiva e ci asseconda, potranno risultare infatti molto utili per non smettere di focalizzare il nostro obiettivo: quello di stare meglio migliorandoci, allo stesso tempo, nel nostro sport.

Se stiamo quindi affrontando un momento difficile, doloroso, da cui ci sembra di non poter uscire con le nostre sole forze perché non ripartire da noi e dal nuoto?

Foto: Fabio Cetti | Corsia4