50 Farfalla Uomini
Gara subito agguerrita sin dalla prima batteria con prestazioni molto attaccate al muro dei 23″. Miglior tempo per il russo Oleg Kostin in 22″56. Immediatamente alle sue spalle il gigante Florent Manaudou che regola in sicurezza la qualificazione in 22″56. Al terzo posto un sorprendente Uemitcan Gueres dalla Turchia in 22″69.

Passano il turno in coppia Thomas Ceccon e Piero Codia con il 13esimo tempo, per entrambi 23″01. Si dicono soddisfatti per il momento, ma entrambi vogliono abbattere il muro dei 23″ questo pomeriggio. Solo 19° Matteo Rivolta con 23″14.

50 Dorso Donne
L’Olandese Kira Toussaint in 26″04 ottiene il miglior tempo con un margine di ben mezzo secondo sulla ceca Simona Kubova (26″60) e sulla danese Jensen (26″63). Silvia Scalia ottiene una qualificazione in 26″81 che la vede al sesto posto. Prestazione che fa ben sperare in quanto ha dichiarato di far fatica nel gareggiare al mattino.

Anche la giovanissima Costanza Cocconcelli riesce a qualificarsi con il quindicesimo tempo in 27″48. Prestazione anche per lei non delle migliori, in quanto un po’ scarica dalla grande finale di ieri dei 100 misti.

100 Stile libero Uomini
Gara regina partita un po’ in sordina nelle prime batterie. In casa Italia concorenza interna molto agguerrita. Inizia la sfida il veneto Manuel Frigo, non molto a suo agio in vasca corta, vittima di un passaggio già lento non riesce ad andare oltre il 48″10. Subito dopo l’oriundo Santo Condorelli fa un po’ meglio in 47″62. Immediatamente dopo Alessandro Miressi appare controllare la gara in 46″96 con un passaggio molto controllato soprattutto i primi 25 metri. Proprio lui è l’unico italiano qualificato alle semifinali con il settimo tempo complessivo.

In conclusione danno segnali ben precisi i due russi Grinev, primo in 46″16 e Morozov secondo in 46″46. Sempre in ottima forma il britannico Duncan Scott terzo in 46″72. Segnali di risveglio dalla Francia con un ottimo Maxime Grousset in 46″81.

200 Stile libero Donne
Gara che noi italiani teniamo sempre sott’occhio per via della Divina Federica Pellegrini. Nella quarta batteria mostra un controllo totale della situazione e in 1’55″22 dà l’appuntamento per questa sera a una finale molto interessante.

Solo l’olandese Heemskerk e la ceca Semanova le mettono la mano davanti di due decimi.

Margherita Panziera in 1’55″89 dimostra di non volersi accontentare della vittoria nel dorso e stabilisce il proprio primato personale che le permette di accedere alla finale con l’ultimo tempo utile.

Sydney2000 Special, la 4×100 stile e il Rock ‘n’ Roll Australiano

Meno di un mese prima dell’inizio delle Olimpiadi di Sydney, la nazionale australiana di nuoto si trova in collegiale a Melbourne. Ci sono tutti, da Michael Klim a Grant Hackett, da Ian Thorpe a Kieren Perkins. È una nazionale piena di stelle che si sta preparando per...

Training Lab, Errori biomeccanici nello stile libero come causa di infortunio nei nuotatori

In uno sport ciclico come il nuoto, l’elevata ripetitività di alcuni gesti tecnici pone inevitabilmente i nuotatori ad affrontare l’argomento infortuni. Proprio per evitare di fasciarsi la testa con assunzioni approssimative e non veritiere occorre analizzare meglio...

ISL2020 | Scopriamo i team della seconda edizione

Tramite una videoconferenza stampa in diretta da Parigi - leggi QUI l'articolo di presentazione - il Presidente Konstantin Grigorishin ed i suoi collaboratori hanno formalizzato il ritorno della International Swimming League, annunciando l’organizzazione della seconda...

Swim Stats | La storia dei 200 stile libero: Federica Pellegrini

Nel mondo del nuoto, sono pochissimi i binomi gara-atleta che si connettono automaticamente come i 200 stile libero e Federica Pellegrini. Negli ultimi 15 anni di competizioni, Fede ha vinto tutto quello che c’è da vincere, battuto record ed avversarie, rivoluzionato...

ISL2020 | l’International Swimming League ai blocchi di partenza

In un anno maledetto, che ci ha privato purtroppo ma giustamente, di tutto il meglio che c’era da aspettare acquaticamente parlando (Giochi, vi aspettiamo l’anno prossimo, niente scherzi) un lampo di speranza arriva dalla nuova lega del nuoto di Konstantin...

L’Appello dei ragazzi della piscina Marimisti di Brindisi: “vogliamo nuotare!”

Settembre è iniziato, tante sono le realtà sportive che volenti o nolenti si trovano a fare i conti con un panorama decisamente cambiato, principalmente a causa della pandemia, che ha rotto molti equilibri, in alcuni casi già putroppo precari. Oggi diamo spazio a una...

100 Farfalla Donne
Anche in questa gara l’Italia ha un ruolo da protagonista. Al comando Elena Di Liddo con il crono di 56″46, margine di 7 decimi sulla russa Surkova e la danese Bekamann. Ilaria Bianchi per il momento deve accontentarsi della qualificazione a 57″68 (settimo tempo). Dopo l’emozionante gara sulla doppia distanza di ieri, la condizione per andar forte c’è.

100 Misti Uomini
Nella gara in vasca corta per definizione miglior tempo per il greco Vazaios, unico sotto i 52″ probbilmente galvanizzato dalla vittoria di ieri. Il nostro Marco Orsi c’è, subito terzo in 52″43.

Il giovane talento Ceccon si qualifica in tranquillità ottenendo il nono tempo in 52″62, mentre Giovanni Izzo chiude 14° in 53″19 e Alberto Razzetti 19° in 53″59.

200 Misti Donne
Ilaria Cusinato con il terzo tempo dimostra di poter competere per un’altra medaglia. Prestazione da 2’09″25 alle spalle della britannica O’Connor (2’08″92) e della svizzera Ugolkova (2’09″05).

Anna Pirovano chiude 11ª con il crono di 2’11″69, mentre l’infaticabile Costanza Cocconcelli è 19ª con 2’13″10.

Staffetta 4x50 SL Mixed
Polonia a pari crono con la Russia 1’30″84 seguono la Gran Bretagna a 6 centesimi e il quartetto azzurro Deplano, Condorelli, Di Pietro e Panziera a 1’31″27.

Passano Francia, Bielorussia, Irlanda e Germania, stasera sarà lotta per le medaglie.