Hangzhou è la capitale del Zhejiang, una delle province della Cina orientale.

La sede dei prossimi Campionati del Mondo di vasca corta (11/16 dicembre) è una delle città più fiorenti e moderne di tutto il paese grazie alla sua “breve” distanza da Shanghai – circa 100 km – alla sua posizione strategica all’estremità meridionale del Grande Canale ed alla sua ricca e lunga storia.

Le competizioni si terranno nella piscina “temporanea” allestita all’interno del Tennis Centre dell’Hangzhou Olympic and International Expo Centre, dove circa 1000 atleti in rappresentanza di 170 paesi si contenderanno i titoli in palio.

Gli Azzurri per Hangzhou 

Sono 14 i nostri nuotatori già qualificati per la rassegna iridata di dicembre in virtù dei risultati ottenuti all’Europeo scozzese di Glasgow essendosi classificati nelle prime tre posizioni delle gare individuali:

Andrea Vergani nei 50 stile libero
Alessandro Miressi nei 100 stile libero
Gregorio Paltrinieri nei 1500 stile libero
Matteo Restivo nei 200 dorso
Fabio Scozzoli nei 50 rana
Luca Pizzini nei 200 rana
Piero Codia nei 100 farfalla
Federico Burdisso nei 200 farfalla
Simona Quadarella nei 400 e negli 800
Carlotta Zofkova nei 100 dorso
Margherita Panziera nei 200 dorso
Arianna Castiglioni nei 50 rana e nei 100 rana
Elena Di Liddo nei 100 farfalla
Ilaria Cusinato nei 200 e nei 400 misti

Per completare la squadra nelle gare con posti ancora disponibili, fino al numero massimo di due e in base all’ordine di tempi, gli atleti che avranno ottenuto nel periodo tra l’1 ottobre e il 18 novembre, in manifestazioni nazionali o internazionali con cronometraggio elettronico, una prestazione uguale o migliore del tempo limite della tabella di riferimento.

Per la qualificazione delle staffette inserite in progetti federali mirati alla partecipazione ai Giochi Olimpici di Tokyo 2020 verranno valutate, a completamento dei nuotatori già qualificati, le prestazioni degli atleti nel periodo di gara sopraindicato.
L’ulteriore completamento della squadra, nonchè l’eventuale convocazione, in base alla loro qualità tecnica, delle staffette 4x50 e mixed, sarà definito dal Consiglio Federale, su proposta discrezionale del Direttore Tecnico.

In base a questi criteri i risultati del Campionato Italiano Assoluto di corta (Riccione, 30/11 – 1/12) non potranno essere utilizzati per la selezione della squadra italiana.

SwimStats Tokyo2020 Special | i 400 Stile Libero

Il nostro percorso verso i Giochi della XXXII Olimpiade di Tokyo2020 è quasi al termine, l'edizione speciale della nostra rubrica statistica è arrivata alla dodicesima puntata dove parleremo dei 400 stile libero specialità che vede l'Italia presente sia nel medagliere...

Training Lab, Ottimizzazione della Tecnica Quinto Stile

Le quattro nuotate riconosciute da tutte le federazioni mondiali hanno un po’ come punto in comune l’idea di dominare l’acqua, nel senso che l’obiettivo di ogni nuotatore è riposto nel ricercare una posizione che gli permetta un avanzamento ottimale. Tale situazione...

Allenamento indoor e alimentazione ai tempi del coronavirus

Per gli atleti è un momento strano. L’allenamento all’aperto è “congelato”. Piscine e palestre chiuse. In questo periodo anomalo ci vengono in soccorso Ivan Risti e Elena Casiraghi. Marito e moglie, Ivan è triatleta Aqua Sphere e coach, mentre Elena è specialista in...

Il Nuotatore Master ai tempi della quarantena

Non esiste pesce fuor d’acqua più fuor d’acqua del nuotatore master al tempo della quarantena. La chiusura delle piscine penalizza significativamente un pubblico vasto e variegato: i teneri infanti dei corsi di avviamento all’acquaticità, gli scalpitanti ragazzini...

Tokyo 2020ne, parlano i CT di nuoto e atletica Butini e La Torre

Il coronavirus ha cambiato la vita di ognuno di noi. Da più di un mese ci troviamo alle prese con piccoli e grandi problemi di riorganizzazione, di riadattamento, di ricalcolo delle nostre esistenze. Il lavoro, la scuola, lo sport, le relazioni, non sono - e...

L’International Swimming League avvia un programma di Solidarietà

L'International Swimming League ha scritto a tutte le società e atleti ISL in merito all'avvio del suo programma di solidarietà. Saranno previsti per tutti gli atleti ISL - o che firmeranno un contratto con essa - degli aiuti economici al fine di aiutare i nuotatori a...

Hangzhou in breve

Ma scopriamo qualcosa di più su questa “sconosciuta ai più” città della Cina.

Marco Polo che fu governatore della città, giunto a Hangzhou nel tredicesimo secolo, la descrisse come “la città più bella ed elegante del mondo”, mentre in Cina esiste un simile detto “in cielo c’è il Paradiso, in terra ci sono Hangzhou e Suzhou”.

Hangzhou fu una fra le sette capitali della Cina, nel X secolo, nel cosiddetto periodo denominato “Cinque Dinastie e Dieci Regni“, Hangzhou era la capitale del regno di Wuyue, governato dalla dinastia Qian.

Il Lago Occidentale – Xi Hu -l a cui secolare bellezza fa da protagonista in innumerevoli poesie e opere d’arte, ha reso Hangzhou famosa in tutto il mondo. Nei suoi dintorni sono rimasti numerosi edifici di grande importanza storica ed artistica, come il Tempio del Ritiro Spirituale Lingyinsi uno dei monasteri buddisti più famosi della Cina e la Pagoda delle Sei Armonie alta circa 60 m con pianta ottagonale: tredici piani, di cui sette in mattoni e la restante parte in legno e la particolarità della presenza di 104 campanelle, una per ogni angolo del tetto di ogni piano che suonano non appena si alza un alito di vento.

La città è conosciuta anche per i suoi numerosi prodotti locali, come la seta ed il tè verde. Il tè del Pozzo del Drago – Longjing cha – il più famoso tra i cosiddetti tè imperiali cinesi, cresce proprio sulle colline di Hangzhou, non lontano dal Lago Occidentale.

La sua posizione presso la foce del fiume Qiatang, la rende uno dei pochi luoghi al mondo dove poter osservare il mascheretto, un particolare fenomeno che si forma quando una grande massa d’acqua marina si dirige verso l’estuario del fiume formando onde alte fino a 4 metri.