Select Page

Apnea sportiva, il progetto dei Nuotatori del Carroccio

Apnea sportiva, il progetto dei Nuotatori del Carroccio

Sappiamo ormai come i grandi campioni del nuoto abbiano inserito nella loro programmazione delle sedute specifiche di allenamento dedicate all’apnea sia in acqua che a secco.

La cura dei dettagli e dei particolari è importante non solo per gli atleti di alto livello, sempre più squadre anche nel settore Master stanno quindi volgendo lo sguardo a questo importante aspetto.

Diamo voce all’esperienza del progetto apnea di Nuotatori del Carroccio di Legnano.

È giunta al termine la prima stagione del progetto apnea di Nuotatori del Carroccio di Legnano: un anno sperimentale, ricco di scoperte, sia per i veterani della squadra di nuoto che hanno deciso di approcciarsi all’acqua in maniera differente, sia per coloro che si sono avvicinati alla disciplina da esterni, proveniendo da altre discipline.

Gli allenamenti, a cadenza bisettimanale, si sono sviluppati lungo tre direttrici complementari: quella del nuoto, dell’apnea dinamica e dell’apnea statica.

Il nuoto costituisce la base per approcciare in sicurezza questa disciplina, ma anche una parte dell’allenamento durante tutto l’arco della stagione, sia in sessioni specificatamente dedicate che come riscaldamento per gli allenamenti di apnea dinamica, che è stata la principale attività della squadra di apnea in questo primo anno.

Percorrere la vasca sotto la superficie dell’acqua ha comportato una serie di adattamenti all’attrezzatura ed alla particolare richiesta di gestire la “fame d’aria”, che sono stati i primi ostacoli che i nostri atleti hanno dovuto superare.

Questo è stato il primo passaggio per sperimentare che l’apnea è prima di tutto uno sport “di testa”, per qualsiasi età.

L’apnea è un’esperienza utile per far emergere gli schemi di comportamento sotto stress. Trattenere il fiato scatena un’emotività simile a quella che possiamo vivere nella vita privata, anche sul lavoro o in ambito scolastico. La pratica dell’apnea dà l’opportunità di far emergere queste reazioni aiutandoci a gestirle ed acquisire delle capacità emotive e di concentrazione che potranno rivelarsi molto utili anche al di fuori dell’acqua.

Campionati Australiani e Kitajima Cup, primi squilli da oltreoceano

Arrivano dall'Australia e dal Giappone altri risultati importanti in chiave olimpica, dopo l'esordio in vasca lunga di America con la TYR Pro Swim e dell'Europa con il 22° Euro Meet di Lussemburgo. Ai South Australian Championships di Oakland Park in evidenza il...

22° Euro Meet | Italia protagonista nella 1ª tappa della LEN Cup

Prende forma il lungo viaggio che con l’anno nuovo ci porterà dritti verso il sogno olimpico, direzione Tokyo 2020. Un percorso che parte da lontano, con la settimana appena trascorsa che ha dato il via alle prime gare internazionali di un certo spessore di questo...

SwimStats Tokyo2020 Special | 100 Stile Libero

Inauguriamo con questo articolo un'edizione speciale per la nostra rubrica statistica che ci accompagnerà fino ai prossimi Giochi Olimpici. SwimStats Tokyo2020 Special ci racconterà la storia di ognuna delle gare olimpiche del nuoto, partendo dagli albori fino ai...

22° Euro Meet | LEN Swimming Cup #1: 12 azzurri e tanta Energy Standard

La stagione in vasca lunga è già iniziata oltreoceano con la seconda tappa della TYR Pro Swim Series a Knoxville, è il turno dell'Europa con il 22° Euro Meet di Lussemburgo che si disputerà dal 24 al 26 gennaio 2020 presso l’Aquatic Center D’Coque. La manifestazione...

TYR ProSS2020 #2 Knoxville | Brilla Regan Smith, il ritorno di Allison Schmitt

Il 2020 del nuoto nordamericano è partito con la seconda tappa delle TYR Pro Swim Series, che si è svolta tra il 16 ed il 19 dicembre a Knoxville, Tennessee, all’Allan Jones Intercollegiate Aquatic Center. TYR Pro Swim Series del 2020, che ha debuttato a Greensboro lo...

Champions Swim Series 2020, a Pechino Daiya Seto superstar

È giunta alla conclusione la seconda edizione della Champions Swim Series, per questo 2020 ridotta come numero di tappe - due al posto delle tre del 2019 - e localizzata, entrambi gli appuntamenti si sono svolti in Cina. A Pechino tornano in vasca molti dei...

L’indicazione del team tecnico è sempre quella di concentrarsi sul momento specifico e acquisire reale consapevolezza di quello che si sta facendo.

Sia che l’esercizio consistesse in una serie di ripetute da 50 metri in apnea con le pinne, sia che fosse il tentativo di un massimale in apnea statica o la discesa in verticale lungo il cavo, la richiesta era comunque quella di focalizzarsi sull’esercizio in essere, escludendo il resto.

L’esperienza della discesa in verticale lungo il cavo è stata effettuata nello splendido contesto del lago di Monate: questa attività è da considerarsi il banco di prova delle competenze acquisite durante l’anno in vasca coperta.

Infatti, se durante le due gare disputate durante la stagione veniva richiesto agli atleti di riprodurre esattamente quanto provato durante gli allenamenti, in acque libere è stato testato quanto realmente interiorizzato: dalla capovolta, utilizzata per immergersi infinite volte in piscina (ma senza sperimentare la profondità), al sistema dei segnali di coppia, per assicurarsi che il compagno al proprio fianco stia bene e si stia godendo l’esperienza.

L’allenamento invernale ha permesso agli apneisti di adattarsi al contesto lacustre (buio e privo della T blu di riferimento che percorre il fondale della vasca in piscina), nonché alla nuova attrezzatura: l’atollo (struttura alla quale è assicurato il cavo cui agganciarsi per scendere verso il fondo del lago) ed i pesi da indossare per agevolare la discesa verso il fondale.

Essere preparati ed accompagnati dal team tecnico ha consentito agli atleti NDC di godere in sicurezza dell’ambiente naturale, così diverso dalla piscina: gli inaspettati giochi di luce sotto la superficie del lago, le correnti e i repentini cambi di temperatura che si trovano pinnando a diverse profondità, i pesci e la vegetazione.

…sai cosa bisogna fare per vivere nel mondo delle sirene?

Devi scendere in fondo al mare, molto lontano, così lontano che il blu non esiste più, laddove il cielo non è che un ricordo.

Jacques Mayol

Arrivederci alla prossima stagione,

i Nuotatori del Carroccio, team Apnea.

Foto: Fabio Cetti | Corsia4

About The Author

Elsa Nerozzi

Farmacista, ex agonista di atletica leggera, nuotatrice master da ormai 12 anni, istruttrice FIN e grande appassionata di nuoto. Considero la mia squadra come una seconda famiglia!

Ultimi Tweet

?>