I primi al mondo ad infrangere il muro del minuto nei 100 stile libero furono la nuotatrice australiana Dawn Fraser e il nuotatore statunitense Johnny Weissmuller.

Con “qualche” anno di ritardo anche l’Italia potè scrivere i suoi sub-60″ nell’albo dei primati grazie a Cinzia Savi Scarponi e all’indimenticato Carlo Pedersoli alias Bud Spencer.

Per la prima volta in assoluto il giro completo della lancetta dei secondi non venne completato il 9 luglio del 1922.

In quel giorno ad Alameda in California  Johnny Weissmuller sbalordì cronometristi e presenti chiudendo i 100 stile in  58″6 e battendo il precedente 1’00″4 nuotato dall’hawaiano Duke Kahanamoku ai Giochi di Anversa 1920.

Anni dopo toccò alle donne. Era il 27 ottobre del 1962 quando Dawn Fraser bloccò il cronometro a 59″9 agli Australian British Empire & Commonwealth Games Trials di Melbourne.

I due nuotatori da guiness dei primati ebbero destini molto diversi.

Dawn Fraser pagò la sua esuberanza con un squalifica di 10 anni che pose fine alla carriera agonistica. Le cronache raccontano di aspre critiche e risse con nuotatori e tecnici connazionali e riportano un episodio bizzarro: alla Olimpiade di Tokyo 1964 venne sorpresa dalla Polizia a rubare la bandiera Olimpica davanti al Palazzo Imperiale.

Jonny Weissmuller dopo aver conquistato 5 ori olimpici, numerosi titoli nazionali e aver segnato altrettanti record mondiali si ritirò dall’ attività agonistica per dedicarsi  al cinema nel ruolo di Tarzan.

La fase 2 dei Nuotatori: ricominciamo

Dodici settimane: tanto è durata l’impossibilità di entrare in vasca. La sera del 9 marzo ho preso la sacca del nuoto e sono partita alla volta della piscina, appena prima dell’inizio della storica diretta televisiva che ha dichiarato il lockdown; sono andata all’...

Super Olimpiadi 2020, dominio Peaty. Sjöström porta la Svezia in vetta nel day3

Alla vigilia della terza giornata, ci sono ancora molti chiaroscuri che aleggiano sulle Superolimpiadi. Se oramai abbiamo capito che si tratta di una sfida tra i migliori interpreti all-time di ogni specialità, meno semplice è afferrarne la natura reale e lo scopo. La...

Intervista a Luca Baldini Direttore delle piscine Albaro di Genova

Luca Baldini da sempre è stato abituato a grandi sfide. La sua carriera parla per lui ed oggi, insieme a tutto l’Italia che vuole tornare in vasca, è pronto ad affrontarne un’altra. Genova, piscine di Albaro. Qui il nuoto è ripreso e si è fatto un piccolo passo verso...

Le 10 gare più “alla Phelps” di Michael Phelps

In una recente intervista, Swimming World ha chiesto a Bob Bowman di classificare le 20 migliori gare del suo allievo prediletto, Michael Phelps. Va da sé che l’opinione della persona che sportivamente - ma anche umanamente - conosce Phelps meglio di chiunque altro è...

“Sono orgogliosa di chi sono” il messaggio di Rikako Ikee

Questa sono io Mostrando i suoi capelli corti per la prima volta al pubblico da quando le è stata diagnosticata la leucemia nel febbraio 2019, la 19enne nuotatrice giapponese Rikako Ikee ha parlato dal profondo del suo cuore durante un videomessaggio in collaborazione...

Super Olimpiadi 2020, strabiliante Milák nel day2. Primo oro USA

Negli ultimi 7 giorni, il mio telefono è diventato rovente. Forse non era chiaro dalla conferenza stampa inaugurale, che effettivamente era sembrata piuttosto vaga e fantasiosa, ma la prima giornata delle SuperOlimpiadi ha fugato ogni tipo di dubbio. Siamo entrati...

Il nuoto azzurro deve attendere il 1950: il 19 settembre a Salsomaggiore Carlo Pedersoli chiude la gara regina con il crono di 59″5 [in vasca corta NdR] battendo il precedente minuto netto ottenuto da Celio Brunelleschi a Firenze il 30 aprile 1948.

Galeotto il mese di settembre, in campo femminile occorre però aspettare il 1977 quando una quasi 14enne Cinzia Savi Scarponi in occasione dei Campionati Italiani estivi a Chiavari nuota prima in batteria il nuovo primato in 1’00″47 e poi in finale chiude in 59″97.

Il palmarès di Carlo Pedersoli vede la partecipazione a tre Giochi OlimpiciHelsinki ’52, Melbourne ’56 e Roma ’60.
Due le medaglie internazionali arrivate ai Giochi del Mediterraneo che si disputarono ad Alessandria d’Egitto nel 1951, doppio argento nei 100 stile libero e nella staffetta 3x100 mista.

Tutto il mondo lo conoscerà poi come Bud Spencer, il nome d’arte scelto come una combinazione tra la sua birra preferita “Budweiser” e un attore che ama molto, Spencer Tracy. I suoi western all’italiana insieme a Terence Hill fanno impazzire il pubblico e danno il via a una carriera cinematografica di successo.

Cinzia Savi Scarponi ha stabilito primati italiani in varie specialità 100 e 200 stile libero, 100 e 200 farfalla, oltre a 200 e 400 misti. In particolare il primato dei 100 farfalla è resistito 14 anni e quello dei 200 misti è durato dal 1983 al 2000. Partecipò alle Olimpiadi di Mosca ’80 e si ritirò prima dei Giochi di Los Angeles 1984. I successi della sua carriera internazionale furono molto limitati dal dominio nel nuoto della Germania dell’est.

Foto: Olycom