Select Page

Assoluti 2019, Day4: grandi prestazioni di Restivo e Megli. Cusinato al tris

Assoluti 2019, Day4: grandi prestazioni di Restivo e Megli. Cusinato al tris

Nella quarta giornata degli Assoluti di Riccione abbiamo assistito a qualche piccola delusione e ad alcune prestazioni sottotono rispetto alle aspettative della vigilia.

Nonostante ciò, i pass individuali per i Mondiali di Gwangju sono saliti a 18 – 10 maschili, 8 femminili – e non sono mancate le gare appassionanti, con protagonisti assoluti i compagni di squadra del Florentia Nuoto Club: Matteo Restivo e Filippo Megli.

Si parte dai 100 farfalla maschi, gara in cui il Piero Codia è chiamato a confermare la grande crescita di questa estate a Glasgow, quando nuotò un pazzesco 50”64. Buonissimo passaggio del campione europeo (23”76) che conduce tutta la gara in testa ma va in difficoltà negli ultimi 20 metri, subendo la rimonta del resto dei partecipanti. Riesce comunque a vincere in 51”76, di poco lontano dal limite mondiale (51”60), seguito da Santo Condorelli (52”06) e Federico Burdisso (52”10). Ai piedi del podio, ma lontano dalla lotta, un Matteo Rivolta in difficoltà.

Seconda finale di giornata sono i 100 dorso femmine dove c’è grande attesa per Margherita Panziera, autrice ieri di un eclatante 58”92 in apertura di staffetta mista. Silvia Scalia si gioca le sue carte con una partenza fulminea ed un passaggio molto veloce (28”94), ma nella seconda parte di gara Margherita Panziera prende il largo e va a vincere in 59”77, tempo che vale il limite per i mondiali ma che non avvicina la prestazione di ieri. Argento per la Scalia (1’00”89) e bronzo per una delle quattro ragazze del 2002 della finale, Giulia D’Innocenzo (1’01”85) mentre è quarta la più giovane delle otto, Erika Gaetani (anno 2004), che si qualifica per gli EuroJunior.

Passiamo al dorso maschile, con la finale dei 200 dove il tempo per Gwangju è fissato a 1’56”80. Il favorito è Matteo Restivo, bronzo nella distanza agli europei di Glasgow e primatista italiano, che esce in testa già dopo la buona subacquea della partenza e passa ai 100 metri in 56”26, con un solco sugli altri di più di un secondo. L’azione del Carabiniere si spegne solo negli ultimi metri, quando Luca Mencarini cerca invano di rientrare: oro per Restivo e pass mondiale in 1’56”45, argento a Mencarini (1’57”65), bronzo a Emanuel Turchi (1’59”16).

Nei primi metri della finale dei 200 farfalla femmine, scappa via Ilaria Bianchi che sfrutta le sue doti veloci e tocca al comando al giro di boa in 1’01”60, ma la sua azione si spegne dopo i 150 metri, quando il gruppo rientra e la passa in toto. Il podio finale è composto da una soddisfatta Ilaria Cusinato (2’09”51), Stefania Pirozzi (2’10”05) ed Alessia Polieri (2’10”69), tutte autrici di crono non entusiasmanti e lontani dal pass mondiale.

Internazionali d’Italia, conferenza stampa del 56° Trofeo Sette Colli

Si è da poco conclusa presso il Circolo del Tennis del Foro Italico, la conferenza stampa di presentazione del 56° Trofeo Settecolli - Internazionali di Nuoto che infiammerà il prossimo fine settimana romano riportando il grande nuoto in Italia; l'evento sarà inoltre...

Bruno Fratus, la video intervista per Corsia4

Il nuotatore brasiliano specialista dei 50 stile libero Bruno Fratus è sbarcato in Italia per partecipare al prossimo 56° Trofeo Settecolli di Roma che si terrà dal 21 al 23 giugno prossimi. Abbiamo avuto l'occasione di incontrarlo martedì 18 giugno presso il Forum...

Speciale MasterS, Circuito Nord Ovest premiazioni e festa a Tortona

La terza edizione del Circuito Nord Ovest si è conclusa con il grande successo della finale di Tortona all'insegna del nuoto ma soprattutto del divertimento. Dopo le sette tappe del circuito nazionale Supermaster il 15 giugno si sono disputate le ultime gare...

Trials Australia: Campbell, Titmus, Chalmers e Larkin suonano la carica aussie. Esclusi Horton e Seebohm

La settimana di Trials a Brisbane ci ridà una nazionale australiana completa e motivata, pronta per riscattare l’edizione di Budapest 2017, forse la peggiore di sempre per il team down under, con soltanto 10 medaglie conquistate. Due anni fa l’unico titolo arrivò da...

Nuotare come meditazione

"Il tuo corpo è energia, la tua mente è energia, la tua anima è energia. Se queste tre energie funzionano in armonia, tu sei sano e integro". Cosi che il tuo corpo, la tua mente e la tua consapevolezza, possano danzare in te allo stesso ritmo, all’unisono, in...

Gare in acque libere FIN: “istruzioni per l’uso”

Nonostante i nuovi regolamenti del nuoto di fondo siano stati pubblicati ormai da diversi mesi, solo ora con l'avvicendarsi delle prime settimane di gare in acque libere ci si rende conto di come una buona parte degli atleti, dei tecnici e dei responsabili di società...

Luca Pizzini ed Edoardo Giorgetti fanno gara a parte e nuotano appaiati dal primo all’ultimo metro nei 200 rana, terminando entrambi sopra i 2’10. Pizzini vince (2’10”17) ma è visibilmente insoddisfatto della prestazione lontana dal tempo per i mondiali (2’09”00) mentre Giorgetti chiude secondo (2’10”79); il bronzo va al giovane classe 2000 Alessandro Fusco (2’13”75).

Molto incerta la finale dei 50 stile libero femmine, con le otto ragazze che nuotano sulla stessa linea fino ai 90 metri quando Nicoletta Ruberti trova il guizzo per mettere la mano davanti a tutte e chiudere in 25”17. Le altre sono chiuse tutte in mezzo secondo, con Silvia Di Pietro seconda in 25”31 e Lucrezia Raco terza in 25”37 ma decisamente lontane dal 24”70 valido per Gwangju.

Molto attesa e molto spettacolare la finale dei 200 stile maschi, dove ritroviamo a sorpresa lo stakanovista Gabriele Detti alla terza gara individuale in questi assoluti. La gara è dominata da un Filippo Megli in grande forma che, dopo un coraggioso passaggio in 51”71, chiude benissimo in 1’46”56 e stacca il biglietto per il mondiale cinese. Si qualifica anche la staffetta 4x200, con Detti argento (1’47”02), Stefano Ballo bronzo (148”05) e Matteo Ciampi quarto (1’48”17), in una finale dove tutti i partecipanti sono scesi sotto il muro dell’1’49.

La 4x200 stile femmine chiude il penultimo pomeriggio di Assoluti, in acqua anche Federica Pellegrini che mette a segno l’ennesima spettacolare rimonta più di 5 secondi sulle altre squadre riportando, dopo la sua terza frazione nuotata in 1’55”43, l’Aniene al comando della finale. La vittoria finale va alle Fiamme Oro: Panziera 1’59″56, Musso 2’00″98, Cusinato 2’01″05, Pirozzi 2’00″60, argento Aniene, bronzo Carabinieri.

Foto: Fabio Cetti | Corsia4

About The Author

Luca Soligo

Appassionato di sport, analizzatore di numeri e statistiche, raccoglitore di curiosità. Nato, cresciuto e peggiorato in piscina. In una parola: Fattidinuoto.

Ultimi Tweet

?>