Nonostante continuino a giungere notizie di rinvii ed annullamenti di gare e manifestazioni in tutto il mondo, qualche piccolo passo verso la normalità sportiva sta avvenendo: nello scorso fine settimana si è svolto il 54° Meeting Internazionale di Ginevra, che ha visto coinvolti diversi atleti di livello, da Federica Pellegrini a Kira Toussaint, da Nicolò Martinenghi ad Arno Kamminga.

Vediamo com’è andata.

Day 1 – venerdì 15 gennaio

Osservata speciale del weekend di gare ovviamente Federica Pellegrini, che dopo aver nuotato agli Assoluti di dicembre con una condizione non perfetta a causa dell’interruzione per il Covid, riparte da qui per preparare al meglio la stagione che la porterà verso la quinta Olimpiade.

Nella prima giornata di gare, la campionessa di Spinea ha vinto i 200 dorso, gara che in carriera ha spesso usato per prendere confidenza con la vasca o per variare dalle sue classiche distanze, in 2’13”45 (record della manifestazione), battendo la specialista della vasca corta Kira Toussaint.

È partito con i 200, ma rana, anche Nicolò Martinenghi, che è arrivato secondo (2’15”31) dietro ad Arno Kamminga, vincitore con il nuovo record della manifestazione, 2’09”35.

Da segnalare anche la presenza di Damien Joly record della manifestazione nei 1500 con un tutt’altro che indimenticabile 15’19”68 e di Anna Egorova che chiude in 4’12”34 nei 400 stile.

Presenti nelle finali anche Giacomo Carini, secondo nei 100 farfalla in 53”30, e Lorenzo Glessi, quarto nei 100 farfalla in 54”45, mentre Stefania Pirozzi giunge seconda nei 100 farfalla con il personale di 1’00”99.

ItalNuoto e Olimpiadi | Luca Sacchi e la tradizione italiana dei misti

1992, Barcellona, Giochi della XXV Olimpiade estiva, come già accaduto nel 1988, per salvare la spedizione dobbiamo aspettare la finale dei 400 misti. Alla sua seconda apparizione tra gli otto più forti del mondo, il 24enne Luca Sacchi reduce da un biennio ad...

Assoluti 2021 confermati a Riccione dal 31 marzo al 3 aprile. Il 29 marzo fondo indoor

Il Campionato Assoluto primaverile di nuoto si svolgerà dal 31 marzo al 3 aprile allo Stadio del Nuoto di Riccione con la formula delle batterie e delle finali, eccetto che per gli 800 e 1500 stile libero che si disputeranno a serie. Il Campionato Italiano indoor di...

Raduni Nazionale: continua il lavoro a Cervinia e Roma. Il Salvamento riparte da Milano

Gli azzurri di interesse nazionale continuano la loro preparazione stagionale con diversi raduni. A Roma il Centro di preparazione olimpica Giulio Onesti vede alternarsi diversi gruppi - qui i precedenti convocati - sono al lavoro da domenica una selezione di...

ItalNuoto e Olimpiadi | Stefano Battistelli la prima medaglia olimpica maschile

1988, Seul, Giochi della XXIV Olimpiade estiva, la Nazionale Italiana ripone la maggior parte delle speranze nel talentuoso Giorgio Lamberti. Il nuoto azzurro troverà invece la sua prima medaglia maschile grazie ad un 18enne romano. Ed eccoci al sesto appuntamento con...

Il sogno Olimpico di un bambino

Cosa accade nella testa di un piccolo atleta durante una Olimpiade? Stiamo pensando a tutti quei bambini che sono in età di poter sognare con un minimo di concretezza. Spesso, ogni sportivo individua il proprio modello a cui ispirarsi, una icona, insomma un’atleta che...

Idoneità alla attività agonistica per atleti non professionisti guariti dal Covid-19

“Se conosci il nemico e te stesso, la tua vittoria è sicura” sentenziava ottimisticamente Sun-Tzu nell’Arte della Guerra. E non c’è dubbio che da un anno a questa parte, il nemico pubblico numero uno per la società in generale, e per la comunità dei nuotatori in...

Day 2 – sabato 16 gennaio

La copertina del secondo giorno di finali va a Martinenghi, che con un roboante 26”68 vince i 50 rana e mette a segno il record della manifestazione, oltre ad andare a 12 centesimi dal suo record italiano. Dietro a lui, Kamminga (27”46) e Alessandro Pinzuti (27”59).

Vittorie anche per Federica Pellegrini, nei 100 stile in 55”35, e per Stefania Pirozzi, nei 400 misti in 4’54”78, mentre Giacomo Carini arriva secondo nei 200 misti dietro a Jeremy Desplanches (record della manifestazione in 1’58”77).

Grande prestazione per lo svizzero classe 2000 Roman Mityukov, che nei 200 dorso mette a segno il record svizzero (1’57”39) e strappa il biglietto per Tokyo 2020ne.

Day 3 – domenica 17 gennaio

Federica Pellegrini nuota il primo 200 stile del 2021 e vince, con il tempo di 1’59”07, precedendo Marrit Steenberger e Stefania Pirozzi. I suoi passaggi – 27”95, 30”08, 30”22, 30”82 – fotografano perfettamente il periodo di carico intenso che sta attraversando, così come del resto tutti i nuotatori proiettati verso le Olimpiadi.

Continua a confermarsi su livelli altissimi Nicolò Martinenghi, che nei 100 rana vince in 59”10 (passaggio 27”71), battendo di 11 centesimi Arno Kamminga ed inaugurando al meglio la sua avventura con il Circolo Canottieri Aniene, per il quale si è appena tesserato. Terzo Alessandro Pinzuti in 1’01”13.

A chiudere la rassegna di risultati degli italiani, Giacomo Carini vince i 200 farfalla in 1’58”95, mentre Lorenzo Glessi è terzo nei 100 dorso (55”66) vinti da Ndoye Brouard (53”92).

Foto: Fabio Cetti | Corsia4