Select Page

Campionati Nazionali, Adam Peaty e Duncan Scott brillano a Glasgow

Campionati Nazionali, Adam Peaty e Duncan Scott brillano a Glasgow

Sono terminati i Campionati Nazionali Britannici che si sono svolti dal 16 al 21 aprile presso il Tollcross International Swimming Centre di Glasgow in Scozia.

Da questa manifestazione escono i nomi dei cinque qualificati di diritto per i Mondiali coreani, sono i vincitori (tutti uomini) delle distanze olimpiche che hanno nuotato un tempo inferiore al limite proposto dalla federazione (vedi link a fondo articolo), mentre altri atleti – fino ad un massimo di 8 – potranno essere selezionati a discrezione del National Performance Director e dell’Head Coach.

Adam Peaty (100 ra), Duncan Scott (100 sl e 200 mx), Daniel Jervis (1500 sl), Max Litchfield (400 mx) e James Wilby (200 ra) sono i campioni britannici che hanno conquistato il pass in vasca, scopriamo nel nostro recap tutti i dettagli di questi Campionati.

Star indiscussa del nuoto britannico è Adam Peaty che mette a segno la sua doppietta nei 50 e 100 rana. Ma è soprattutto nella distanza olimpica che sembra non aver rivali chiudendo in 57.87 – passaggio in 26.63! – e rimanendo a oggi l’unico uomo ad avere nuotato questa distanza sotto i 58 secondi.

Nella vasca singola il suo 26.49 è la migliore prestazione stagionale per qualche giorno sino alla finale brasiliana con Gomes Jr e Lima che lo scavalcano nel ranking rispettivamente con 26.42 e 26.48, ma visto il passaggio del 100 non avranno vita facile al Mondiale.

Nei 100 argento per James Wilby in 58.66 con un tempo inferiore al limite richiesto per Gwangju, pass conquistato nei 200 grazie al crono di 2.07.49 (4° crono stagionale). Sul podio nelle tre distanze Ross Murdoch che si prende l’argento nei 50 (27.45) e nei 200 (2.07.96) con un tempo che lo qualificherebbe per il Mondiale, mentre è bronzo nei 100 in 59.21.

Altro protagonista della rassegna britannica è stato Duncan Scott che vince cinque medaglie diventando campione britannico per tre volte e aggiungendo due piazze d’onore. Nei 100 stile libero nuota il nuovo record nazionale in 47.87 (23.10 + 24.77) migliorando di 3 centesimi quanto fissato a Sheffield nel 2017, ottenendo il pass mondiale (TL 48.00) e il 4° posto stagionale. Segnaliamo inoltre i crono ottenuti nella Transition final – riservata agli atleti nati dal 1996 in poi – da Matthew Richards 16enne con 49.98 e Jacob Whittle con 50.37 record della categoria “14 anni”.

Oro anche nei 200 stile, il suo 1.45.63 vale il terzo crono stagionale, lasciando dietro James Guy 1.46.34 e Thomas Dean (1.46.86) argento nei 200 misti con 1.58.89 (nuovo record britannico categoria “18 anni”) sempre dietro a Scott vincente in 1.56.65 che si piazza alvertice del ranking stagionale e a un solo centesimo dal record nazionale di Litchfield.

Infine altre due medaglie, entrambe d’argento, conquistate nella farfalla: nei 100 con 52.25 e nei 200 in 1.57 netti, in entrambe le prove dietro a James Guy vincente in 51.97 e 1.56.51 ma deluso soprattutto nei 100 di non aver centrato l’obiettivo del pass. Triplo bronzo nella farfalla per Jacob Peters con i crono di 24.03, 52.47 e 1.59.14.

Daniel Jervis è il mattatore dello stile libero “lungo” nei 1500 prenota un posto per la Corea vincendo in solitaria con 14.46.51 e nuotando il terzo crono stagionale, così come nei 400 stile con 3.47.57 dove però il tempo limite rimane a due secondi.
Negli 800 lascia spazio a Samuel Budd oro in 7.59.72 e bronzo nei 400 in 3.52.26.

Nella vasca singola a stile Benjamin Proud con 21.50 rimane per un giorno re della velocità stagionale (a 5 centesimi dal tempo limite), battuto poi dal 21.47 del brasiliano Bruno Fratus. A farfalla vince agilmente  in 23.25.

Passiamo al dorso: nei 50 Thomas Howdle mette il suo sigillo con 25.33, doppietta per Luke Greenback nei 100 in 53.92 gara in cui segnaliamo il bronzo di Nicholas Pyle, classe 2000, con il nuovo record britannico “18 anni” di 54.82 e nei 200 in 1.55.89.

Infine nei 400 misti Max Litchfield con 4.10.94 strappa il pass per i Mondiali e si posiziona dietro a Daiya Seto nei ranking della specialità.

Storie di Nuoto: Grant Hackett, The Machine

The Machine è il soprannome che la stampa australiana ha dato a Grant Hackett nel tentativo, perfettamente riuscito, di descrivere la sua inarrestabile capacità di annientare le gare attraverso ritmi che soltanto una macchina avrebbe potuto mantenere. La precisione...

World Series, i fuoriclasse del nuoto paralimpico a Lignano

Si è tenuta la mattina del 23 maggio la conferenza stampa di presentazione della tappa di Lignano Sabbiadoro delle World Series di nuoto paralimpico, in programma dal 30 maggio al 2 giugno prossimi nella piscina del Villaggio Bella Italia. La manifestazione sarà...

Ufficializzato il calendario della ISL2019, Napoli sarà la seconda tappa

Le stelle del nuoto mondiale si troveranno in vasca per la prima edizione della International Swimming League 2019 che inizierà a ottobre e toccherà sette diverse città fra gli Stati Uniti e l'Europa. Anche l'Italia ospiterà il nuoto spettacolo: è la città di Napoli...

Sandro Campagna fra le 11 nuove stelle della International Swimming Hall of Fame

La prestigiosa cerimonia d'ingresso nella International Swimming Hall of Fame di Fort Lauderdale, in Florida si è svolta nella notte tra il 18 e il 19 maggio. Fra le undici nuove stelle del mondo acquatico è ufficialmente entrato Alessandro Campagna ora CT della...

Atlanta Swim Meet e TYR Pro Swim: fulmini e saette dagli States

Si accendono le luci d'America sul nuoto mondiale! Nel week end concentrato di emozioni dagli States, con due grandi manifestazioni che si sono sfidate a distanza a suon di nomi e tempi di spessore: TYR Pro Swim Series a Bloomington (Indiana) e Atlanta Classic Swim...

Pillole di Nuoto, flash dal mondo: c’è chi parte, chi torna e chi smette… forse

Anche maggio sembra non essere riuscito a portare la primavera, ma il mondo acquatico è sempre in fermento e ci regala le sue pillole per questa edizione tutte clorate. C'è chi ha voglia di cambiare, chi si prende una pausa o forse qualcosa di più e chi invece non...

Passiamo al settore femminile, sicuramente meno performante rispetto agli uomini, tant’è vero che nessun pass è stato ottenuto con i criteri in vigore.

Partiamo dallo stile libero: Anna Hopkin si aggiudica la vasca singola in 24.99 (argento nella doppia distanza in 54.02) davanti a Emily Barclay (25.09) e Freya Anderson (25.12) che si aggiudica i 100 in 53.79 con il nuovo record britannico “18 anni” scalzando Francesca Halsall che nel 2008 nuotò in 53.81 alle Olimpiadi di Pechino. Vittoria anche nei 200 stile libero in 1.58.22 bruciando per un solo centesimo Holly Hibbot. La 20enne si rifa nei 400, distanza che l’ha vista sul gradino più basso del podio nell’europeo 2018, con il crono di 4.08.50 davanti a Leah Crisp (4.12.52) che si laurea campionessa sia negli 800 stile in 8.42.61 che nei 1500 in 16.44.29.

Nella farfalla Charlotte Atkinson si prende i 50 in 26.80, mentre è argento nei 100 (58.30) dietro a Alys Thomas 58.20 che vince anche i 200 con 2.07.40 a tre decimi dal tempo limite, secondo posto per Laura Stephens con 2.07.96 (bronzo nei 100 in 58.82).

Doppietta nel dorso veloce per Georgia Davies: nei 50 vince in 28.10 mentre nei 100 con 1.00.31 è lontana oltre un secondo dal pass, argento per Jessica Fullalove in 1.00.84 che si prende la doppia distanza in 2.09.74.

Nei 50 rana Sarah Vasey è l’unica sotto il muro dei 31 secondi chiudendo in 30.82, terza poi nei 100 con 1.07.62 vinti dall’outsider Jocelyn Ulyett (1.07.35) davanti alla 17enne Tatiana Belongoff (1.07.61). Solo quarta Molly Renshow (1.07.75) vincitrice dei 200 con un buon 2.23.42 e un deludente sesto posto per Imogen Clarck (1.08.34).

Nei 200 misti vince Siobhan-Marie O’Connor con 2.10.34 a mezzo secondo dal tempo limite, mentre nei 400 misti Aimee Willmott è oro in 4.36.98 (5° crono stagionale) rifilando oltre secondi ad Abbie Wood (4.40.44), solo terza il bronzo di Glasgow 2018 Hannah Miley (4.42.68).

Da Glasgow è tutto… al prossimo Campionato!

Per saperne di più...

Criteri di Selezione per i Mondiali di Gwangju 2019: Tabella tempi limite

 

 

Foto: Fabio Cetti | Corsia4

About The Author

Responsabile di redazione, istruttore di nuoto, ex-ago di nuoto e salvamento, “Ing-mamma-atleta” Master

Ultimi Tweet

?>