Select Page

Budapest 2019 | Brilla l’Italia ai Mondiali Junior

Budapest 2019 | Brilla l’Italia ai Mondiali Junior

Una stagione internazionale lunghissima, quella 2018/2019, che si è chiusa con la settima edizione dei Campionati Mondiali Giovanili, andati in scena dal 20 al 25 agosto alla Duna Aréna di Budapest, dove si svolsero anche i Mondiali Assoluti del 2017.

Due anni fa, ad Indianapolis 2017, l’Italia portò a casa cinque podi (2-1-2): a Budapest i nostri ragazzi hanno surclassato, in termini di bottino finale, la precedente spedizione, con un computo totale di medaglie, 3 ori, 2 argenti e 7 bronzi, ottenendo il quarto posto nel medagliere finale dietro a USA, Russia e Australia. Quinto posto invece nella classifica a punti con l’inserimento del Canada al quarto posto.

Alla vigilia, dopo il collegiale pre partenza di Ostia, il responsabile delle squadre giovanili Walter Bolognani era cautamente ottimista: “Non voglio parlare di medaglie, perché la stagione è stata lunga ed impegnativa, pertanto è difficile tirare fuori le ultime energie anche per atleti così giovani. Ma vorrei che molti nuotatori dimostrassero di tenerci, magari facendo i loro personali.”

Una rappresentativa, guidata da atleti già punti fermi della nazionale maggiore come Federico Burdisso (bronzo europeo a Glasgow 2018 e quarto ai recenti mondiali di Gwangju nei 200 farfalla), Benedetta Pilato (argento mondiale nei 50 rana) e Thomas Ceccon, che ha dimostrato una solidità da grande potenza mondiale e si è aggiudicata ben tre medaglie nelle staffette.

Il primo giorno con la 4x100 stile libero maschile – Federico Burdisso 49”38, Thomas Ceccon 48”59, Mario Nicotra 49”65, Stefano Nicetto 48”67 – in una gara dove le tutte e tre nazioni sul podio sono scese sotto il precedente limite del record mondiale junior. Poi con la 4x100 stile libero mixed: Federico Burdisso 49”17, Thomas Ceccon 48”65, Chiara Tarantino 55”43, Costanza Cocconcelli 55”87 ed infine con la 4x100 stile libero femminile composta da Chiara Tarantino 55”47, Maria Ginevra Masciopinto 55”39, Emma Virginia Menicucci 55”37, Gaia Pesenti 55”81.

L’assoluto protagonista dell’Italia è stato Thomas Ceccon, che oltre agli allori in staffetta porta a casa due ori ed un bronzo individuali, dimostrando di avere nelle manifestazioni giovanili quella grande sicurezza che ancora, per motivi vari, gli è mancata tra i più grandi. L’atleta delle Fiamme Oro/Leosport ha dominato i 100 dorso, nuotando il personale e record italiano junior di 53”46, ed ha trovato la zampata vincente anche nei 50 farfalla, dove con 23”37 ha messo a segno la seconda prestazione nazionale di sempre (oltre che record nazionale junior e cadetti). Thomas, che nella gara veloce della farfalla ha battuto uno dei protagonisti dei mondiali, il russo Andrei Minakov, si è poi aggiudicato anche il bronzo nei 50 dorso (25”35), a meno di due decimi dall’oro del ceco Cejka.

L’altro oro per l’Italia è arrivato da Benedetta Pilato nei 50 rana ed è quello che, alla vigilia, davamo forse per scontato. Ma la determinazione, la sicurezza ed il tempo (ancora ottimo nonostante arrivi a fine stagione, 30”60) della giovanissima atleta pugliese sono tutt’altro che da sottovalutare. La quattordicenne della Fimco ha rifilato tre decimi alla concorrenza ed ha fornito un’altra prova di grande solidità, fortificata dal personale messo a segno nella finale dei 100 rana (1’08”21), distanza che la vede in costante crescita.

EuroSwim 2019 Glasgow | La Nazionale azzurra, Burdisso rinuncia

A due settimane dall’inizio dei Campionati Europei in vasca corta, la Federazione Italiana Nuoto ha ufficializzato la lista dei 41 convocati - 24 maschi e 17 femmine - che rappresenteranno l’Italia al Tollcross International Swimming Center di Glasgow, dal 4 all'8...

43° Mussi-Lombardi-Femiano | Luci e ombre a Massarosa, Zuin pass per Glasgow

Il trittico “novembrino” che caratterizza la stagione invernale del nuoto italiano si chiude con 43° Trofeo Internazionale Mussi-Lombardi-Femiano di Massarosa. Dopo l'exploit dello scorso fine settimana a Genova, tempi e prestazioni rientrano nella norma stagionale,...

College Park ISL2019 #5 | Derby USA: LA Current e Cali Condors in finale

Prima del gran finale a Las Vegas (21/22 dicembre), la International Swimming League mischia i gironi e ci offre lo spettacolo di due tappe derby, nelle quali si scontrano tra di loro le formazioni provenienti dallo stesso continente. Il prossimo weekend toccherà alle...

Road to Glasgow: azzuri in vasca a Massarosa e Legnano. Derby USA per la ISL

Ultima chiamata per gli azzurri che tentano la qualificazione per i prossimi Campionati Europei di vasca corta in programma a Glasgow dal 4 all'8 dicembre 2019. Termina infatti domenica 17 novembre il periodo per il quale è possibile conseguire i tempi per la rassegna...

Il Nuoto e lo Stress Mentale

Mi presento, mi chiamo Marina, sono una nuotatrice master adulta (l'età non si dice e non si chiede) e voglio condividere con voi i miei stati emotivi da atleta che gareggia. Mancano 7 giorni alla gara, una settimana, gli allenamenti di rifinitura, niente di troppo...

Sun Yang e la questione doping: cosa ci dobbiamo aspettare?

Venerdì 15 novembre il TAS - Tribunale Arbitrale dello Sport - di Losanna si esprimerà in merito alla vicenda di Sun Yang e delle, ormai famose, provette distrutte. La vicenda resta uno dei casi più controversi e nebulosi della recente storia sportiva ed ha suscitato...

Altri due podi se li è guadagnati Giulia Salin, protagonista del mezzofondo e medaglia negli 800 (bronzo in 8’28”99) e nei 1500 (argento in 16’14”00). L’atleta del Nuoto Venezia, già oro agli Eurojunior di Kazan, ha trovato sulla sua strada la fortissima australiana Lani Pallister, ma si è difesa egregiamente mettendo anche a segno il personale negli 800.

Molto attese anche le prove di Federico Burdisso, che oltre al grande contributo fornito nelle staffette (record personale in apertura della 4x100 stile) arricchisce i suoi mondiali con l’argento nei 100 farfalla in 51”83 (battuto solo da Minakov, 51”25) ed il bronzo nei 200 farfalla (1’55”39). L’atleta tesserato Esercito/Tiro a Volo Nuoto arrivava da un quarto posto mondiale assoluto nella distanza e, con una condotta meno sbilanciata tra primo e secondo 100 (passaggio fulmineo in 53”12, ritorno in 1’02”27), l’oro probabilmente sarebbe stato alla sua portata (vince l’americano Urlando in 1’55”02).

Grande prestazione di Erika Gaetani (classe 2004) alle prese con le atlete di due anni più grandi e comunque bronzo nei 200 dorso. La pugliese, che nuota per la Gestisport, avvicina il suo primato personale toccando in 2’10”52, in una gara che ha visto l’oro andare alla canadese Jade Hannah (2’09”20) autrice della migliore prestazione femminile dei campionati nei 100 dorso vinti in 59″63.

In generale, un’ottima spedizione d’insieme per l’Italia, che ha portato in finale anche Costanza Cocconcelli (quinta nei 50 dorso, 28”42, ottava nei 50 farfalla, 27”21, settima nei 50 stile, 25”45), Helena Biasibetti (settima nei 50 farfalla, 26”89, ottava nei 100, 1’00”38) e Stefano Nicetto (sesto nei 100 stile libero, 49”84).

Nell’ultima sessione di gare è arrivata anche un po’ di sfortuna per i nostri colori: la 4x100 mista maschile, dopo il record italiano junior e cadetti di Thomas Ceccon in apertura (100 dorso in 53”37), è stata squalificata a causa del cambio anticipato tra Emiliano Tomasi e Federico Burdisso, mentre la 4x100 mista femminile è giunta quarta (Erika Gaetani 1’01”26, Benedetta Pilato 1’08”41, Helena Biasibetti 59”53, Chiara Tarantino 56”09) ma ben distanziata dal bronzo del Canada.

Nonostante il suo svolgimento, necessariamente, così avanti nella stagione, è stato un Mondiale Junior con spunti interessanti, dove si sono visti in acqua atleti con sicuro futuro anche tra i grandi. Oltre ai già citati Minakov e Pallister vincitori della classifica a punti FINA Trophy, in luce molti della squadra americana, tra i quali Luca Urlando (1’46”97 nei 200 stile), Carson Foster (1’58”46 nei 200 misti) e Josh Matheny (2’09”40 nei 200 rana), ma anche l‘ungherese Gabor Zombori (3’46”06 nei 400 stile), il croato Franko Grgic (autore di un 1500 da paura, 14’46”09, record del mondo junior e migliore prestazione dei Campionati) e i due mististi autori dei record mondiali di categoria, il greco Apostolos Papastamos (4’11”93) e la spagnola Alba Vazquez (4’38”53).

Spazio ora alla off-season ed alla ripresa dei carichi di allenamento, in attesa dell’annata più importante del quadriennio, quella che terminerà con i Giochi di Tokyo 2020.

Tutti  i convocati per i Campionati Mondiali Juniores, 20/25 agosto Budapest; team guidato dal responsabile delle squadre giovanili Walter Bolognani.

Helena Biasibetti (Dynamic Sport)
Federico Burdisso (Tiro a Volo Nuoto),
Thomas Ceccon (Fiamme Oro/Leosport),
Costanza Cocconcelli (NC Azzurra 91)
Paolo Conte Bonin (Team Veneto)
Claudio Antonino Faraci (Tennis Club Match Ball)
Erika Francesca Gaetani (Gestisport)
Ivan Giovannoni (Tiro a Volo Nuoto)
Maria Ginevra Masciopinto (Fimco Sport)
Emma Virginia Menicucci (Sisport)
Stefano Nicetto (Team Veneto)
Mario Nicotra (Team Nuoto Toscana Empoli)
Gaia Pesenti (Team Trezzo Nuoto)
Benedetta Pilato (Fimco Sport)
Giulia Salin (Nuoto Venezia)
Chiara Tarantino (Gestisport)
Emiliano Tomasi (RN Torino)

About The Author

Luca Soligo

Appassionato di sport, analizzatore di numeri e statistiche, raccoglitore di curiosità. Nato, cresciuto e peggiorato in piscina. In una parola: Fattidinuoto.

Ultimi Tweet

?>