Ricordate la serie televisiva “Lie To Me” dove l’attore Tim Roth nei panni di Cal Lightman tentava di smascherare i bugiardi?

Molte volte mi sono chiesta cosa avrebbe detto analizzando noi atleti.

Noi nuotatori mentiamo in continuazione…

Lo facciamo con i nostri compagni di squadra definendoci più o meno forti, lo facciamo con noi stessi quando decidiamo di saltare una serie nell’allenamento o quando ignoriamo gli ultimi 100 sciolti di defaticamento e lo facciamo con il coach quando, distratto o intento a parlare, non si accorge che abbiamo evitato qualche passaggio nel training.

L’allenatore è, probabilmente, la persona a cui abbiamo mentito più volte nel corso della nostra vita.

Super Olimpiadi 2020, dominio Peaty. Sjöström porta la Svezia in vetta nel day3

Alla vigilia della terza giornata, ci sono ancora molti chiaroscuri che aleggiano sulle Superolimpiadi. Se oramai abbiamo capito che si tratta di una sfida tra i migliori interpreti all-time di ogni specialità, meno semplice è afferrarne la natura reale e lo scopo. La...

Intervista a Luca Baldini Direttore delle piscine Albaro di Genova

Luca Baldini da sempre è stato abituato a grandi sfide. La sua carriera parla per lui ed oggi, insieme a tutto l’Italia che vuole tornare in vasca, è pronto ad affrontarne un’altra. Genova, piscine di Albaro. Qui il nuoto è ripreso e si è fatto un piccolo passo verso...

Le 10 gare più “alla Phelps” di Michael Phelps

In una recente intervista, Swimming World ha chiesto a Bob Bowman di classificare le 20 migliori gare del suo allievo prediletto, Michael Phelps. Va da sé che l’opinione della persona che sportivamente - ma anche umanamente - conosce Phelps meglio di chiunque altro è...

“Sono orgogliosa di chi sono” il messaggio di Rikako Ikee

Questa sono io Mostrando i suoi capelli corti per la prima volta al pubblico da quando le è stata diagnosticata la leucemia nel febbraio 2019, la 19enne nuotatrice giapponese Rikako Ikee ha parlato dal profondo del suo cuore durante un videomessaggio in collaborazione...

Super Olimpiadi 2020, strabiliante Milák nel day2. Primo oro USA

Negli ultimi 7 giorni, il mio telefono è diventato rovente. Forse non era chiaro dalla conferenza stampa inaugurale, che effettivamente era sembrata piuttosto vaga e fantasiosa, ma la prima giornata delle SuperOlimpiadi ha fugato ogni tipo di dubbio. Siamo entrati...

Il ritorno in vasca del Team MP Michael Phelps: Carini, Pizzini e Scalia

Il Team MP, composto da Luca Pizzini, Giacomo Carini e Silvia Scalia, torna ad allenarsi in piscina sempre supportato dal brand MP Michael Phelps Un ritorno graduale alle attività, grazie alle concessioni della fase 2, dove alcune piscine hanno potuto riaprire le...

Da bambini, al corso di nuoto, ci aiutavamo con le corsie per procedere più velocemente nella vasca e nello stesso modo in cui raccontavamo bugie al professore a scuola perché non avevamo finito i compiti, ora fingiamo di aver lasciato involontariamente gli attrezzi a bordo vasca per poter evitare una serie con pull buoy e palette ed assentarci qualche istante dall’allenamento con la squadra se troppo faticoso.

Ci sono volte in cui poi simuliamo crampi per dondolarci qualche istante sulla corsia, rilassando in realtà i nostri muscoli o giorni dove i 400 metri con la tavoletta diventano l’abile ed utile trucchetto per chiacchierare con il vicino di vasca o la compagna di squadra con cui da un po’ di tempo non ci confrontavamo sui gossip più freschi.

E in quante occasioni abbiamo chiesto al coach di poter andare al bagno per arrivare prima alla fine del training?

Probabilmente tante quante, approfittando di qualche dubbio sulla nostra tecnica, ci siamo mostrati più loquaci ed interessati del solito con l’allenatore pur di “perdere” ancora un po’ di tempo.

Noi nuotatori mentiamo in continuazione e crediamo che il coach sia vittima perfetta ed inconsapevole della nostra pigrizia…

Ma se invece anche lui conoscesse i nostri trucchetti?

Foto copertina: K. Robertson/Getty | Business Insider