Select Page

Gwangju 2019 | Sarah Sjöström in conferenza stampa

Gwangju 2019 | Sarah Sjöström in conferenza stampa

Abbiamo incontrato la svedese Sarah Sjöström durante la conferenza stampa a casa Arena [23 luglio].

Giunta al suo sesto Campionato del mondo è la campionessa olimpica in carica dei 100 farfalla – Rio 2016 – e detentrice del record del mondo,  specialità in cui proprio ieri ha dovuto cedere lo scettro alla giovane canadese Margaret Macneil.

Dopo l’esordio nei 100 farfalla e la finale dei 200 stile libero di oggi pomeriggio, la vedremo ancora gareggiare nei 50 e 100 stile e 50 farfalla.

Perché James Gibson e Energy Standard?

Mi alleno ancora come base a Stoccolma, ho aggiunto gli allenamenti ad Antalya con Energy Standard perché ho ritenuto di avere davvero bisogno di cambiare dopo più di 10 anni il contesto per i miei allenamenti. È un team estremamente professionale e sono seguita in maniera eccellente. Quando sono a Stoccolma sono cosi impegnata da non avere tempo a volte per il recupero.

Come stai dopo la finale dei 100 farfalla di ieri?

Sto bene sono contenta di aver vinto un altra medaglia naturalmente sarebbe stato meglio fosse d’oro ma sono sorprendentemente contenta della mia gara e della medaglia d’argento. Ho fatto tutto bene la virata, l’arrivo. Forse mi sono sentita un po’ “pesante” nella vasca di ritorno ma comunque meglio rispetto lo scorso anno. Adesso devo lavorare sulla tecnica cosi da essere più veloce in questa gara.

I Ragazzi chiudono gli Italiani di Categoria. I convocati per i Mondiali Junior

Si sono chiusi anche i Campionati Nazionali della Categoria Ragazzi - leggi il REPORT delle categorie maggiori - con lo Stadio del Nuoto di Roma palcoscenico della grande festa per gli atleti nati nel 2003-2004 maschi (totale 494) e 2005-2006 femmine (totale 322). Un...

Apnea sportiva, il progetto dei Nuotatori del Carroccio

Sappiamo ormai come i grandi campioni del nuoto abbiano inserito nella loro programmazione delle sedute specifiche di allenamento dedicate all'apnea sia in acqua che a secco. La cura dei dettagli e dei particolari è importante non solo per gli atleti di alto livello,...

Training Lab, speciale Gwangju2019 | L’analisi tecnica del mondiale

Un altro Campionato del mondo in vasca lunga è appena terminato e, come tutte l'edizioni preolimpiche, ha già delineato un quadro ben preciso in alcune specialità, come allo stesso tempo mostra molte carte ancora da scoprire in altre. Di sicuro è stato un campionato...

Mondiali Gwangju 2019 | Top & Flop made in Italy

Fratelli d'Italia! Quando il nostro inno risuona nelle piscine di tutto il mondo, chiunque, dall'Australia alla Cina, canta con noi. E, di recente, è toccato agli amici della Corea sentire le note di Mameli al Nambu Acquatics Center. L'edizione numero diciotto del...

Italiani di Categoria, a Roma si chiude la stagione nazionale

Terminata la prima parte dei Campionati Nazionali di Categoria, la grande festa estiva del nuoto in chiusura della stagione agonistica italiana, che ha visto in acqua allo Stadio del Nuoto di Roma le categorie Junior, Cadetti e Senior dal 1 al 4 agosto. In questa...

Traversata della Manica | Oriana test positivo nel lago di Poschiavo

''Mai limitare le proprie sfide ma sfidare costantemente i propri limiti per superarli con la massima determinazione'' Andrea Oriana ha sintetizzato con le parole che concentrano la sua caparbietà l'esito positivo del test finale di preparazione alla sua sfida, la...
Sei ritornata a gareggiare nei 200 stile come mai?

Uno dei motivi per raccogliere punti per team energy standard. Devo nuotare al mio meglio per il team. Devo avere poi la capacità aerobica per poter gareggiare in tutte le mie gare e sono tante. Quando faccio i 200 stile divento un po’ più “aggressiva”. Se faccio un buon 200 stile sento poi di poter fare qualsiasi cosa.

Ieri sul podio avete avuto un pensiero per Rikako Ikee hai un messaggio per lei?

Lei è un’amica e quando ho saputo della sua malattia per me è stato devastante sono rimasta senza parole. Volevamo farle sapere che la pensavamo così ho proposto di mandarle un segnale dal podio. Spero si riprenda al più presto per tornare a fare ciò che ama.

Come ti senti a dover difendere il titolo olimpico?

Vincere l’oro alla mia terza Olimpiade è stato un sogno che si è trasformato in realtà. Ho spinto al massimo, mi sono detta se non vinco ora probabilmente non potrò mai piu vincere l’oro. Sono stata la prima nuotatrice svedese a vincere oro olimpico.

Sono felice di essere stata in grado di reggere la pressione. Tokyo è una delle mie città preferite. Sto lavorando bene sono sicura della mia preparazione e devo solo sperare di raccogliere i risultati di questo lavoro. In ogni caso mi divertirò.

Foto: Fabio Cetti | Corsia4

Intervista: press conference casa Arena

About The Author

Rispondi

Ultimi Tweet

?>