A cosa pensate se pronuncio la parola “bagnino”?

Essendo nata negli anni ottanta e cresciuta nei fantastici ‘90 la prima immagine che sovviene alla mia mente è quella del mitico Mitch Buchannon. Efficiente, presente e sempre pronto al salvataggio sia che si trattasse di recuperare nuotatori poco esperti dalle acque torbide che di strappare sub dalle fameliche grinfie di squali bianchi. Affiancato dalla bellissima e formosissima Pamela Anderson, Mitch ha creato un vero e proprio stereotipo, quello del bagnino dal costume rosso e torpedo (ebbene si, così si chiama!) sempre tra le mani in attesa della prossima avventura.

Premesso questo, potete immaginare quanto le nostre aspettative possano essere tradite quando in piscina compare il più tipico bagnino di salvataggio dalla postura pigra e il fisico rilassato.

Pensiamo al bagnino come una “presenza” invisibile, sempre apparentemente immobile, ad osservare tutto (ma proprio tutto) quello che accade in piscina. Ciò che non consideriamo è la vita che scorre ogni giorno davanti ai suoi occhi.

Se ci fermiamo ad osservarlo più attentamente noteremo come proprio davanti a lui si snodino i più particolari eventi della vita a bordo vasca.

La stagione agonistica dei Master al tempo del coronavirus

  Ci eravamo lasciati a inizio estate, con il superamento del lockdown e le piscine che coraggiosamente riaprivano i battenti, consentendo alla nostra più o meno attempata comunità di irriducibili delle corsie di riprendere confidenza con l’elemento liquido e con...

Swimtheisland, la decima edizione nelle acque dell’Isola di Bergeggi

Dieci anni di nuoto in acque libere, caratterizzati dal perfetto sodalizio tra passione sportiva, tutela dell’ambiente marino e valorizzazione di un territorio unico nel suo genere. Una storia che sabato 3 e domenica 4 ottobre sarà nuovamente celebrata nel Golfo...

Grand Prix Sicilia Open Water 2020: un movimento in crescita!

La quinta edizione del Grand Prix Sicilia Open Water è giunta al termine! Una frase di per sé normale se non fosse che pronunciata nel 2020 assume un significato del tutto eccezionale. È passata poco più di una settimana dallo svolgimento della finale del Circuito...

Andrea Oriana e Sabrina Peron gli assi azzurri della Manica

Da oltre 100 anni è considerata l’Everest dei nuotatori: stiamo parlando dello Stretto della Manica, una delle imprese più ardue del mondo delle acque libere. E se i 35 chilometri da affrontare possono sembrare semplici rispetto ad altre imprese in giro per il mondo,...

Sydney2000 Special, la 4×100 stile e il Rock ‘n’ Roll Australiano

Meno di un mese prima dell’inizio delle Olimpiadi di Sydney, la nazionale australiana di nuoto si trova in collegiale a Melbourne. Ci sono tutti, da Michael Klim a Grant Hackett, da Ian Thorpe a Kieren Perkins. È una nazionale piena di stelle che si sta preparando per...

Training Lab, Errori biomeccanici nello stile libero come causa di infortunio nei nuotatori

In uno sport ciclico come il nuoto, l’elevata ripetitività di alcuni gesti tecnici pone inevitabilmente i nuotatori ad affrontare l’argomento infortuni. Proprio per evitare di fasciarsi la testa con assunzioni approssimative e non veritiere occorre analizzare meglio...

Eccolo infatti seduto ad ascoltare in sordina le chiacchiere di due giovani ragazzi che flirtano prima di entrare in vasca, i gossip tra compagni di allenamento invidiosi o gli aggiornamenti dei visitatori più anziani sui propri acciacchi.

Quando poi del bagnino c’è davvero bisogno, eccolo mostrare tutta la propria affidabilità. Pronto, veloce, con i nervi saldi anche nelle situazioni più pericolose: perchè in piscina anche la più piccola distrazione si può rivelare fatale o tragica.

Il bagnino è in grado di essere al posto giusto al momento giusto, ma sempre con l’adeguata discrezione.

Non ce ne rendiamo conto, perchè siamo impegnati nei nostri allenamenti e con la testa sulle tabelle, ma settimanalmente vengono effettuate piccole e importanti azioni. E così, ad esempio, vedere soltanto l’esito di un salvataggio: un ragazzo che viene tirato fuori dall’acqua per un malore, non ci fa arrivare al pensiero che se il soccorso non fosse arrivato in tempo, probabilmente gli sarebbe accaduto qualcosa di grave.

Forse la prossima volta che noteremo i bagnini della nostra piscina penseremo a tutto questo e faremo più attenzione a salutarli perchè anche se noi non abbiamo fatto troppo caso a loro, loro invece sanno tutto di noi!

Foto: Fabio Cetti | Corsia4