Select Page

17° Meeting del Titano, giovani alla riscossa: Pilato da record nei 50 rana

17° Meeting del Titano, giovani alla riscossa: Pilato da record nei 50 rana

All’ombra delle tre torri che capeggiano sul monte Titano, si è svolta la 17ª edizione dell’omonimo meeting, prima tappa del 6° Gran Prix d’Inverno che fa combinata insieme al prossimo 9° Trofeo Città di Milano.

San Marino, o meglio la adiacente Serravalle, ha ospitato in questo week end diverse giovani stelle del nuoto azzurro oltre a una delegazione in arrivo direttamente dalla Spagna tra cui l’olimpionica Mireia Belmonte Garcia, al rientro alle gare dopo una lunga pausa.

È senz’altro la spagnola la grande attesa, ma le nostre azzurre non portano il “rispetto” che si deve alla campionessa olimpica dei 200 farfalla di Rio facendole capire in malo modo che il nuoto non si ferma mai.

La Belmonte è lontana anni luce dalla forma migliore ma comunque non si tira indietro e gareggia nelle sue gare preferite: nei 400 stile prende la paga dalla fondista azzurra Giulia Salin, prima in 4’12″99. Discorso simile negli 800, dove la mano davanti la mette l’austriaca Madeleine Gough e il podio lo completano la Salin (8’37″32) e Martina Caramignoli (8’38″27) lasciando la spagnola alla medaglia di legno. Non cambia la solfa nei 200 farfalla, vinti da Ilaria Bianchi in 2’15″03.

Se la Belmonte non è ancora al top, anche il resto della compagine non fa registrare tempi da favola, come il periodo pre-Assoluti giustamente impone. Ilaria Bianchi vince anche 50 e 100 farfalla, rispettivamente in 27″28 e 59″72 davanti a Costanza Cocconcelli nella vasca secca e a Giulia D’Innocenzo nel 100.

Le due classe 2002 sono protagoniste poi del 100 dorso, vinto dalla Cocconcelli in 1’02″29, otto centesimi meglio dell’atleta del Centro Sportivo Carabinieri, mentre la new generation domina anche nei 200 vinti da Martina Cenci (2002) in 2’14″19 e nei 50, con la 2004 Erika Gaetani oro in 29″42.

La miglior prestazione femminile la porta a casa però la spagnola e bronzo mondiale a Kazan 2015 Jessica Vall Montero nei 200 rana, vinti in 2’25″70, ma anche nei 100 non scherza imponendosi nettamente in 1’07″56.

Solo nei 50 si deve arrendere, questa volta alla giovane classe 2005 Benedetta Pilato, oro in 31″02 che stabilisce il record italiano juniores e ragazze. La 14enne di Taranto – tesserata per Fimco Sport ed allenata da Vito D’Onghia – abbassa il precedente primato gommato di 31″22 nuotato da Ilaria Scarcella nel 2009 balzando al 3° posto tra le performer italiane dietro solo alle reginette Castiglioni e Carraro.

E la velocità? Nulla di clamoroso ma fa piacere rivedere Giada Galizi in discreta forma, grazie alla vittoria nei 100 in 56″02 mentre Alice Mizzau non scende sotto i due minuti nei 200 fermandosi sul 2’01″54, poco meno di un secondo più veloce di Paola Biagioli.

Swim Stats | Gwangju 2019, gli Italiani ai Mondiali

Novella Calligaris, Gabriele Detti, Giorgio Lamberti, Massimiliano Rosolino, Alessio Boggiatto, Filippo Magnini, Federica Pellegrini, Alessia Filippi, Gregorio Paltrinieri: questi sono i nomi, in rigoroso ordine cronologico, degli 8 atleti italiani capaci di salire...

Andrea Vergani vola al Mondiale di Gwangju

Andrea Vergani risulta iscritto nei 50 stile libero ai prossimi 18th FINA World Championships di Gwangju, in programma dal 12 al 28 luglio prossimi. La notizia non è ancora stata ufficializzata, ma dalle pagine del sito ufficiale FIN l'atleta risulta iscritto nella...

Swim Stats, cosa resta del Mondiale di Budapest 2017

Mancano davvero pochi giorni a Gwangju 2019, una delle edizioni dei Mondiali di nuoto più attese di sempre e di sicuro l’evento più importante del quadriennio in previsione delle Olimpiadi. Se Tokyo 2020 sarà la conclusione naturale del percorso di moltissimi atleti,...

Universiadi Napoli 2019, l’Italia chiude sesta nel medagliere del nuoto

Con la giornata di mercoledì 10 luglio si è conclusa la settimana di nuoto tra le corsie della trentesima edizione delle Universiadi. La rinnovata piscina Felice Scandone di Napoli è stata splendido teatro delle competizioni dedicate agli studenti universitari, alle...

Training Lab, la velocità nel nuoto: come e dove indirizzare l’allenamento

La sfida che da anni rappresenta un po’ una costante in tutto il nuoto mondiale da parte di atleti e allenatori riguarda la continua ottimizzazione della performance, che da un punto di vista pratico consiste nel cercare di trovare continuamente nuovi strumenti e...

Campionati Mondiali di nuoto paralimpico, i convocati per Londra

Ufficializzata la Nazionale che volerà a Londra per la IX edizione dei Campionati del Mondo di Nuoto Paralimpico, l'Aquatics Centre sede dei Giochi Olimpici e Paralimpici nel 2012 ospiterà la competizione dal 9 al 15 settembre prossimi. Saranno 22 atleti - 12 maschi e...

Capitolo maschile: ripartendo proprio dagli uomini jet eccone uno decisamente sulla cresta dell’onda. Lorenzo Zazzeri è ormai da qualche anno un punto fisso della velocità italiana e qui si conferma quantomeno mettendo la mano davanti a tutti. I tempi sono lontani parenti dei suoi migliori ma intanto l’artista toscano vince i 50 in 22″95 e i 100 in 50″48, bruciando di pochi centesimi Filippo Megli e Francesco Peron che chiudono in 50″63.

Megli che però non sbaglia nei 200, dove tocca primo in 1’49″11, mentre nei 400 cede ad Alessio Proietti Colonna che vince in 3’54″84. Come detto per Zazzeri, anche per loro il risultato cronometrico ha un valore minimo dato il momento.

Se in campo femminile il dorso è tutto under 18, tra i maschi c’è ancora qualche over che di mollare non ne vuol sapere. Matteo Milli, alla soglia dei 30 vince i 50 dorso in 26″05 e rende la vita difficile a Matteo Restivo nei 100 (55″69) dove solo un centesimo lo separa dal dottore primatista italiano della doppia distanza.

PS: nei 50, a proposito di “vecchi cagnacci” non molla un colpo nemmeno Mirco Di Tora (1986) terzo in 26″56.

La miglior prestazione maschile se la aggiudica anche qui uno spagnolo, questa volta nei 1500 stile grazie a Albert Escrits Manosa che nuota in 15’23″89, ma subito alle sue spalle in termine di prestazione a punti troviamo il 400 misti di Pier Andrea Matteazzi (4’19″36) e il 50 rana di Andrea Castello, vinto in 28″36 davanti ad Alessandro Pinzuti. Lo stesso Pinzuti chiude primo invece nei 100 in 1’03″96 davanti ad Edoardo Giorgetti, beffato anche nei 200 questa volta da Castello (2’15″45).

Infine segnaliamo la vittoria di Giacomo Carini nei 200 farfalla, unico sotto i due minuti con il crono di 1’59″01.

About The Author

Alessandro Foglio

Istruttore e nuotatore, segue il mondo del nuoto assoluto e tutti i suoi appuntamenti!

Ultimi Tweet

?>