Cercare nella foresta dei ricordi i momenti più belli da raccontare a te stesso e agli altri non è semplice, anzi, potrebbe succedere di dover fare i conti con i tuoi stessi principi morali ed etici.

Sulle Onde Della Vita è il libro scritto da Gianni Zaottini, nato a Roma nel 1943. Nuotatore da sempre, pallanuotista, pittore, menestrello, estimatore dell’arte e delle belle donne e scrittore per caso.

Gianni oggi è tesserato come Masters per il Flaminio Sporting Club, nella prefazione l’amico Nino Fazio lo descrive così.

Tra la fine degli anni ’50 e la prima metà degli anni ’60, potevate trovare Gianni sul podio nazionale dei 1500 metri, nella Nazionale, nelle acque dello stretto o tra i ragazzi poi scomparsi a Brema, ma anche sui set di Cinecittà vestito da antico romano a fare il “cascatore” per le scene in cui c’era di mezzo l’acqua.

Talento sportivo da agonista e da master, personalità spumeggiante e profonda al tempo stesso…

Lasciamo parlare la quarta di copertina:

Storie d’amore e di eroi, fatti e parole usciti dalla mente e dettati dal cuore.

Nel viaggio attraverso le tappe più significative della mia vita, ho rivissuto sensazioni prima dimenticate raccontando i ricordi più interessanti delle mia esistenza, attraverso un fil rouge molto personale, che è l’acqua.

Qualcuno leggendo questo libro potrà pensare che ci sia un po’ di tutto e un po’ di niente, che questa è una storia triste, una storia che ha come co-protagonisti persone che non ci sono più.

Proprio per questo voglio ricordare gli amici perduti, anche e sopratutto nel loro rispetto.

Oriana Fallaci diceva: “Ricordare chi non c’è più è come allungargli al vita”.

Ed è quello che ho provato a fare: allungare la loro vita e ricordare la mia.

Reale Circolo Canottieri Tevere Remo, una nuova realtà del nuoto

A Roma ci sono stato, più di una volta, ma solo per le gare di nuoto, prima di tutto un ripassino di geografia. Il Reale Circolo Canottieri Tevere Remo si trova al centro dell'Acqua Acetosa, lontano appena due curve del Tevere dal Foro Italico. In realtà ha anche una...

I nuotatori, possono fare solo nuoto?

Nel 1968, il medico della NASA Kennet H. Cooper mise nero su bianco, in un libro chiamato Aerobics, i risultati dei suoi studi sui benefici dell’allenamento aerobico sull’essere umano. Il testo divenne presto un must per gli allenatori di tutto il mondo, ma il lavoro...

Assoluti Invernali FINP, a Lignano record mondiale per Barlaam, doppio europeo per Fantin

Archiviata anche la 14ª edizione dei Campionati Italiani Assoluti Invernali ospitati dalla piscina Bella Italia & EFA di Lignano Sabbiadoro, evento riconosciuto dal World Para Swimming che ha visto scendere in acqua un centinaio di atleti in rappresentanza di 38...

ItalNuoto e Olimpiadi | Luca Sacchi e la tradizione italiana dei misti

1992, Barcellona, Giochi della XXV Olimpiade estiva, come già accaduto nel 1988, per salvare la spedizione dobbiamo aspettare la finale dei 400 misti. Alla sua seconda apparizione tra gli otto più forti del mondo, il 24enne Luca Sacchi reduce da un biennio ad...

Assoluti 2021 confermati a Riccione dal 31 marzo al 3 aprile. Il 29 marzo fondo indoor

Il Campionato Assoluto primaverile di nuoto si svolgerà dal 31 marzo al 3 aprile allo Stadio del Nuoto di Riccione con la formula delle batterie e delle finali, eccetto che per gli 800 e 1500 stile libero che si disputeranno a serie. Il Campionato Italiano indoor di...

Raduni Nazionale: continua il lavoro a Cervinia e Roma. Il Salvamento riparte da Milano

Gli azzurri di interesse nazionale continuano la loro preparazione stagionale con diversi raduni. A Roma il Centro di preparazione olimpica Giulio Onesti vede alternarsi diversi gruppi - qui i precedenti convocati - sono al lavoro da domenica una selezione di...

Lo scopo iniziale era quello di creare un album da lasciare come ricordo a figli e nipoti, per questo il libro contiene anche molte immagini, alcune “forti” e altre riportate dal web (fonte Flicker e Ansa).

La dedica è infatti è per gli affetti famigliari:

Alle mie figlie, Marzia e Tiziana che sono il passato, il presente e il futuro.

E ai mie nipotini che spero condivideranno questa testimonianza.

A mia moglie:
“Più dolce sarebbe la morte se il mio sguardo avesse come ultimo orizzonte il tuo volto,
e se così fosse… mille volte correi nascere per mille volte ancor morire”
William Shakespeare

Vi regaliamo la prima parte dell’introduzione:

In un mondo rumoroso, in cui ignoranza e opportunismo irrompono nella nostra vita, è senza dubbio una follia voler scrivere un libro. Per questo, prima di iniziare a raccontare la mia storia ho sentito il bisogno di rivisitare i luoghi della mia infanzia: le piazze, le strade, le fontane, e ogni singolo angolo nascosto. Fare in modo di ritrovare le dimenticate sensazioni diq uei tempi lontani.

Lo so di storie simili ne è pieno il mondo… la mia è stata complessa e drammatica, tanto che io stesso, a volte, vorrei dimenticare.

Di certo, a causa dia lcuni frammenti di ricordi confusi o eventi particolari, potrà sembrare inventata. Vi assicuro che non è così e credo che oggi sia arrivato il girono di raccontarla. E magari, scrivere anche la parola “fine”.

Foto: copertina libro