Cercare nella foresta dei ricordi i momenti più belli da raccontare a te stesso e agli altri non è semplice, anzi, potrebbe succedere di dover fare i conti con i tuoi stessi principi morali ed etici.

Sulle Onde Della Vita è il libro scritto da Gianni Zaottini, nato a Roma nel 1943. Nuotatore da sempre, pallanuotista, pittore, menestrello, estimatore dell’arte e delle belle donne e scrittore per caso.

Gianni oggi è tesserato come Masters per il Flaminio Sporting Club, nella prefazione l’amico Nino Fazio lo descrive così.

Tra la fine degli anni ’50 e la prima metà degli anni ’60, potevate trovare Gianni sul podio nazionale dei 1500 metri, nella Nazionale, nelle acque dello stretto o tra i ragazzi poi scomparsi a Brema, ma anche sui set di Cinecittà vestito da antico romano a fare il “cascatore” per le scene in cui c’era di mezzo l’acqua.

Talento sportivo da agonista e da master, personalità spumeggiante e profonda al tempo stesso…

Lasciamo parlare la quarta di copertina:

Storie d’amore e di eroi, fatti e parole usciti dalla mente e dettati dal cuore.

Nel viaggio attraverso le tappe più significative della mia vita, ho rivissuto sensazioni prima dimenticate raccontando i ricordi più interessanti delle mia esistenza, attraverso un fil rouge molto personale, che è l’acqua.

Qualcuno leggendo questo libro potrà pensare che ci sia un po’ di tutto e un po’ di niente, che questa è una storia triste, una storia che ha come co-protagonisti persone che non ci sono più.

Proprio per questo voglio ricordare gli amici perduti, anche e sopratutto nel loro rispetto.

Oriana Fallaci diceva: “Ricordare chi non c’è più è come allungargli al vita”.

Ed è quello che ho provato a fare: allungare la loro vita e ricordare la mia.

Sydney2000 Special, la 4×100 stile e il Rock ‘n’ Roll Australiano

Meno di un mese prima dell’inizio delle Olimpiadi di Sydney, la nazionale australiana di nuoto si trova in collegiale a Melbourne. Ci sono tutti, da Michael Klim a Grant Hackett, da Ian Thorpe a Kieren Perkins. È una nazionale piena di stelle che si sta preparando per...

Training Lab, Errori biomeccanici nello stile libero come causa di infortunio nei nuotatori

In uno sport ciclico come il nuoto, l’elevata ripetitività di alcuni gesti tecnici pone inevitabilmente i nuotatori ad affrontare l’argomento infortuni. Proprio per evitare di fasciarsi la testa con assunzioni approssimative e non veritiere occorre analizzare meglio...

ISL2020 | Scopriamo i team della seconda edizione

Tramite una videoconferenza stampa in diretta da Parigi - leggi QUI l'articolo di presentazione - il Presidente Konstantin Grigorishin ed i suoi collaboratori hanno formalizzato il ritorno della International Swimming League, annunciando l’organizzazione della seconda...

Swim Stats | La storia dei 200 stile libero: Federica Pellegrini

Nel mondo del nuoto, sono pochissimi i binomi gara-atleta che si connettono automaticamente come i 200 stile libero e Federica Pellegrini. Negli ultimi 15 anni di competizioni, Fede ha vinto tutto quello che c’è da vincere, battuto record ed avversarie, rivoluzionato...

ISL2020 | l’International Swimming League ai blocchi di partenza

In un anno maledetto, che ci ha privato purtroppo ma giustamente, di tutto il meglio che c’era da aspettare acquaticamente parlando (Giochi, vi aspettiamo l’anno prossimo, niente scherzi) un lampo di speranza arriva dalla nuova lega del nuoto di Konstantin...

L’Appello dei ragazzi della piscina Marimisti di Brindisi: “vogliamo nuotare!”

Settembre è iniziato, tante sono le realtà sportive che volenti o nolenti si trovano a fare i conti con un panorama decisamente cambiato, principalmente a causa della pandemia, che ha rotto molti equilibri, in alcuni casi già putroppo precari. Oggi diamo spazio a una...

Lo scopo iniziale era quello di creare un album da lasciare come ricordo a figli e nipoti, per questo il libro contiene anche molte immagini, alcune “forti” e altre riportate dal web (fonte Flicker e Ansa).

La dedica è infatti è per gli affetti famigliari:

Alle mie figlie, Marzia e Tiziana che sono il passato, il presente e il futuro.

E ai mie nipotini che spero condivideranno questa testimonianza.

A mia moglie:
“Più dolce sarebbe la morte se il mio sguardo avesse come ultimo orizzonte il tuo volto,
e se così fosse… mille volte correi nascere per mille volte ancor morire”
William Shakespeare

Vi regaliamo la prima parte dell’introduzione:

In un mondo rumoroso, in cui ignoranza e opportunismo irrompono nella nostra vita, è senza dubbio una follia voler scrivere un libro. Per questo, prima di iniziare a raccontare la mia storia ho sentito il bisogno di rivisitare i luoghi della mia infanzia: le piazze, le strade, le fontane, e ogni singolo angolo nascosto. Fare in modo di ritrovare le dimenticate sensazioni diq uei tempi lontani.

Lo so di storie simili ne è pieno il mondo… la mia è stata complessa e drammatica, tanto che io stesso, a volte, vorrei dimenticare.

Di certo, a causa dia lcuni frammenti di ricordi confusi o eventi particolari, potrà sembrare inventata. Vi assicuro che non è così e credo che oggi sia arrivato il girono di raccontarla. E magari, scrivere anche la parola “fine”.

Foto: copertina libro