Select Page

9° Trofeo Città di Milano, record della manifestazione per Hosszú, Ceccon e Panziera

9° Trofeo Città di Milano, record della manifestazione per Hosszú, Ceccon e Panziera

Dopo il bel pomeriggio di ieri, è tutto pronto alla piscina Samuele per la seconda sessione di gare del Trofeo Città di Milano.

In programma una buona dose di spettacolo e campioni con cinque gare sia al maschile che al femminile.

Si parte con i 50 farfalla donne e la ormai classica sfida tra Ilaria Bianchi ed Elena Di Liddo: l’atleta dell’Aniene la spunta con il tempo di 26,81 proprio davanti alla bolognese, che fa segnare 27,02.

Nella stessa gara al maschile ritroviamo i grandi protagonisti di ieri, Laszlo Cseh e Chad Le Clos, insieme alla coppia di delfinisti che domina in Italia, formata da Matteo Rivolta e Piero Codia. Il campione europeo dei 100 farfalla si impone su tutti in 23,85, precedendo proprio il sudafricano (23,91) e l’ungherese (23,97), più staccati Rivolta (24,45) e Vergani (24,48).

Dopo la bella prova di ieri nei 200 stile, Margherita Panziera si conferma in buona salute vincendo i 100 dorso, avvicinando il limite del minuto e stabilendo il record della manifestazione in 1:00,31. Dietro di lei una coppia di azzurre al di sotto dei 61 secondi, la primatista italiana Carlotta Zofkova (1:00,76) e Silvia Scalia (1:00,94).

Nei 100 dorso maschili il parterre è colmo di azzurri alla ricerca della prestazione: su tutti svetta Thomas Ceccon, che col tempo di 54,76 mette a referto anche il record della manifestazione. Lo segue a ruota Luca Mencarini che scende a sua volta sotto i 55 secondi (54,85), mentre sfiora il limite anche il “vecchietto” Matteo Milli (55,10).

FINA Champions Swim Series 2020, si chiude a Pechino

Seconda e conclusiva tappa per la FINA Champions Swim Series edizione 2020 che in quest'anno olimpico si riduce a una "toccata e fuga" in Cina. Un tiepido esordio a Shenzhen il 14 e 15 gennaio e si chiude questo fine settimana 18-19 gennaio a Pechino. Una scelta...

Champions Swim Series 2020, a Shenzen brillano Carraro e Di Liddo

Come fare ad organizzare la seconda stagione delle Champions Swim Series quando il conto alla rovescia in vista di Tokyo 2020 è già partito? La FINA ha deciso, nonostante le finestre disponibili siano davvero pochissime, di non abbandonare l’idea di un circuito...

Mike Maric, l’importanza del 5° stile per migliorare la fase subacquea

Il campione mondiale di apnea, membro del Team MP Michael Phelps, medico e coach di grandi campioni di nuoto, ci spiega l’importanza della gestione dell’apnea e cosa bisogna fare per migliorarla Già campione mondiale di apnea, oggi medico e docente universitario, Mike...

Italian Sportrait Awards 2020: votate i Campioni degli Sport Acquatici

Gli sport acquatici protagonisti agli Italian Sportrait Awards 2020 con cinque azzurri candidati del nuoto, due rappresentanti per i tuffi oltre alle due formazioni della pallanuoto maschile. Un segno che la dimenzione acqua dello sport sta finalmente acquisendo...

FINA Champions Swim Series, pronti per l’edizione numero 2

Tutto pronto per la seconda edizione della FINA Champions Swim Series che in quest'anno olimpico si riduce a sole due tappe, rispetto alle tre del 2019, ed entrambe in Cina. Si gareggerà infatti da domani, 14 e 15 gennaio a Shenzhen e nel fine settimana 18-19 gennaio...

Training Lab, la Rana moderna: tecniche a confronto

La rana, nota come nuotata artistica, è prima di tutto uno stile storico. Proprio perché si tratta della nuotata che più di tutti ha caratterizzato la storia del nuoto in ogni sua epoca, e continua tuttora a scrivere pagine di storia che raccontano l’evoluzione...

Con Martina Carraro assente causa problemi influenzali, i 50 rana femminili sono appannaggio di Arianna Castiglioni, alla quale basta 31,08 per importi su Ilaria Scarcella (31,69).

Nei 50 rana al maschile, Nicolò Martinenghi ha la strada spianata per la vittoria che puntualmente arriva con il tempo di 27,60. Gli fanno compagnia sul podio Andrea Toniato (28,02) e Alessandro Pinzuti (28,43).

Dopo le buone sensazioni di ieri nei 200, torna in vasca Federica Pellegrini per nuotare la distanza sulla quale si è concentrata la scorsa stagione, i 100 stile libero. Come prevedibile, la campionessa di Spinea fa gara a sé, portando a casa la vittoria con il tempo di 54,26, il migliore dei suoi tempi nuotati in occasione del Trofeo di Milano in questa distanza (il record della manifestazione appartiene a Femke Heemskerk, 53,79). Decisamente staccato il resto del gruppo, guidato dalla veterana Erika Ferraioli (55,91) e dalla romana Giada Galizi (56,04).

Nella gara regina al maschile si sfidano gli ultimi due campioni europei della distanza, Luca Dotto e Alessandro Miressi, protagonisti della velocità azzurra in cerca di sensazioni prima degli Assoluti. La spunta l’atleta di Antonio Satta con 49,28, seguito proprio da Dotto in 49,87. Il resto del gruppo è tutto sopra i 50 secondi, con Chad Le Clos (50,21) che viene preceduto dalla coppia di nati nel 1997, Alessandro Bori (terzo, 50,01) e Manuel Frigo (50,21).

Katinka Hosszú si cimenta nella sua distanza prediletta, i 400 misti, facendo agilmente segnare il record della manifestazione (4:37,21) al termine di una gara dominata dal primo all’ultimo metro. Dietro di lei soltanto Ilaria Cusinato riesce a contenere il distacco e chiude con un tempo (4:40,66) poco più alto di quello nuotato qui l’anno scorso. La lotta per il gradino più basso del podio viene vinta da Carlotta Toni (4:46.82) che precede Stefania Pirozzi e Luisa Trombetti.

La mattinata si chiude con i 400 misti maschili dominata dalla coppia dei Matteazzi: Pier Andrea (1997) vince con il record della manifestazione in 4:20,00, Massimiliano (1999) è secondo in 4:25,92.

Foto: Fabio Cetti | Corsia4

About The Author

Luca Soligo

Appassionato di sport, analizzatore di numeri e statistiche, raccoglitore di curiosità. Nato, cresciuto e peggiorato in piscina. In una parola: Fattidinuoto.

Ultimi Tweet

?>