Sono terminati i Campionati Nazionali Britannici che si sono svolti dal 16 al 21 aprile presso il Tollcross International Swimming Centre di Glasgow in Scozia.

Da questa manifestazione escono i nomi dei cinque qualificati di diritto per i Mondiali coreani, sono i vincitori (tutti uomini) delle distanze olimpiche che hanno nuotato un tempo inferiore al limite proposto dalla federazione (vedi link a fondo articolo), mentre altri atleti – fino ad un massimo di 8 – potranno essere selezionati a discrezione del National Performance Director e dell’Head Coach.

Adam Peaty (100 ra), Duncan Scott (100 sl e 200 mx), Daniel Jervis (1500 sl), Max Litchfield (400 mx) e James Wilby (200 ra) sono i campioni britannici che hanno conquistato il pass in vasca, scopriamo nel nostro recap tutti i dettagli di questi Campionati.

Star indiscussa del nuoto britannico è Adam Peaty che mette a segno la sua doppietta nei 50 e 100 rana. Ma è soprattutto nella distanza olimpica che sembra non aver rivali chiudendo in 57.87 – passaggio in 26.63! – e rimanendo a oggi l’unico uomo ad avere nuotato questa distanza sotto i 58 secondi.

Nella vasca singola il suo 26.49 è la migliore prestazione stagionale per qualche giorno sino alla finale brasiliana con Gomes Jr e Lima che lo scavalcano nel ranking rispettivamente con 26.42 e 26.48, ma visto il passaggio del 100 non avranno vita facile al Mondiale.

Nei 100 argento per James Wilby in 58.66 con un tempo inferiore al limite richiesto per Gwangju, pass conquistato nei 200 grazie al crono di 2.07.49 (4° crono stagionale). Sul podio nelle tre distanze Ross Murdoch che si prende l’argento nei 50 (27.45) e nei 200 (2.07.96) con un tempo che lo qualificherebbe per il Mondiale, mentre è bronzo nei 100 in 59.21.

Altro protagonista della rassegna britannica è stato Duncan Scott che vince cinque medaglie diventando campione britannico per tre volte e aggiungendo due piazze d’onore. Nei 100 stile libero nuota il nuovo record nazionale in 47.87 (23.10 + 24.77) migliorando di 3 centesimi quanto fissato a Sheffield nel 2017, ottenendo il pass mondiale (TL 48.00) e il 4° posto stagionale. Segnaliamo inoltre i crono ottenuti nella Transition final – riservata agli atleti nati dal 1996 in poi – da Matthew Richards 16enne con 49.98 e Jacob Whittle con 50.37 record della categoria “14 anni”.

Oro anche nei 200 stile, il suo 1.45.63 vale il terzo crono stagionale, lasciando dietro James Guy 1.46.34 e Thomas Dean (1.46.86) argento nei 200 misti con 1.58.89 (nuovo record britannico categoria “18 anni”) sempre dietro a Scott vincente in 1.56.65 che si piazza alvertice del ranking stagionale e a un solo centesimo dal record nazionale di Litchfield.

Infine altre due medaglie, entrambe d’argento, conquistate nella farfalla: nei 100 con 52.25 e nei 200 in 1.57 netti, in entrambe le prove dietro a James Guy vincente in 51.97 e 1.56.51 ma deluso soprattutto nei 100 di non aver centrato l’obiettivo del pass. Triplo bronzo nella farfalla per Jacob Peters con i crono di 24.03, 52.47 e 1.59.14.

Daniel Jervis è il mattatore dello stile libero “lungo” nei 1500 prenota un posto per la Corea vincendo in solitaria con 14.46.51 e nuotando il terzo crono stagionale, così come nei 400 stile con 3.47.57 dove però il tempo limite rimane a due secondi.
Negli 800 lascia spazio a Samuel Budd oro in 7.59.72 e bronzo nei 400 in 3.52.26.

Nella vasca singola a stile Benjamin Proud con 21.50 rimane per un giorno re della velocità stagionale (a 5 centesimi dal tempo limite), battuto poi dal 21.47 del brasiliano Bruno Fratus. A farfalla vince agilmente  in 23.25.

Passiamo al dorso: nei 50 Thomas Howdle mette il suo sigillo con 25.33, doppietta per Luke Greenback nei 100 in 53.92 gara in cui segnaliamo il bronzo di Nicholas Pyle, classe 2000, con il nuovo record britannico “18 anni” di 54.82 e nei 200 in 1.55.89.

Infine nei 400 misti Max Litchfield con 4.10.94 strappa il pass per i Mondiali e si posiziona dietro a Daiya Seto nei ranking della specialità.

ItalNuoto e Olimpiadi | il Medagliere azzurro

Oggi inauguriamo una nuova rubrica che ci accompagnerà - speriamo - verso le prossime Olimpiadi di Tokyo2020one. Vi racconteremo, con numeri, grafiche e aneddoti la storia degli azzurri del nuoto alle Olimpiadi. In questo primo appuntamento scopriremo il Medagliere...

Training Lab, Modelli di allenamento a confronto: esempio della Gran Bretagna

Per rendersi conto del livello sempre più elevato del nuoto mondiale, al di là del miglioramento dei record, basta porre attenzione al crescere della densità delle prestazioni negli appuntamenti agonistici di primo piano, le Olimpiadi in primis. Infatti, in occasione...

Le affinità elettive: il calendario gare e me

Tipo... hai presente quell’amico di infanzia, con cui giocavi tutti i giorni, con cui eri in simbiosi, con cui avevi stabilito un rapporto fraterno? Quello che ad un certo punto le strade si sono separate, senza rancori nè traumi, solo per casi diversi della vita?...

Corsia Master, Regionali Liguria 2021 alla Sciorba il 20 e 21 febbraio

Il Comitato Regionale Ligure come previsto da calendario nazionale, organizza i propri Campionati Regionali riservati alla categoria Master che si svolgeranno a Genova sabato 20 e domenica 21 febbraio 2021 presso la piscina dell’impianto Polisportivo “La Sciorba”. I...

Gli appuntamenti del nuoto in vasca e acque libere verso Tokyo2020one

2021! Sappiamo tutti che non basterà svoltare l’angolo del nuovo anno per ritornare a godere al 100% del nostro amato mondo del nuoto. La strada è ancora lunga e gli imprevisti sono all’ordine del giorno. Ma un sogno si staglia all’orizzonte: i Giochi Olimpici. Per...

Nuovo Anno e Gratitudine

Il 2020 si conclude così, con un inizio che si potrebbe definire ordinario, ed una fine all’interno di una situazione straordinaria: la pandemia. Proviamo a spostare il focus da tutti questi temi: il virus COVID-19, la fatica da Pandemia, la capacità di far fronte...

Passiamo al settore femminile, sicuramente meno performante rispetto agli uomini, tant’è vero che nessun pass è stato ottenuto con i criteri in vigore.

Partiamo dallo stile libero: Anna Hopkin si aggiudica la vasca singola in 24.99 (argento nella doppia distanza in 54.02) davanti a Emily Barclay (25.09) e Freya Anderson (25.12) che si aggiudica i 100 in 53.79 con il nuovo record britannico “18 anni” scalzando Francesca Halsall che nel 2008 nuotò in 53.81 alle Olimpiadi di Pechino. Vittoria anche nei 200 stile libero in 1.58.22 bruciando per un solo centesimo Holly Hibbot. La 20enne si rifa nei 400, distanza che l’ha vista sul gradino più basso del podio nell’europeo 2018, con il crono di 4.08.50 davanti a Leah Crisp (4.12.52) che si laurea campionessa sia negli 800 stile in 8.42.61 che nei 1500 in 16.44.29.

Nella farfalla Charlotte Atkinson si prende i 50 in 26.80, mentre è argento nei 100 (58.30) dietro a Alys Thomas 58.20 che vince anche i 200 con 2.07.40 a tre decimi dal tempo limite, secondo posto per Laura Stephens con 2.07.96 (bronzo nei 100 in 58.82).

Doppietta nel dorso veloce per Georgia Davies: nei 50 vince in 28.10 mentre nei 100 con 1.00.31 è lontana oltre un secondo dal pass, argento per Jessica Fullalove in 1.00.84 che si prende la doppia distanza in 2.09.74.

Nei 50 rana Sarah Vasey è l’unica sotto il muro dei 31 secondi chiudendo in 30.82, terza poi nei 100 con 1.07.62 vinti dall’outsider Jocelyn Ulyett (1.07.35) davanti alla 17enne Tatiana Belongoff (1.07.61). Solo quarta Molly Renshow (1.07.75) vincitrice dei 200 con un buon 2.23.42 e un deludente sesto posto per Imogen Clarck (1.08.34).

Nei 200 misti vince Siobhan-Marie O’Connor con 2.10.34 a mezzo secondo dal tempo limite, mentre nei 400 misti Aimee Willmott è oro in 4.36.98 (5° crono stagionale) rifilando oltre secondi ad Abbie Wood (4.40.44), solo terza il bronzo di Glasgow 2018 Hannah Miley (4.42.68).

Da Glasgow è tutto… al prossimo Campionato!

Per saperne di più...

Criteri di Selezione per i Mondiali di Gwangju 2019: Tabella tempi limite

 

 

Foto: Fabio Cetti | Corsia4