Tutto pronto al Mandalay Bay Resort di Las Vegas, il palcoscenico – la piscina temporanea – è stato allestito sono attesi gli attori principali di questa prima edizione della International Swimming League  i quattro team che si contenderanno la vittoria finale.

Lo scontro finale vedrà i due top club europei – London Roar e Energy Standard – affrontare le due squadre con base USA:  Cali Condors e LA Current.

Energy Standard vincitore di misura nel derby d’Europa sui London Roar approda in finale come unico team imbattuto nella regular season, i Cali Condors arrivano da una doppia sconfitta da Energy e Los Angeles rispettivamente nelle tappe di Napoli e College Park.

Mandalay Bay, Las Vegas (USA) – 20/21 dicembre 2019

I due match si terranno in sessioni di circa 2 ore ciascuna venerdì 20 dicembre 2019 e sabato 21 dicembre 2019 a partire dalle 13:00 ora locale, le 22.00 italiane dove saranno trasmesse dal cnale Eurosport.

La posta in gioco aumenta per la finale: il premio per il miglior performer in termini di punteggio sarà raddoppiato, l’ “MVP di Las Vegas” guadagnerà 10 k$. Inoltre, il top-scorer dell’intera stagione, “ISL Season MVP“, vincerà un incredibile premio di 50 k$.

In totale, saranno disponibili quasi 1,5 milioni di dollari in premi in denaro.

Programma Gare

Venerdì 20 dicembre – ore 22.00 (Italia)
100 farfalla F/M
50 rana F/M
400 mx F/M
4x100 sl F
200 dorso M/F
50 stile libero M/F
4x100 mx M
200 stile libero F/M
50 dorso F/M
200 rana F/M
4x100 stile libero M

Sabato 21 dicembre – ore 22.00 (Italia)
100 stile libero F/M
100 rana F/M
400 stile libero F/M
4x100 mx F
200 mx M/F
50 farfalla M/F
100 dorso M/F
4x100 stile libero Mix
200 farfalla F/M
50 stile libero Skin F/M
4x50 mx Mix (SOLO in caso di pareggio delle squadre)

Andrea Oriana e Sabrina Peron gli assi azzurri della Manica

Da oltre 100 anni è considerata l’Everest dei nuotatori: stiamo parlando dello Stretto della Manica, una delle imprese più ardue del mondo delle acque libere. E se i 35 chilometri da affrontare possono sembrare semplici rispetto ad altre imprese in giro per il mondo,...

Sydney2000 Special, la 4×100 stile e il Rock ‘n’ Roll Australiano

Meno di un mese prima dell’inizio delle Olimpiadi di Sydney, la nazionale australiana di nuoto si trova in collegiale a Melbourne. Ci sono tutti, da Michael Klim a Grant Hackett, da Ian Thorpe a Kieren Perkins. È una nazionale piena di stelle che si sta preparando per...

Training Lab, Errori biomeccanici nello stile libero come causa di infortunio nei nuotatori

In uno sport ciclico come il nuoto, l’elevata ripetitività di alcuni gesti tecnici pone inevitabilmente i nuotatori ad affrontare l’argomento infortuni. Proprio per evitare di fasciarsi la testa con assunzioni approssimative e non veritiere occorre analizzare meglio...

ISL2020 | Scopriamo i team della seconda edizione

Tramite una videoconferenza stampa in diretta da Parigi - leggi QUI l'articolo di presentazione - il Presidente Konstantin Grigorishin ed i suoi collaboratori hanno formalizzato il ritorno della International Swimming League, annunciando l’organizzazione della seconda...

Swim Stats | La storia dei 200 stile libero: Federica Pellegrini

Nel mondo del nuoto, sono pochissimi i binomi gara-atleta che si connettono automaticamente come i 200 stile libero e Federica Pellegrini. Negli ultimi 15 anni di competizioni, Fede ha vinto tutto quello che c’è da vincere, battuto record ed avversarie, rivoluzionato...

ISL2020 | l’International Swimming League ai blocchi di partenza

In un anno maledetto, che ci ha privato purtroppo ma giustamente, di tutto il meglio che c’era da aspettare acquaticamente parlando (Giochi, vi aspettiamo l’anno prossimo, niente scherzi) un lampo di speranza arriva dalla nuova lega del nuoto di Konstantin...

La finale di Las Vegas presenterà alcuni dei migliori nuotatori di questo sport, tra cui Caeleb Dressel, Sarah Sjöström, Adam Peaty e Nathan Adrian.

Dressel è stato il nuotatore più produttivo della stagione inaugurale dell’ISL, conquistando il titolo MVP in entrambe le sue apparizioni con punteggi da record. Il 23enne Cali Condor è innegabilmente una delle più grandi star del nuoto dopo i suoi sei ori e otto medaglie complessive ai Campionati del Mondo 2019.

Compagna di team la ranista Lilly King, con un perfetto 9 su 9 finora negli eventi di rana femminile della ISL che cercherà di finire la stagione imbattuta.

La Sjöström – Energy Standard – è stata uno degli elmenti fondamentali per mantenere il suo club imbattuto per tutta la stagione, guida il campionato in punti mentre con l’obiettivo di vincere il bonus di 50 k$ per la stagione MVP. La svedese è estremamente versatile in tutti gli eventi a stile libero e delfino ed è attualmente detentrice di sei singoli record mondiali.

Il suo compagno di squadra Chad Le Clos si presenta con la vittoria MVP del derby europeo di Londra, e sarà un ottimo avversario per tutti e tre gli eventi maschili delle farfalla.

Adam Peaty, capitano dei London Roar, è il ranista più forte del pianeta, avendo vinto l’oro olimpico 2016 nei 100 rana insieme a tre titoli consecutivi dei campionati mondiali nei 50 e 100.

Insieme al britannico in questa squadra con base a Londra ci sono la dorsista Minna Atherton, l’unica nuotatrice a stabilire un record mondiale nell’ISL, e la sua collega australiana Kyle Chalmers, che è il campione olimpico in carica nei 100 stile liberi e darà filo da torcere a Dressel.

Nathan Adrian, medaglia d’oro olimpica di Londra 2012 nei 100 stile libero, guida il club LA Current popolato di atleti americani di alto livello. Tra questi ci sono Matt Grevers, campione olimpico del 2012 nel 100 dorso, e Ryan Murphy, medaglia d’oro in carica nei 100 e 200.

Regole, punteggi

Per ogni evento scenderanno in acqua due atleti per ogni team, due formazioni per le staffette.

I punti assegnati saranno raddoppiati rispetto alla regular season:

  1. 18 punti
  2. 14 punti
  3. 12 punti
  4. 10 punti
  5. 8 punti
  6. 6 punti
  7. 4 punti
  8. 2 punti

Riguardo ai premi in denaro, nella finale ogni punto equivale 1k$ per gli atleti.

Gli atleti riceveranno i punti in base alla posizione: 6 per il primo posto, 4 per il secondo, 2 per il terzo e 1 per il quarto.
Le Skin Race portano punteggio triplo, mentre le staffette doppio (al singolo atleta sarà destinato il 25% del punteggio).

Foto: Fabio Cetti | Corsia4