Il nuotatore brasiliano Bruno Fratus con un intervista su UOL sport si fa portavoce di un importante messaggio per tutti gli atleti del mondo dello sport:

I giochi olimpici sono nostri, facciamo sentire la nostra voce

Ogni giorno in cui il CIO – Comitato Olimpico Internazionale – rimanda la decisione di rinviare i Giochi Olimpici di Tokyo e mantiene la richiesta di continuare ad allenarci in mezzo alla pandemia di coronavirus è un giorno in più che gli atleti del mondo sono sotto pressione per lasciare le loro case per allenarsi, mettendo in pericolo la propria salute, la salute delle loro famiglie e la salute di tutta la società.

Non mento. Se avessi un posto dove nuotare, ci andrei. L’obiettivo di questo ciclo di 4 anni è raggiungere il picco della forma nell’anno olimpico. Ma la crisi globale del coronavirus significa che, come poche volte nella storia, non tutti hanno la stessa opportunità di prepararsi. Le Olimpiadi perdono il loro significato, la ragion d’essere. ho preso posizione per il rinvio delle Olimpiadi.

La mia intenzione era quella di spingere quel primo pezzo di domino e spezzare l’inerzia della comunità sportiva. dopo aver deciso di parlare il mio cellulare non ha smesso di squillare. Ho parlato con diversi nuotatori, dal Brasile e da altri paesi come gli Stati Uniti, la Francia, l’Italia, l’Ungheria, l’Australia e persino il Giappone, e non ho trovato nessuno che fosse a favore delle Olimpiadi nella data programmata.

Mi alleno in una piscina pubblica a Coral Springs, negli Stati Uniti, che al momento è chiusa. Decisione corretta, indiscussa.

Vincere una medaglia olimpica è il mio sogno da quando avevo 11 anni. Questo sogno è diventato un obiettivo solido e tangibile che per anni, per quasi due decenni, ogni giorno, è nella mia mente quando mi sveglio e quando vado a dormire.

Sono i Giochi Olimpici a spostare tutti gli atleti nel mondo. Ma in questo momento, ci sono molte altre preoccupazioni nella mia testa, altre priorità. Non sono a rischio, ma i miei genitori, che hanno più di 60 anni, e soprattutto mio padre, un diabetico, lo sono.

Guardiamo le notizie, le persone muoiono in tutto il mondo e tutto ciò che possiamo fare è rimanere in isolamento.

SwimStats | I numeri della International Swimming League 2020

Il nuoto è uno sport che, per sua stessa natura, si basa sui numeri, in particolare su quelli che appaiono sul cronometro. Dalle lunghe sedute di allenamenti quotidiani fino alla gara più importante della stagione, atleti e tecnici sono abituati a leggere ed...

Open 2020, in vasca a Riccione non solo per i titoli Assoluti

Sarà un Assoluto decisamente particolare quello che si disputerà da giovedì 17 dicembre fino a sabato 19 presso lo Stadio del Nuoto di Riccione. La formula, simile a quella adottata questa estate per il Trofeo Sette Colli nel pieno rispetto delle norme...

Nuotare senza la linea nera: intervista a Carlotta Gilli, Alessia Berra e Salvatore Urso

Siamo ancora tutti ammaliati dalle meraviglie dell’International Swimming League, quest’anno più che mai ancora di salvezza per noi appassionati di nuoto. Gare, duelli, tempi mozzafiato ci hanno fatto divertire e staccare per qualche ora la spina in questi giorni...

Campionati Australiani in corta: tempi da record dai dolphins

Regali di Natale in anticipo in arrivo dalla terra di canguri! In Australia si gareggia, con i 2020 Hancock Prospecting Australian Virtual Short Course ovvero i Campionati Nazionali in vasca corta, che si sono disputati virtualmente, con cinque sedi differenti -...

Cosa resta di questa ISL2020? 5 lati positivi per ricordarla

Si può dire tutto della International Swimming League 2020 tranne che ci abbia lasciato totalmente indifferenti. Grazie anche al fatto che la pandemia ci ha tolto qualsiasi alternativa, nel mondo del nuoto abbiamo di fatto parlato per due mesi solo di ISL, sia nel...

Un po’ di (punti) FINA nella ISL2020: la TOP10 della Finale di Budapest

Avete ancora gli occhi dilatati e il battito accelerato per le luci psichedeliche della finale ISL? Siete pronti a partire e virare come Dressel, non appena la vostra piscina riaprirà? Niente di meglio che un po' di punteggi FINA, per riabituarsi alla grigia...

Naturalmente, questo non è affatto l’ideale.

Personalmente troverò un modo per prepararmi se le Olimpiadi sono la prossima settimana, a luglio o nel 2021.

Ma tutto questo è molto più grande di me, e dei miei obiettivi personali.

Nel nuoto è comune che i cicli di periodizzazione durino in media 16, 18 settimane, questo se non sei stato fermato per settimane. Come fare questo senza entrare in acqua?

Solo all’interno della piscina è possibile allenare movimenti che non sono naturali per l’uomo, come galleggiare, trattenere il respiro, la gamma di movimenti richiesti dal nuoto, la sensibilità all’acqua.

Tu, atleta, sei molto più di un semplice atleta, quindi fai un uso attivo e responsabile di quell’immagine, quella voce.

Ci impegneremo a fare la differenza nello stesso modo in cui lavoriamo per raggiungere i nostri obiettivi.

Una medaglia è qualcosa che sembra bello appeso al muro o sul gancio. Ma alla fine sono solo strumenti che fanno risaltare la tua voce. Le medaglie arrugginiscono, invecchiano, i titoli vengono dimenticati.

Penso che sia importante per gli atleti avere un’opinione pubblica sulla loro volontà. I giochi olimpici sono nostri.

Foto: Fabio Cetti | Corsia4

QUI l’Intervista originale