Golden Tour Camille Muffat  – Meeting Internazionale di Nizza

Torna l’appuntamento clou del nuoto francese dedicato alla campionessa Olimpica di Londra 2012 deceduta in un incidente aereo nel 2015.

A Nizza non solo i francesi hanno testato la loro forma in vista dei Campionati Nazionali – dal 14 al 19 aprile – che li porteranno fino a Tokyo, ma anche una discreta delegazioni di atleti di tutto il mondo.

Protagonista è come al solito Katinka Hosszú, che torna Iron Lady grazie ad un programma gare massacrante!

Venerdì 7: 6 gare al mattino nel giro di quattro ore, compresi i 1500 (vinti in 16’27’’83) e cinque finali al pomeriggio, con un secondo posto nei 200 misti e tanti piazzamenti.

Sabato 8: 5 prove al mattino, con 400 misti, 200 stile, 200 dorso e 200 rana e tre finali al pomeriggio, dove vince i 400 misti in 4’38’’60 davanti a Fantine Lesaffre che chiude in 4’39’’73.

Domenica 9: 5 gare al mattino, con tra le altre 200 farfalla e 400 stile, e tre finali al pomeriggio.

Insomma, anche senza allenatore, la stella magiara sembra voler continuare a intraprendere i suoi tour de force massacranti in giro per il mondo, ripetendo quella tipologia di allenamento che le aveva permesso di emergere a livello assoluto a cavallo della stagione 2014-2015!

Sydney2000 Special, la 4×100 stile e il Rock ‘n’ Roll Australiano

Meno di un mese prima dell’inizio delle Olimpiadi di Sydney, la nazionale australiana di nuoto si trova in collegiale a Melbourne. Ci sono tutti, da Michael Klim a Grant Hackett, da Ian Thorpe a Kieren Perkins. È una nazionale piena di stelle che si sta preparando per...

Training Lab, Errori biomeccanici nello stile libero come causa di infortunio nei nuotatori

In uno sport ciclico come il nuoto, l’elevata ripetitività di alcuni gesti tecnici pone inevitabilmente i nuotatori ad affrontare l’argomento infortuni. Proprio per evitare di fasciarsi la testa con assunzioni approssimative e non veritiere occorre analizzare meglio...

ISL2020 | Scopriamo i team della seconda edizione

Tramite una videoconferenza stampa in diretta da Parigi - leggi QUI l'articolo di presentazione - il Presidente Konstantin Grigorishin ed i suoi collaboratori hanno formalizzato il ritorno della International Swimming League, annunciando l’organizzazione della seconda...

Swim Stats | La storia dei 200 stile libero: Federica Pellegrini

Nel mondo del nuoto, sono pochissimi i binomi gara-atleta che si connettono automaticamente come i 200 stile libero e Federica Pellegrini. Negli ultimi 15 anni di competizioni, Fede ha vinto tutto quello che c’è da vincere, battuto record ed avversarie, rivoluzionato...

ISL2020 | l’International Swimming League ai blocchi di partenza

In un anno maledetto, che ci ha privato purtroppo ma giustamente, di tutto il meglio che c’era da aspettare acquaticamente parlando (Giochi, vi aspettiamo l’anno prossimo, niente scherzi) un lampo di speranza arriva dalla nuova lega del nuoto di Konstantin...

L’Appello dei ragazzi della piscina Marimisti di Brindisi: “vogliamo nuotare!”

Settembre è iniziato, tante sono le realtà sportive che volenti o nolenti si trovano a fare i conti con un panorama decisamente cambiato, principalmente a causa della pandemia, che ha rotto molti equilibri, in alcuni casi già putroppo precari. Oggi diamo spazio a una...

Ma se la Hosszú punta sulla quantità, non è mancata la qualità a Nizza. Kathleen Baker è la stella d’oltre Oceano più brillante!

La statunitense vince i 200 misti in 2’08’’75, i 50 dorso in 27’’77 e i soprattutto i 200 dorso in 2’07’’22, quarto crono mondiale stagionale.

Per i padroni di casa risponde la più in forma e la più forte delle atlete francesi al momento, ovvero Charlotte Bonnet!

La stile liberista transalpina vince i 100 in 54’’19 davanti a Michelle Coleman con 54’’87 e i 200 in 1’58’’45. Prove maiuscole made France anche per Melanie Henique, che si impone nei 50 stile in 24’’86 (anche qui nuovamente seconda la Coleman) e nei 50 farfalla, vinti in 25’’83.

Infine tra le donne buona la prova della britannica Laura Stephens che nuota i 200 farfalla con un perentorio 2’08’’94, unica sotto i 2’10’’mentre nei 100 si impone la statunitense Kendyl Stewart in 58’’72.

Campo maschile che risponde presente, con diversi squilli in arrivo da tutta Europa. Su tutti è sfida a distanza con lo svizzero Jeremy Desplanches, dominatore dei misti con i 200 vinti in 1’57’’76 e i 400 in 4’14’’76 (davanti a Dávid Verrasztó con 4’16’’37). Non solo i quattro stili per il classe 1994, ma anche lo squillo nei 100 farfalla conquistati in 52’’84 davanti al bielorusso Yauhen Tsurkin, che però si impone nei 50 con 23’’74.

Altro grande protagonista è Apostolos Christou, greco coetaneo e rivale di molte sfide del nostro Simone Sabbioni. Per lui tris nel dorso, con i 50 vinti in 25’’46, i 100 in 54’’08 e i 200 in 1’58’’72. Alle sue spalle sempre il promettente talento francese Yohann Ndoye Brouard, classe 2000 che tocca rispettivamente in 25’’53 – 54’’35 – 1’59’’86.

E l’Italia?

C’è eccome, merito di Giacomo Carini, che vince i 200 farfalla in 1’58’’45 (ed è poi quarto nei 100) ma anche al successo dell’atleta svizzera della Rari Nantes Torino Lisa Mamiè nei 200 rana in 2’25’’56.

Il Golden Tour Camille Muffat tornerà con la seconda tappa di Marsiglia dal 20 al 22 marzo, au revoir.

Foto: Fabio Cetti | Corsia4