Come fare ad organizzare la seconda stagione delle Champions Swim Series quando il conto alla rovescia in vista di Tokyo 2020 è già partito?

La FINA ha deciso, nonostante le finestre disponibili siano davvero pochissime, di non abbandonare l’idea di un circuito professionistico primaverile che, insieme alla World Cup, dovrebbe in qualche modo contrapporsi alla International Swimming League e dare ai nuotatori un’ulteriore possibilità di guadagno e visibilità.

Gli organizzatori hanno quindi scelto di ridurre drasticamente l’impegno, organizzando due tappe molto ravvicinate tra loro – 14/15 e 18/19 gennaio – entrambe in Cina, coprendo il continente che la ISL ha lasciato scoperto, almeno nella sua prima stagione.

In questo modo gli spostamenti per gli atleti, e per l’organizzazione che si accolla le spese, sono meno pesanti e sicuramente più sostenibili in un periodo dell’anno nel quale, solitamente, si tende a non uscire molto dal seminato per non rischiare di compromettere la preparazione.

Ne viene fuori una manifestazione che non azzarda, non presenta i connotati di rivoluzione e voglia di cambiamento che ha invece la ISL, ma ha un tono rassicurante, sicuramente più vicino a quello che siamo abituati a vedere nelle canoniche gare internazionali come Mondiali ed Europei.

Gli atleti sono convocati ad invito, quattro per ogni gara, e ricevono un gettone presenza di 3000 dollari, oltre ai premi che partono dalla base di 5000 dollari per il quarto classificato fino ai 10000 per il primo. Il programma completo si svolge su due giornate che si concludono con le staffette 4x100 mista-stile e 4x100 mista-mista.

La prima tappa si è svolta a Shenzen, presso lo Shenzhen Universiade Center Swimming Natatorium già sede delle Universiadi del 2011 ed aveva tra i grandi nomi alcuni dei nuotatori più attivi a livello internazionale, come Ranomi Kromowidjojo (5 gare, 1 vittoria), Michael Andrew (7 gare, 0 vittorie) e l’immancabile Katinka Hosszú (6 gare, 2 vittorie).

Anche l’idolo di casa Sun Yang, dopo una iniziale rinuncia, ha partecipato e dato vita ad un bellissimo duello con Danas Rapsys, vincendo i 400 stile (3’44”02) ed arrivando secondo nei 200 nella gara forse più tirata del weekend (1’46”50 contro 1’46”53).

Molto corposa la componente di atleti cinesi protagonisti, tra i quali il tifatissimo Xu Jiayu, bicampione mondiale nei 100 dorso e qui vincitore di 50 (24”63) e 100 (53”75) e la velocista Liu Xiang, vincitrice dei 50 stile con il record asiatico e migliore prestazione stagionale (24”04) e dei 50 dorso (27”36). Bene anche la giovane (2002) Yang Junxuan, oro nei 200 stile femminili con l’interessante tempo di 1’55”52, davanti ad un altro nome da tenere d’occhio – soprattutto per Federica Pellegrini – Siobhan Haughey (Hong Kong), poi vincitrice dei 100 (53”47).

La stagione agonistica dei Master al tempo del coronavirus

  Ci eravamo lasciati a inizio estate, con il superamento del lockdown e le piscine che coraggiosamente riaprivano i battenti, consentendo alla nostra più o meno attempata comunità di irriducibili delle corsie di riprendere confidenza con l’elemento liquido e con...

Sydney2000 Special, la 4×100 stile e il Rock ‘n’ Roll Australiano

Meno di un mese prima dell’inizio delle Olimpiadi di Sydney, la nazionale australiana di nuoto si trova in collegiale a Melbourne. Ci sono tutti, da Michael Klim a Grant Hackett, da Ian Thorpe a Kieren Perkins. È una nazionale piena di stelle che si sta preparando per...

Training Lab, Errori biomeccanici nello stile libero come causa di infortunio nei nuotatori

In uno sport ciclico come il nuoto, l’elevata ripetitività di alcuni gesti tecnici pone inevitabilmente i nuotatori ad affrontare l’argomento infortuni. Proprio per evitare di fasciarsi la testa con assunzioni approssimative e non veritiere occorre analizzare meglio...

ISL2020 | Scopriamo i team della seconda edizione

Tramite una videoconferenza stampa in diretta da Parigi - leggi QUI l'articolo di presentazione - il Presidente Konstantin Grigorishin ed i suoi collaboratori hanno formalizzato il ritorno della International Swimming League, annunciando l’organizzazione della seconda...

Swim Stats | La storia dei 200 stile libero: Federica Pellegrini

Nel mondo del nuoto, sono pochissimi i binomi gara-atleta che si connettono automaticamente come i 200 stile libero e Federica Pellegrini. Negli ultimi 15 anni di competizioni, Fede ha vinto tutto quello che c’è da vincere, battuto record ed avversarie, rivoluzionato...

ISL2020 | l’International Swimming League ai blocchi di partenza

In un anno maledetto, che ci ha privato purtroppo ma giustamente, di tutto il meglio che c’era da aspettare acquaticamente parlando (Giochi, vi aspettiamo l’anno prossimo, niente scherzi) un lampo di speranza arriva dalla nuova lega del nuoto di Konstantin...

La presenza italiana, limitata alle sole Elena Di Liddo e Martina Carraro, è stata meno numerosa rispetto all’edizione 2019 ma molto qualitativa.

La ranista ligure ha vinto i 50 con la miglior prestazione stagionale (30”38), i 100 con un tempo non lontano dal suo record italiano (1’06”85), ed è giunta terza nei 200 (2’27”59), dimostrando uno stato di forma già eccezionale ed una grande attitudine alle competizioni.

La delfinista pugliese non è stata da meno e si è aggiudicata i 100 (58”37) mettendo in fila rivali come Ottesen, Kromowidjojo e Hosszú, arrivando poi terza nei 50 (26”69). La Di Liddo ha avuto anche l’onore di dare il nome e capitanare la staffetta 4x100 mista-mista che ha vinto l’evento in chiusura, insieme ad Apostolous Christou, Yan Zibei e Ajna Keseli.

Queste manifestazioni ci hanno anche insegnato a guardare oltre le prestazioni cronometriche e le gare dei big, per scoprire tra le corsie nuovi probabili protagonisti.

Tra questi di sicuro il russo Andrei Minakov, oro nei 100 stile (48”94) e 100 farfalla (51”73), o l’olandese Arno Kamminga, autore del record nazionale nella vittoria nei 100 rana (58”61).

Un evento non indimenticabile che difficilmente potrà attirare nuovi fan del nuoto o rivoluzionare la disciplina, ma che soddisfa la fame di nuoto di appassionati e addetti ai lavori: nel fine settimana si replica a Pechino, allo Ying Dong Swimming Natatorium.